Siete quì: Eventi, Teatro Torino > KATAKLO’ A TORINO CON LOVE MACHINE

KATAKLO’ A TORINO CON LOVE MACHINE

28 e 29 Gennaio

Teatro Colosseo- Torino

Dopo l’entusiasmante successo riscosso in tutta Europa – tra cui il Fringe Festival di Edimburgo – la danza di Kataklò arriva al Teatro Colosseo di Torino con Love Machines.

Physical theatre, danza, musica e acrobazie si fondono in una performance spettacolare e coinvolgente. Nell’elaborazione delle coreografie, Giulia Staccioli ha attinto dagli studi di Leonardo Da Vinci sul corpo umano e sulle macchine: i danzatori si muovono tra paesaggi surreali e strutture dai piani inclinati sperimentando movimenti che sfuggono alle leggi naturali.

Il nuovo spettacolo di Kataklò è un viaggio di ricerca in un mondo sconosciuto e senza tempo in cui due temerari esploratori indagano il luogo misterioso in cui sono arrivati, decisi a svelarne i segreti e a scoprire nuove forme di vita. Entrano così in contatto con la comunità che lo popola: corpi e macchine vive, capaci di amore, che abitano bizzarre strutture inclinate e che li conducono fuori dagli schemi conosciuti. Qui forme e pensieri sono ribaltati, e i due protagonisti sperimentano una stabilità ed un equilibrio nuovi, rovesciati ma in armonia. I corpi-macchina di questo spettacolo sono il perno allegorico intorno a cui ruota la ricerca dei due esploratori: la forza e il coraggio di questi uomini e donne altri, diversi, le ‘love machines’ appunto, conducono i protagonisti lungo un percorso di conoscenza, che li porterà a sfidare gli equilibri stabiliti, oltrepassare le leggi della gravità, indagare i limiti di sè e del mondo circostante. Le giocose creature coinvolgeranno i due umani e li contageranno con la loro irruente energia, facendo loro scoprire una forma d’esistenza nuova e appassionata. Insieme definiranno un universo comune: una nuova luce illuminerà lo spazio, nuove linee orizzontali ne definiranno i contorni. Attraverso questa ricerca instancabile, la plasticità e l’elasticità dei movimenti, la tridimensionalità dei quadri creati dalle linee dei corpi Love Machines rende omaggio a Leonardo da Vinci. I suoi studi sul corpo umano, sul volo, sui macchinari, sulle leggi fisiche e naturali sono raccolti in scena in un viaggio simbolico ed affascinante alla ricerca della bellezza e dell’anima che li unisce. La curiosità è il vero anello di congiunzione con il pensiero leonardesco: quel bisogno di ricerca, quel desiderio instancabile e incontentabile di scavare nel mondo fisico, senza sosta e senza limiti.

Giulia Staccioli, è stata ginnasta olimpica e danzatrice con i Momix, dirige con entusiasmo e instancabile creatività dal 1995 l’intensa attività di Kataklò, compagnia internazionalmente applaudita per le qualità acrobatiche combinate con quelle teatrali. Il nome Kataklò viene dal greco antico e significa “io ballo piegandomi e contorcendomi”. Lo stile di Kataklò si basa sin dagli esordi sull’alta preparazione atletica e sulla notevole tecnica di danza di tutti gli interpreti, chiamati a mettere in campo versatilità e determinazione per sostenere l’impegnativo training fisico. Fra le importanti manifestazioni in cui la compagnia si è esibita si ricordano la rappresentazione di fronte a Papa Giovanni Paolo II in Piazza San Pietro per la XVIII Giornata Mondiale della Gioventù (2003), le Olimpiadi di Sydney (2000), la cerimonia di apertura dei Giochi olimpici di Torino (2006), il Fringe Festival di Edimburgo (2006 e 2009), il Capodanno di Hong Kong (2007), il 60nnale dell’ARS (2007), le Olimpiadi della Cultura a Pechino (2008) in rappresentanza dell’Italia su invito del Ministero della Cultura Cinese e del Comitato Olimpico di Beijing e con l’Alto Patrocinio del Ministero per gli Affari Esteri, dell’Istituto Italiano di Cultura, dell’Ambasciata italiana. Nella primavera 2010 la compagnia è stata impegnata in un tour brasiliano che ha tocco le principali città del paese.

Comments

comments