Siete quì: Mostre Roma > Il telescopio di Galileo

Il telescopio di Galileo

Il Telescopio di Galileo
Lo strumento che ha cambiato il mondo

Roma, Palazzo Incontro
31 ottobre 2009 – 6 gennaio 2010

Grazie a Galileo Galilei, tra l’estate e l’autunno del 1609 l’universo assume d’un tratto una fisionomia completamente nuova. Il cannocchiale consente infatti a Galileo di confermare le rivoluzionarie teorie di Nicolò Copernico: la Terra non è immobile al centro dell’universo, ma ruota su se stessa e orbita intorno al Sole. È l’annuncio di un’astronomia e di una visione del mondo destinate a provocare sconvolgimenti straordinari.

A 400 anni di distanza da quei giorni epocali, l’Istituto e Museo di Storia della Scienza di Firenze ha dedicato al telescopio di Galileo e alle osservazioni celesti dello scienziato toscano, una mostra spettacolare, presentata per la prima volta a Firenze (4 marzo 2008 – 31 gennaio 2009) e successivamente allestita a Pechino, Filadelfia e Stoccolma con grande successo.

L’esposizione è proposta al pubblico romano dal 30 ottobre 2009 al 6 gennaio 2010 nella sede di Palazzo Incontro, per iniziativa della Provincia di Roma, organizzata in collaborazione con Civita e Opera Laboratori Fiorentini.

La mostra, curata dallo storico dell’astronomia Giorgio Strano – con la collaborazione di un comitato scientifico formato da Filippo Camerota, Paolo Del Santo, Sven Dupré, Paolo Galluzzi, Pier Andrea Mandò, Giuseppe Molesini, Francesco Palla, Albert Van Helden e Marco Verità – è divisa in sei sezioni, che costituiscono un appassionante viaggio nel tempo e nell’universo, lungo un percorso che ci permette di percepire la forte integrazione di scienza, cultura e religione tra Cinquecento e Seicento.

Il catalogo, a cura di Giorgio Strano, è edito da Giunti Editore, Firenze-Milano.
Per informazioni: http://brunelleschi.imss.fi.it/telescopiogalileo/indice.html

Riferimenti

Ufficio Stampa Civita
Barbara Izzo, tel. 06 692050220, cell. 348 8535647, izzo@civita.it
Arianna Diana, tel. 06 692050258, diana@civita.it

Segnalato dall’Ufficio Stampa di Civita

Comments

comments