Siete quì: Eventi, Mostre Ferrara > Sabrina Falzone cura due collettive a Ferrara per la Biennale d’Arte

Sabrina Falzone cura due collettive a Ferrara per la Biennale d’Arte

Ferrara

7-21 dicembre 2010

Nell’ambito della quinta edizione della Biennale Internazionale d’Arte di Ferrara tra il 7 e il 21 dicembre 2010 il critico e storico dell’arte Sabrina Falzone presenterà due esposizioni d’arte contemporanea intitolate “Logos e Pathos. Una geografia intellettuale ed emozionale dell’arte” presso il Chiostro di Sant’Anna e “Luci e ombre della mente. Corrispondenze tra genio e follia” presso la Sala del Borgonuovo nel centro storico di Ferrara.
Il catalogo è curato dall’Editoriale Giorgio Mondadori, mentre l’evento si avvale del Patrocinio della Regione Emilia Romagna, del Comune di Ferrara e dell’Amministrazione Provinciale di Ferrara.
Gli artisti ammessi alla sezione espositiva “Luci e ombre della mente” sono Boz, Roberto Rodolfo Cami, Regina Di Attanasio, Jacquelin Domin, Luisa Fabris, Claudio Fazzini, Suzana Lotti, Antonella Modàffari Bartoli, Loredana Mortellaro, Francesca Pettinato, Renée e Maria Savino. Mentre tra gli autori selezionati per “Logos e Pathos” figurano Mirko Cervini, Davide Clemente, Achille De Tommaso, Marco Fattori, Vesna Pavan, Cinzia Pigini, Chiara Rossato, Martina Tapinassi, Raffaele Autunnale e Ars Maiora, un innovativo gruppo artistico formato da Marta Boccone, Fiamma Pagliari, Daniela Mantegazza, Valerio Tizzi, Gloria Giovanella, Tomaso Albertini, Ingrid Predaroli Tonesi e Ciro Belvedere.Secondo la curatrice  “Dal Bunker all’Estasi” può essere interpretato come : “Il trapasso dal Logos al Pathos, senza tuttavia escludere la simultaneità degli stati di coscienza: la coesistenza, e talvolta il conflitto, dell’istinto con la ratio.”.

Il progetto espositivo “Logos e Pathos” vuole proporre una vera e propria geografia intellettuale ed emozionale dell’arte contemporanea, analizzando con accentuata perizia il terreno delle assonanze e delle analogie che contraddistinguono due concetti complementari del temperamento umano ed è proprio sul fondamento della complementarità tra logos e pathos che gli artisti in mostra riflettono attraverso i molteplici linguaggi delle arti visive. Sul tessuto della ricerca artistica odierna, l’esposizione individua lo sposalizio tra la razionalità dell’intelletto umano e l’emisfero irrazionale dell’artista, rintraccia l’esigenza profonda di un connubio tra la realtà e la fantasia, proietta sulla tela o sulla materia l’incontro tra l’attualità e lo scenario onirico.

Gli artisti formulano nuove metodologie comunicative, affinando la sperimentazione eclettica delle tecniche artistiche e l’impiego dei materiali più disparati.

Sito ufficiale Biennale di Ferrara

Sito ufficiale Sabrina Falzone

Comments

comments