Con Gobert tornato dalla squalifica, i Timberwolves affrontano l’ultima prova del nove

MINNEAPOLIS – Non dovrebbe essere così.

Quando i Minnesota Timberwolves hanno sostenuto Brinks Truck per acquisire Rudy Gobert a luglio, nessuno a livello locale si aspettava che entrassero nell’84a partita della stagione per vincere i playoff. Naturalmente, c’erano domande su come si sarebbe comportata questa formazione di due grandi nella postseason, ma alcuni credevano di non poter vincere alcune partite nella stagione regolare prima di arrivarci.

La difesa e il rimbalzo di Gobert dovrebbero dare ai Timberwolves tutto ciò di cui hanno bisogno per fare un altro passo avanti dopo l’inaspettata corsa ai playoff dell’anno scorso. È lui che ha bisogno di proteggere il bordo in modo che i Lupi non possano farlo. Brandon Clark pensava di non poter dominare una serie come ha fatto l’anno scorso con Gobert nella pittura.

Ma questo è il Minnesota, la terra dei 10.000 GM e dei cambi di coaching, dove le cose raramente vanno secondo i piani. Ora eccoli qui, Gobert e Karl-Anthony Towns, Anthony Edwards e Chris Finch, che entrano al Target Center venerdì sera per affrontare gli Oklahoma City Thunder. Vinci in casa contro una squadra giovane che non ha niente da perdere, e domenica i Wolves si recheranno a Denver per aprire una serie di playoff contro la testa di serie dei Nuggets. La stagione è iniziata in modo straziante per una squadra che ha ottenuto un sorprendente 40-42 in questa stagione, perdendo contro i New Orleans Pelicans nella sua prima partita di play-in mercoledì, ed è ora costruita per vincere.

“Ovviamente il nostro obiettivo è essere al vertice dell’Occidente”, ha detto giovedì Gobert. “È l’obiettivo all’inizio della stagione. Ma hai delle avversità, hai delle cose che non vanno per il verso giusto, fa parte della vita. Ma il bello è che siamo a due partite dal campo di casa e “Siamo a due partite dalla trasferta. Quindi, quanto siamo lontani da una stagione davvero di successo? Dimostra che eravamo vicini.

Non dovrebbero perdere Downs per 52 partite. Non dovrebbero avere difficoltà ad abituarsi allo stile di gioco unico di Gobert. Jaden McDaniels non avrebbe dovuto rompersi un braccio colpendo accidentalmente un muro di cemento. E Gobert di certo non è stato sospeso per la prima partita di play-in dei Wolves, una sconfitta per gli straordinari contro i Los Angeles Lakers martedì per aver preso a pugni Kyle Anderson. Nel padiglione. Durante una partita.

Gobert si è riunito alla squadra giovedì alle prove e si è rivolto ai media per la prima volta dalla sua sospensione. Sta ancora affrontando i limiti del mal di schiena che lo ha ostacolato contro New Orleans, ei Lakers hanno detto che non avrebbe potuto giocare la partita anche se non fosse stato squalificato.

READ  Guadagni Wells Fargo (WFC) 2Q 2023

“Stavo cercando di essere un supereroe, ma non riuscivo a muovermi”, ha detto Gobert. “Se sono là fuori e non posso muovermi, non posso essere me stesso.” È elencato come discutibile per il gioco con spasmi alla schiena, ma la maggior parte si aspetta che Gobert provi a giocare di più.

Una cosa che i Timberwolves hanno chiarito giovedì è stata che non ci sono stati rancori persistenti nelle ricadute della mischia per gran parte della settimana. Mentre i conflitti tra compagni di squadra sono un evento comune per tutta la lunga stagione, raramente si riversano sotto gli occhi del pubblico come hanno fatto domenica. Andersson ha detto che non era la prima volta che veniva battuto da un compagno di squadra nel corso degli anni. E Gobert ha detto che il suo rispetto per Anderson è alto.

“Amo ancora Kyle. È ancora mio fratello”, ha detto Gobert, “lo dico alla gente, a volte litighi con la tua famiglia. A volte litighi con persone per le quali hai molto amore e rispetto. Questa è la vita. Nessuno è perfetto. Gli errori accadono. , e poi cresci.” Farai progressi.

Gobert ha avuto un occhio di bue sulla schiena per una settimana dopo aver tirato un pugno ad Anderson. I lupi erano furiosi che Gobert avesse superato il limite e battuto Anderson. È stata la partita più importante della stagione, e davanti a 19.000 tifosi il loro lungo e polarizzante ha perso la calma per scatenare una discussione che alla fine si è riversata negli spogliatoi all’intervallo.

Il presidente delle operazioni di basket Tim Connelly ha definito il pugno di Gobert “inaccettabile” e ha trovato l’azione così brutta che è stato mandato a casa dal centro della porta a metà partita.

Per quanto i Lupi fossero delusi dalle azioni di Gobert, le fonti del team hanno affermato che c’era una certa preoccupazione mentre discutevano su come gestire il fatto che Gobert sarebbe stato considerato l’unico colpevole del conflitto. Atletico. Mentre hanno esaminato a fondo la situazione, le fonti, che hanno parlato a condizione di anonimato e hanno affermato di non essere autorizzate a parlare pubblicamente della questione, sapevano che Gobert doveva essere disciplinato per il suo comportamento. Ma le conversazioni sul comportamento di Anderson nei confronti di un compagno di squadra che cercava di giocare con deboli spasmi alla schiena erano dietro le quinte.

