Siete quì: Eventi, Mostre Vicenza > Superleggero, installazione di Filippo La Vaccara a Vicenza

Superleggero, installazione di Filippo La Vaccara a Vicenza

A cura di Alberto Zanchetta

Piazza dei Signori, Vicenza
sabato 16 gennaio 2010
ore 18:00

filippolavaccara

SISTEMI DI CONTEMPORANEO è un progetto culturale dedicato all’arte contemporanea promosso e organizzato dall’Assessorato alla Cultura del Comune di Vicenza che intende coinvolgere i parchi, le piazze, le vie e gli edifici della città.

Nell’ambito dei SISTEMI DI CONTEMPORANEO si inserisce la programmazione di EPIDE®MIE, rassegna curata da Alberto Zanchetta che include il progetto OSSERVATORIO a cui ha aderito Filippo La Vaccara (nel loggiato della Basilica Palladiana l’artista ha allestito le vetrine del LAMeC come fossero le bacheche di un “piccolo museo sotto vetro”).

FILIPPO LA VACCARA
“SUPERLEGGERO”

In occasione della manifestazione VIE DI FUGA, alle ore 18 di sabato 16 Gennaio, Filippo La Vaccara incontrerà il pubblico per accompagnarlo nella visita della mostra “Magic Windows” allestita nel loggiato della Basilica Palladiana. Per il finissage dell’esposizione, l’artista ha inoltre previsto la realizzazione di due sculture gonfiabili che saranno “liberate” nella Piazza dei Signori, ove rimarranno fino al loro naturale deterioramento.
Rifacendosi al magico mondo della prestidigitazione, La Vaccara modellerà alcuni palloncini per dare forma a sculture effimere. Affrontando il problema in direzione opposta rispetto all’uso tradizionale, l’artista assemblerà i palloncini per ottenere forme astratte in cui l’unico elemento riconoscibile sono i palloncini stessi. Pur preservandone il senso festoso e giocoso, in esse si aggiungerà un valore estetico e scenografico assolutamente nuovo. Le sculture (una bianca e l’altra nera) saranno realizzate in loco dall’artista, il quale esplorerà le possibilità tecno-poetiche del materiale per farne una metafora della condizione umana.
Magico, immaginifico, fantastico, fiabesco sono aggettivi che ben si attagliano a descrivere la poetica di Filippo La Vaccara, le cui opere sono vere e proprie epifanie, “apparizioni” che prendono vita in un’atmosfera ovattata e assurda. Come dimostrano le altre opere esposte nelle vetrine della Basilica, si tratta di sculture leggere, quasi inconsistenti – fatte di vuoto – che mettono in evidenza il proprio aspetto artigianale, quel “fatto a mano” che esprime una naïveté sempre, profondamente, intellettualizzata. Il senso di sospensione di questi lavori risponde alla necessità di materializzare un’idea nella forma più semplice e immediata; libertà di sintesi che intende, viceversa, ricordarci che “tutto è transitorio”.

Filippo La Vaccara è nato a Catania nel 1972, vive e lavora a Milano.

Principali esposizioni personali: 2009 – La trama invisibile, Galleria Claudia Gian Ferrari e The Flat Massimo Carasi, Milano; Travel, Centro per l’Arte Contemporanea Bannata, Enna; 2007 – Capsized!, The Flat Massimo Carasi, Milano; 2004 – Il corso delle cose, The Flat Massimo Carasi, Milano; Maya: illusione, Marco Canepa Gallery, Milano; 2002 – Laboratorio, Ex Granaio, Fondazione Orestiadi, Gibellina (TP); 2001 – Filippo La Vaccara, Galleria Salvatore+Caroline Ala, Milano
Principali esposizioni collettive: 2009 – Flower power, Villa Giulia, Verbania; New Italian Epic, Brown, Milano; 2008 – Arrivi e partenze, Mole Vanvitelliana, Ancona; 2006 – Getting on mother’s nerves, Psycological drama and contemporary drawing, Mother’s Tankstation, Dublino (Irlanda) – Allarmi, Caserma De Cristoforis, Como; 2005 – Talk to the city, Fabbrica del vapore, Care of, Milano; 2004 – Per amore, Montevergini, Galleria Civica d’Arte Contemporanea di Siracusa.

Filippo La Vaccara, Senza titolo, 2006/2010 – palloncini gonfiabili

Loggiato della Basilica Palladiana
orario continuato
info Assessorato alla Cultura
tel. 0444 222122 – 222114
uffmostre@comune.vicenza.it

Segnalato da Alberto Zanchetta

Comments

comments