Siete quì: Teatro Viterbo > Civit’Arte 2010 – Festival teatrale nell’antico Borgo di Civita

Civit’Arte 2010 – Festival teatrale nell’antico Borgo di Civita

Dal 23 luglio al 17 agosto 2010
Civita e Bagnoregio (VT)

Civit'Arte 2010

Teatro e passione civile; musica e intrattenimento leggero; liriche patrimonio della letteratura italiana, e classici della commedia. E’ ricco il cartellone di Civit’Arte 2010, festival teatrale in programma a Civita e a Bagnoregio, in provincia di Viterbo, dal 23 luglio al 17 agosto.
Apertura d’eccezione, il 23 luglio, con il grande Gabriele Lavia, che legge e reinterpreta le più intense liriche di Leopardi; chiusura il 17 agosto, con lo spettacolo-concerto, “Le vie del Blues”, con Lorenzo Costa e Federica Ruggero.

In mezzo c’è spazio per l’”Orazione per Giovanni Falcone e Paolo Borsellino”, testo di forte impatto emotivo, con Giuseppe Butera, Andrea Murchio e Filippo D’Alessio, il 27 luglio; e per due commedie, il 10 agosto (“Il burbero benefico”, con Mariano Rigillo e Anna Teresa Rossini) e 12 agosto (“Spirito allegro”, con Corrado Tedeschi e Debora Caprioglio), tratte dal repertorio classico del teatro italiano. Cinque spettacoli, tutti ad ingresso gratuito, con i quali il festival nell’antico borgo torna ad affacciarsi sul proscenio artistico nazionale.

“Nonostante le profonde ristrettezze finanziarie che investono tutti gli enti locali, ed in particolar modo i comuni, anche quest’anno abbiamo avuto la capacità e la volontà di puntare, e quindi di impegnare risorse, a favore della cultura, un settore che riteniamo strategico, per un centro come il nostro. Lo abbiamo fatto con convinzione, nella certezza che investendo in cultura non viene sostenuta solamente la crescita culturale del territorio (ovviamente fondamentale), ma viene anche valorizzato il nostro ricco patrimonio di beni culturali, artistici, e ambientali, a beneficio, oltre che del prestigio, anche della crescita economica del nostro Comune. A questo proposito voglio ringraziare la Regione Lazio, la Provincia di Viterbo, e, soprattutto, il ministro della Gioventù, Giorgia Meloni, per averci supportato in questo sforzo” sottolinea il sindaco di Bagnoregio, Francesco Bigiotti

“E’ stato bellissimo collaborare con l’amministrazione comunale, nell’organizzazione di Civit’Arte 2010, manifestazione che può contare su uno scenario incomparabile. Il progetto ha una durata triennale, e si propone l’obiettivo di riportare il festival a livello nazionale. E che tale obiettivo è raggiungibile è dimostrato dal fatto che già quest’anno, nonostante la crisi economica, è stato presentato un cartellone di altissima qualità. Il teatro, del resto, ha la capacità di andare oltre tutte le crisi” aggiunge il Direttore Artistico della manifestazione, Fabrizio Vona.

Ufficio stampa
Comune di Bagnoregio
320 3119199.

Programma

Venerdì 23 luglio – ore 21.00
Piazza Luigi Cristofori – Bagnoregio
Lavia attraversa Leopardi
Gabriele Lavia
Apre in grande stile Civit’Arte 2010 con il grande attore Gabriele Lavia che con personalissima saggezza, in modo quasi esclusivo nella forma e nella sostanza, attraversa le più intense liriche leopardiane: dal Sabato del Villaggio a L’Infinito, dal Passero Solitario a A se stesso sino a Le ricordanze. Lo spettacolo propone una riflessione sul senso della vita: il tentativo è infatti quello di dare di Leopardi una lettura filosofica, per esaltare la sua capacità di rimanere sempre attuale. In un appassionato e personale “a solo” con i più noti Canti del poeta di Recanati, Lavia si conferma uno dei più importanti attori del teatro italiano. “L’Infinito” risuonerà a Bagnoregio, in un appuntamento che sarà un evento di altissimo livello culturale.

Martedì 27 luglio – ore 21.00
Piazza Luigi Cristofori – Bagnoregio
Falcone e Borsellino
ORAZIONE PER GIOVANI FALCONE E PAOLO BORSELINO
Giuseppe Butera, Andrea Murchio, Filippo d’Alessio
Uno spettacolo intenso e commovente per un testo d’impegno civile che ha ricevuto il “Premio Pippo Fava” per il Teatro.
L’ ”Orazione per Falcone e Borsellino nel giorno di San Rocco” (il santo degli appestati), propone un’attenta riflessione non già sul tragico evento di una cronaca che si è fatta storia, ma nell’UMUS culturale e sociale che ha prodotto i fatti. Sul palcoscenico si rincorreranno in gesti ed in parole la memoria storica e la speranza che una simile strage di uomini ed umanitá non abbia più luogo.

Martedì 10 agosto – ore 21.00
Piazza S.Donato – Civita di Bagnoregio
Il burbero benefico di Carlo Goldoni è un capolavoro assoluto. E’ una straordinaria commedia di caratteri, che descrive un mondo vacuo e corrotto, dove soltanto un uomo, il retto e puro Geronte, – che tutti credono “burbero” – si staglia moralmente sugli altri con la sua generosa “benevolenza”. Con sublime ironia, Goldoni ci regala un personaggio grandioso, che con un sorriso e una smorfia, cerca di rispondere alla più arcaica domanda dell’essere umano: “chi sono io?”. Tutto questo è reso più sublime dalla regia di Matteo Tarasco e da un grande cast di attori tra cui spicca il Maestro Mariano Rigillo.

Giovedi 12 agosto – ore 21.00
Piazza S.Donato – Civita di Bagnoregio
Spirito allegro – Corrado Tedeschi e Debora Caprioglio
Colpi di scena e avvenimenti imprevedibili mantengono sempre viva l’attenzione del pubblico giocando su un’evoluzione della trama e un finale del tutto inconsueti e non convenzionali. Una commedia divertente, ironica e raffinata, che senza trascendere nella banalità e nella volgarità è capace di affrontare tematiche sempre attuali. La commedia è resa ancor più brillante grazie alla capacità della coppia Corrado Tedeschi e Debora Caprioglio ed alla regia di Patrick Rossi Gastaldi.

Martedì 17 agosto – ore 21.00
Piazza Luigi Cristofori – Bagnoregio
SULLE VIE DEL BLUES
Lorenzo Costa e Federica Ruggero
Questo spettacolo-concerto ricostruisce una breve storia del Blues, attraverso la musica, la parola, l’immagine. Due attori e quattro musicisti, si muovono all’interno di una sorta di pinacoteca dove troneggiano le immagini di alcuni tra i più significativi personaggi che hanno fatto grande questo genere musicale. Gli attori-ciceroni, raccontando fatti e leggende che hanno contribuito a mitizzare gli uomini del blues, si soffermano anche sulla problematica del razzismo, senza mai perdere però, anche attraverso il dialogo con i musicisti e la loro musica dal vivo, la leggerezza e la poesia di questa splendida arte.

INGRESSO GRATUITO

Comments

comments