READ  Il principe Harry non vedrà re Carlo dopo aver fatto "alcune richieste": esperto

Alla fine, Anderson non è stato condannato. Ma ci sono state molte conversazioni con lui sulla situazione. Finch ha detto che considera il caso chiuso e crede che la squadra sia impegnata a battere i Thunder.

“Sembra tutto a posto”, ha detto Finch. “Abbiamo detto che era finita entro le 10 di domenica, e così è stato.”

Sarebbe andato bene, perché se i Wolves cadessero piatti contro i Thunder e perdessero del tutto i playoff, si qualificherebbe come una delle più grandi delusioni di sempre per un franchise sinonimo di disfunzione. Raramente i Timberwolves sono entrati nella stagione con aspettative più alte.

Follemente, i loro obiettivi dovrebbero essere ancora lì. Se ottengono una vittoria, saranno un enorme sfavorito nei playoff contro i Nuggets, che sono stati la squadra più costante in Occidente in questa stagione. Ma se Gobert, Edwards e un Mike Conley ringiovanito nel mezzo si comportano come sta giocando Downs in questo momento, una vittoria in serie non sarà fuori discussione.

Prima che i Lupi possano anche solo pensare di tirare fuori un ribaltamento dei Nuggets, dovranno superare il Tuono, un compito arduo che potrebbe inizialmente apparire.


I Timberwolves sono così grandi che devono ficcarci dentro la testa Basilica di Santa MariaLa destinazione si trova a circa un miglio lungo la strada dal centro.

Il tuono è abbastanza piccolo da superare il cartello “Devi essere così alto per cavalcare”. Montagne russe con striscia arancione Il parco divertimenti Mall of America non è scontato.

L’hype è utile per dare forma a un incontro vincente o vai a casa venerdì sera in un torneo play-in. I Timberwolves porteranno due giocatori di 7 piedi in zona d’attacco con Gobert e Downs, un grande esperimento che è stato breve per gran parte della stagione.

Anche con 6-10 Jaylin Williams che è diventato un titolare regolare e 6-10 Dario Saric che ha ottenuto più minuti di ritardo, i Thunder hanno spesso utilizzato una formazione non più alta di 6-6 in questa stagione.

I Timberwolves hanno vinto il n. Per arrivare all’ottavo posto, devono usare le loro dimensioni per punire il tuono più piccolo ogni turno. Che fulcro appropriato su cui vacilla questa stagione deludentemente irregolare. Se i loro big svolgeranno i ruoli che i Lupi si aspettavano quando hanno scambiato per Gobert a luglio e mostrassero i muscoli, potrebbero qualificarsi per i playoff per la prima volta dal 2002-03 e ’03. -04 Stagioni.

READ  Playoff NBA: la frizione 3 di Jaylen Brown stordisce l'Indiana mentre i Celtics strappano Gara 1 dai Pacers in OT

Se Josh Gidde, Shai Gilgeous-Alexander e i Thunder schierano uomini lunghi, escono in transizione, girano intorno a metà campo e Gobert, i Lupi sono diretti verso il disastro: un viaggio alla lotteria, dove si arrenderanno. Hanno scelto lo Utah come parte del commercio di Gobert.

“Giocheremo con i nostri migliori giocatori”, ha detto giovedì Finch. “Dobbiamo sfruttare i punti di forza dei nostri migliori giocatori”.

Per gran parte di questa stagione, ciò ha significato andare in discesa per impostare l’affidabile tripla di Edwards. Ma martedì ha preso una brutta caduta contro i Lakers ed è andato solo 3 su 17 dal campo, perdendo nove dei suoi 3 in una sconfitta di misura. Ha a che fare con una spalla sinistra dolorante ed è stato visto negli spogliatoi di Los Angeles con impacchi di ghiaccio (una manovra di manutenzione comune per gli atleti) sul braccio destro e sul ginocchio.

Edwards ha curato il suo disturbo negli ultimi due giorni e non è stato elencato nel rapporto sugli infortuni della squadra prima della partita. Ha detto che era pronto per andare contro i Thunder giovedì e si è rifiutato di usare gli infortuni per una brutta notte offensiva a Los Angeles. Ha detto che i Lupi hanno una chiave per il successo.

“Devo solo giocare meglio”, ha detto Edwards.

I lupi devono punire i piccoli tuoni con le loro dimensioni. Non sono così grandi come una volta, perdendo un paio di talentuosi giocatori 6-9 in McDaniels e Naz Reid (polso rotto). Ma se non possono usare il loro vantaggio di dimensioni in questo gioco, c’è così tanto in gioco che aumenterà solo a un livello di decibel assordante. Towns sta ancora tornando alla sua forma migliore, ma il suo gioco è migliorato sempre di più nell’ultima settimana. Ha segnato 30 punti per aiutare a salvare i Wolves dopo che Gobert è stato espulso contro i Pelicans, poi è stato il miglior giocatore in campo per i primi tre quarti contro i Lakers.

“Finora i problemi di fallo hanno fatto deragliare alcuni dei momenti migliori della partita e dobbiamo cercare di evitarlo”, ha detto Finch.

Gobert pattuglia la vernice e cerca di contenere i drive e i floater di Gilgeous-Alexander nella corsia. Non sarà facile. Ancora una volta, niente per i Timberwolves in questa stagione.

“Controlliamo ancora il nostro destino, quindi abbiamo la possibilità di entrare nei playoff”, ha detto Gobert. “Poi, una volta entrati nei playoff, sei lì, quindi può succedere di tutto”.

(Foto di David Berting/Getty Images)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *