Siete quì: Sociale Pesaro e Urbino > Avis Pesaro

Avis Pesaro

avisAvis Pesaro-Urbino e i 3 Centri Trasfusionali provinciali saranno collegati alla rete telematica regionale
Sangue più sicuro con la nuova dotazione informatica
Con la strumentazione donata dalla Fondazione cambiano anche le modalità di prelievo

Il Servizio Trasfusionale dell’Ospedale di Pesaro, insieme a quelli di Fano e Urbino, si è integrato alla rete telematica trasfusionale regionale. Il collegamento telematico, donato dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Pesaro, è stato presentato questa mattina a Pesaro e permetterà un maggior coordinamento del lavoro svolto dall’AVIS Provinciale di Pesaro e Urbino e dall’Azienda Ospedaliera.

La novità consentirà di rendere più sicuro ed efficiente il sistema della donazione, con ricadute importanti sul servizio e sugli utenti.. In primo luogo il collegamento telematico permetterà di trasmettere al Centro trasfusionale regionale le richieste di esami centralizzati e di acquisire in modo automatico le risposte registrando tutte le informazioni relative alle unità di sangue e di emocomponenti inviate e ricevute, annullando così eventuali errori di inserimento manuale. Il modem permetterà inoltre agli operatori di ricevere informazioni relative a donatori (ad esempio sullo stato di idoneità o sull’ultima donazione prestata) che dovessero risultare presenti sia nel proprio archivio, sia in quelli di altri centri trasfusionali.

Cambieranno, e in meglio, anche le abitudini dei volontari. Un indubitabile vantaggio è rappresentato dal fatto che ogni équipe sanitaria in uscita per servizi d’emergenza potrà disporre in tempo reale di tutte le informazioni relative al registro dei donatori. Infine, i volontari Avis appartenenti ad una qualsiasi sezione afferente al Centro Trasfusionale potrà recarsi a donare in una sede di prelievo servito da Pesaro. In altre parole, gli sarà consentita la donazione in quanto le sue informazioni sanitarie saranno disponibili ed aggiornate in un qualsiasi punto del sistema.

Intanto la provincia di Pesaro-Urbino continua a distinguersi per la generosità dei propri volontari. Le donazioni di sangue nei primi nove mesi del 2006 hanno registrato un incremento del 5,7% rispetto al 2005, che schizza a +23,5% se si parla di plasma, contribuendo in modo consistente al monte-donazioni su base regionale dove tuttavia si è ancora lontani dal raggiungere l’autosufficienza rispetto al fabbisogno di 60.000 unità di sangue annue.

Info: 338/ 6193788

Ufficio Stampa
Simona Spagnoli

Il pilota del Motomondiale Alex Baldolini è il nuovo testimonial dei volontari di Pesaro e Urbino
Donazioni, l’Avis salta in sella

PESARO. Per superare in velocità gli ostacoli dell’indifferenza, l’Avis ha scelto un giovane pilota del Motomondiale come testimonial. È il ventenne Alex Baldolini, originario di Cesena, che da qualche giorno porta in sella della sua 250 Aprilia, del team Campetella racing, gli appelli alla donazione per conquistare sempre più volontari nella missione “oro rosso”, il sangue, un bene ancora più prezioso durante l’estate, quando aumentano le richieste per l’arrivo del popolo dei vacanzieri.
Martedì il neo presidente della sezione avisina “G. Fontana” Giorgio Bechelli e lo staff dei donatori pesaresi hanno incontrato la giovane promessa del motociclismo italiano, in partenza alla volta delle gare al Mugello, per l’investitura ufficiale nella sede di piazzale Cinelli (foto).
Alex Baldolini ha assicurato che sarà presente durante le manifestazioni sportive organizzate dall’Avis per i giovani, tante occasioni di gioia e divertimento senza mai dimenticare che “donare sangue è prima di tutto un atto di civiltà ed esprime una grande responsabilità nei confronti di sé stessi e degli altri”.
«Se darò per primo il buon esempio? – ha risposto il pilota – ancora non sono donatore, ma sicuramente ci penserò per il futuro».

mi.bo.

Sede:
P.le Cinelli, 6
61100 Pesaro (PU)
Tel. e Fax 0721.34507
E-mail: avisprov.pesaro@tin.it

C.F. 80031330410
Ente giuridico riconosciuto con legge n. 49 del 20/02/1950
ONLUS – Iscritta Registro Volontariato

Comments

comments