Siete quì: Eventi, Mostre Bologna > Donald Baechler: mostra al museo Magi900

Donald Baechler: mostra al museo Magi900

5 marzo-30 aprile 2011
MAGI ‘900 Museo delle eccellenze artistiche e storiche, Pieve di Cento, Bo

Sabato 5 marzo alle ore 18.00 il Museo MAGI’900 di Pieve di Cento inaugura la personale dell’artista americano Donald Baechler a cura di Vittoria Coen. In mostra, una trentina di lavori che abbracciano un arco temporale compreso tra gli anni Ottanta e gli esiti più recenti della ricerca di Baechler, tracciano un significativo percorso nella produzione artistica di uno degli artisti più interessanti emersi durante gli anni Ottanta negli Stati Uniti, molto conosciuto anche in Europa.

Nel sistema di sovrapposizioni, pittura, collage, carta, tela, soggetti ben delineati e soggetti abbozzati come nei disegni infantili, la trama delle opere di Baechler enfatizza le forme, e lo fa sempre in modo personale: profili di ragazzi accanto a fiori turgidi e ricchi di colori, ragazze stilizzate, cavalli a dondolo e molto altro ancora. I soggetti fluttuano nell’aria sospesi, tra un primo piano e un fondale che è tutt’altro che scenografia teatrale, o semplice base del lavoro.

Le forme apparentemente semplici di soggetti tratti dal mondo dei giocattoli e in generale da quello infantile, la proliferazione di segni, i particolari fantasiosi, appunti e oggetti della vita quotidiana non devono tuttavia trarre in inganno e farsi interpreti di una lettura esclusivamente ludica di un lavoro complesso e articolato. Mondo infantile e sfera degli adulti si combinano in un puzzle di cromatismi forti in contrasto con i bianchi e neri, dove ricordi sbiaditi dal tempo si accavallano ad immagini carpite dalla strada.

Se è vero, come sostiene Oscar Wilde, che l’artista usa il soggetto come un’occasione, un espediente perfino, per raccontare se stesso, allora dobbiamo saper guardare alle opere di Baechler considerando gli sfondi e i soggetti con la medesima capacità di osservazione. Un grande cono gelato, un pallone, una figuretta femminile stilizzata vista di profilo, o di schiena, una rosa rossa: tutti questi soggetti emergono da spazi affollati di volti di bambini, giocattoli, vegetazioni, segni e colori sovrapposti, poi cancellati, poi riemersi, in cui il presente e il passato continuamente si fronteggiano.

Il mondo immaginifico di Baechler si racconta agli occhi dello spettatore come una grande saga surreale che lo conduce in un’avventura in cui tutto è possibile, dove tutto acquista una dimensione verosimile e al tempo stesso irreale.

Cenni biografici
Donald Baechler nasce ad Hartford, in Connecticut, nel 1956. Studia presso il Maryland Institute College of Art di Baltimora, poi alla Cooper Union di New York e alla Hochscule fur bildende Kunste di Francoforte. Vive e lavora a New York.
Le sue opere si trovano presso importanti musei e collezioni, tra cui il Museum of Modern Art di New York, il Los Angeles Museum of Contemporary Art e il Centre Georges Pompidou di Parigi.

Sito del Magi 900

Comments

comments