Siete quì: Enogastronomia Bologna, Feste popolari Bologna > Baccanale – Miseria e Nobiltà 2009

Baccanale – Miseria e Nobiltà 2009

Imola e dintorni dal 7 al 22 novembre

baccanaleDal 7 al 22 novembre 2009 si svolgerà a Imola il Baccanale, l’annuale rassegna enogastronomica e culturale che in questa edizione porterà il titolo “Miseria e nobiltà”. Esiste da sempre una cucina contadina o domestica, frugale e rustica dove predomina la fantasia del popolo che, per compensare la mancanza di risorse materiali, si rivela fecondo di estro gastronomico. Esiste da sempre anche una cucina aristocratica e borghese raffinata, sfarzosa e abbondante di gran lunga più ricca e complessa, basata su ingredienti di qualità superiore e primizie.

Tra popolare e signorile le contaminazioni ci sono sempre state e i contorni nel tempo si sono sfumati. Cucina matriarcale o cucina d’avanguardia, integrità o contaminazione? Molteplici percorsi si svilupperanno intorno a questa tematica, che darà il via a un ricco e articolato programma capace di dosare sapientemente intrattenimento, incontri e cultura gastronomica locale.

L’artista testimonial del Baccanale 2009 è Roberto Innocenti, uno dei più importanti illustratori italiani, riconosciuto come vero e proprio maestro in tutto il mondo a partire dagli Stati Uniti dove per primi sono stati pubblicati i suoi libri. Nella stessa tavola, con la stessa cura ed il medesimo rilievo, Roberto Innocenti ha proposto una di fianco all’altra due rappresentazioni scenografiche contrastanti: da una parte la mensa povera della frugalità, della semplicità contadina, dall’altra un insieme di oggetti che richiama uno status sociale elevato e presuppone commensali che ricercano, anche nel cibo, decoro, eleganza e distinzione.

La significativa immagine di Innocenti, nel momento in cui definisce e conferma le differenze tra i due mondi della miseria e della nobiltà, rende ancora una volta evidente che non può esistere una ‘separatezza’ assoluta tra chi condivide la stessa mensa. “Particolari d’autore” è il titolo della personale di questo grande artista che sarà allestita all’interno della Salannunziata e che troverà una sua continuità in una esposizione di illustrazioni per bambini a Casa Piani. Sempre fino al 22 novembre saranno aperte al pubblico le mostre “Made in Romagna” in Biblioteca comunale con una storica collezione di stampi per passatelli a partire dal 1600 ad oggi di proprietà della Lancieri Plan from Imola e “Vassoi fatti ad arte” a Palazzo Tozzoni che proporrà 50 vassoi portavivande divenuti supporti per altrettante opere di famosi artisti.

In occasione del 40° anniversario del San Domenico la Galleria del Risorgimento ospiterà, invece, una raccolta di fotografie e cimeli del celebre ristorante imolese. Gli incontri e le conversazioni di questa edizione avranno ospiti del calibro di Piero Meldini che parlerà della cucina degli avanzi di Olindo Guerrini e Giancarlo Roversi, giornalista e scrittore, che presenterà le ricette di Alberto Alvisi cuoco del cardinale Chiaramonti vescovo di Imola nella seconda metà del settecento. Da non perdere una divertentissima serata dedicata al galateo con il più grande dei suoi maestri: Valter Rossi. Valter Rossi, con oltre cento presenze sui canali Rai e Mediaset, migliaia di ospitate nei salotti televisivi, una presenza mediatica consolidata e la nomea di maestro del bon-ton sarà a disposizione del pubblico per rispondere a domande sull’educazione, il comportamento in pubblico, ma anche tra le mura di casa, su come stare a tavola ed essere superbi padroni di casa.

E ancora cinema con la proiezione di Terra Madre di Ermanno Olmi a cura della Condotta Slow Food Imola e di Miseria e Nobiltà con il commento di Gianluca Farinelli, direttore della Cineteca di Bologna Numerose le cene a tema a Villa La Babina, all’Osteria del Vicolo Nuovo, all’Osteria Da Noi, alla particolarissima Osteria del cioccolato di Castel Guelfo, al Centro sociale Tiro a segno e al Centro Orti Belpoggio, al Ristorantino Ai Giardini, all’Enoteca Le Magie di Bacco e allo storico ristorante E Parlamintè con menu dedicato al suo assiduo frequentatore Andrea Costa a due mesi dal centenario della morte.

Degustazioni e assaggi saranno proposti a Palazzo Tozzoni con il Salotto dei Sapori di Castel Guelfo e il Salotto Europeo di Bologna, al Centro commerciale Leonardo abbinati alla proiezione di spezzoni di film tra i più conosciuti quali Casablanca e Un americano a Roma, al Chiostro di Santa Maria in Regola con l’Istituto Tecnico Agrario Scarabelli mentre al Circolo Sersanti gli chef Anacleto Cavina e Mirko Rocca rispettivamente dei ristoranti Chi du Burdel di Imola e Locanda di Bagnara si sfideranno proponendo ai loro ospiti lo stesso piatto in due versioni diverse: una tradizionale e una innovativa.

Come sempre i più interessati alla parte tecnica della preparazione di piatti buoni e belli da vedere potranno iscriversi alle scuole di cucina o ai laboratori sempre molto apprezzati proposti da Prestige Catering & Banqueting, dai Centri per bambini e genitori La casa dei giochi e La tana degli orsetti e dalla AUSL nel Complesso turistico Le Selve di Castel del Rio. Da venerdì 13 a domenica 15 novembre si riapre la rassegna dei vini dell’imolese giunta alla sedicesima edizione ed arricchita da nuovi e ghiotti appuntamenti. La consueta degustazione di vini selezionati alla presenza dei produttori locali e con la guida di un sommelier AIS si svilupperà secondo il percorso espositivo creato nel salone maggiore e nelle sale laterali del prestigioso Palazzo Marchi.

Tre le mostre mercato allestite nella galleria del Centro cittadino nelle tre domeniche della manifestazione: Sapori e saperi di oggi e di ieri curata dalla Pro Loco e Dalla terra alla tavola organizzata dal Nuovo Circondario Imolese con i produttori a vendita diretta del territorio: un’occasione imperdibile per conoscere, assaggiare ed acquistare le nostre eccellenze. Per finire musica con gli strumenti d’epoca della collezione dell’Accademia pianistica internazionale e con l’Associazione Recondite Armonie e teatro con Il Piccolo di Imola e l’attrice Tiziana Di Masi, affezionata e versatile ospite del Baccanale.

Per i piccoli gli appuntamenti sono a Casa Piani, alla Libreria Giuliana e alla Libreria dei ragazzi Giù Giù, alla Biblioteca Pippi Calzelunghe e al Teatro comunale Osservanza con spettacoli, laboratori,letture animate e naturalmente in Piazza Gramsci e in Piazza Matteotti con le divertenti animazioni di strada curate da Gambeinspalla teatro e La casa dei fuochi di Castelbolognese. Umorismo e buona cucina nella serata di chiusura della kermesse durante la quale il sindaco Daniele Manca e l’Assessore alla cultura Valter Galavotti consegneranno a Stefano Bicocchi in arte Vito, attore bolognese di grande esperienza ma anche grande grandissimo esperto di arte culinaria, il premio Garganello d’oro per la valorizzazione della cultura del cibo.

Segnalato dagli organizzatori dell’evento.
Baccanale 2009

Comments

comments