Ecco cosa aspettarsi dall’annuncio odierno della Federal Reserve

  • I mercati hanno quasi il 100% di probabilità che la Fed approvi un aumento di un quarto di punto percentuale alla fine della riunione di due giorni di mercoledì.
  • Il trucco sta nel modo in cui la banca centrale va da qui.
  • Secondo Goldman Sachs, i crossover economici e di mercato potrebbero portare la Fed a segnalare una posizione politica questa settimana.
  • Mentre il mercato si aspetta che la Fed “accomodante” fermi i rialzi dei tassi e inizi il tapering entro la fine dell’anno, tassi ostinatamente più alti potrebbero capovolgere la situazione.

Il presidente del consiglio della Federal Reserve Jerome Powell parla durante una conferenza stampa della Federal Reserve il 22 marzo 2023 a Washington, DC.

Olivier Tullery | AFP | Belle foto

Non ci sarà molto mistero su ciò che la Federal Reserve farà con i tassi di interesse mercoledì. Il trucco sta nel modo in cui la banca centrale va da qui.

I mercati hanno quasi il 100% di probabilità che il Federal Open Market Committee per la fissazione dei tassi approvi un aumento di un quarto di punto percentuale alla fine della riunione di due giorni. Ciò segnerebbe il decimo aumento da marzo 2022, portando il tasso di prestito di riferimento della banca centrale a un intervallo obiettivo del 5%-5,25%.

Per gli investitori, la parte difficile sarà ciò che accadrà dopo: la banca centrale segnalerà che l’aumento è terminato o deciderà che deve fare di più per combattere l’inflazione, aprendo l’opzione per un ulteriore inasprimento?

“Il modo in cui trasmettono la possibilità di una pausa in futuro è molto importante”, ha affermato Colin Martin, stratega del reddito fisso presso Charles Schwab. “Come fanno a farlo mentre tengono la porta un po’ aperta? Sarà un atto di equilibrio tra dire che una pausa è sulle carte, ma a seconda dei dati che arrivano man mano che l’inflazione va avanti”.

READ  Elezioni primarie della Corte suprema dello stato del Wisconsin 2023

Diversi fattori sono in gioco mentre il presidente della Fed Jerome Powell e i suoi colleghi indicano dove sta andando la politica monetaria.

L’inflazione è in prima linea nel pensiero ufficiale. Gli indicatori recenti indicano un allentamento, ma ancora al di sopra dell’obiettivo del 2% della banca centrale.

Ad esempio, la Dallas Fed compila una metrica “Media rettificata” per la spesa per consumi personali Fondamentalmente butta fuori letture alte e basse. Ha mostrato un’inflazione annua al 4,7% a marzo, poco cambiata rispetto ad agosto 2022 e in aumento rispetto a un ritmo del 3,9% a marzo 2022. L’indice dei prezzi al consumo è stato del 5% a marzo, in calo rispetto all’8,5% di un anno fa.

Nessuna di queste cifre ha soddisfatto i banchieri centrali.

Indipendentemente dal livello, l’inflazione è “ancora troppo alta, quindi non ho finito”, ha detto il governatore della Fed Christopher Waller. Discorso del 14 aprile. “Interpreto questi dati nel senso che non abbiamo fatto molti progressi sul nostro obiettivo di inflazione, il che mi lascia allo stesso punto delle prospettive economiche e sullo stesso percorso per la politica monetaria dell’ultima riunione del FOMC”.

Ma la banca centrale ha più attenzione del mercato, come problemi fastidiosi nel mondo finanziario, chiedendo un’altra banca all’inizio di questa settimana quando JPMorgan Chase ha rilevato First Republic, la quattordicesima banca della nazione per attività.

E poi c’è l’economia. Con il PIL in crescita a un ritmo annualizzato dell’1,1% nel primo trimestre e segnali di incrinatura nel mercato del lavoro, una recessione sembra essere all’orizzonte.

Secondo Goldman Sachs, tutti questi crossover potrebbero indurre la Fed a segnalare una posizione politica questa settimana. Gli economisti dell’azienda si aspettano che il FOMC modifichi il linguaggio in una dichiarazione post-riunione.

READ  Finali NBA: i Denver Nuggets vincono il primo campionato in Gara 5 contro i Miami Heat

“Il suo rapporto si concentrerà sulle revisioni della forward guidance”, ha dichiarato l’economista di Goldman David Mericle in una nota al cliente. “Il comitato si aspetta una pausa a giugno, ma prevediamo che venga mantenuta una tendenza aggressiva e una pausa prima di quanto inizialmente pensato, poiché le pressioni bancarie potrebbero portare a una stretta del credito”.

Un “pregiudizio da falco” significa che i politici delle banche centrali insisteranno affinché i tassi di interesse siano tenuti sotto controllo anche se non ci sono ulteriori aumenti dei tassi di interesse. L’obiettivo sarà quello di mantenere le credenziali di lotta contro l’inflazione della banca centrale, pur riconoscendo altre pressioni e la capacità di consentire agli aumenti precedenti di seguire il loro corso attraverso l’economia.

Nella sezione del rapporto in cui la banca centrale fornisce indicazioni, Merical si aspetta di vedere una frase che recita: “Il comitato si aspetta che l’orientamento della politica monetaria rimanga abbastanza contenuto da riportare l’inflazione al 2% nel tempo. Monitorare attentamente le informazioni in arrivo e valutare le implicazioni per la politica monetaria.”

Naturalmente, mentre il mercato si aspetta che una Fed “accomodante” tenga a bada gli aumenti dei tassi e inizi a tagliare entro la fine dell’anno, tassi ostinatamente più alti potrebbero cambiare la situazione.

L’inflazione si è dimostrata più stabile di quanto previsto dai funzionari, secondo la Fed di Atlanta Il “prezzo vischioso” è il CPI Confronta i prezzi di beni e servizi che non cambiano molto nel tempo.

I prezzi appiccicosi sono aumentati del 6,6% su base annua a marzo e sono generalmente in ripresa, mentre il “prezzo flessibile CPI” è aumentato solo dell’1,6%, in netto calo rispetto al picco del 19,7% di marzo 2022. I prezzi appiccicosi includono l’alloggio.

READ  Caitlin Clark gioca al debutto pre-campionato della WNBA dopo essere stata classificata n. 1 da Indiana Fever

Questo tipo di numeri manterrebbe almeno la banca centrale più cauta piuttosto che tagliare troppo presto la sicurezza.

“La maggior parte dei funzionari delle banche centrali non vede la fine del ciclo di rialzo dei tassi”, ha detto in una nota l’economista di Citigroup Andrew Hollenhorst. La prossima riunione politica della banca centrale arriva tra sei settimane, il 13-14 giugno, con il rapporto sui prezzi al consumo di aprile tra una settimana, il 10 maggio.

“Il panel riconosce l’impatto macroeconomico sconosciuto della stretta creditizia e mantiene sul tavolo la possibilità di aumenti dei tassi”, ha aggiunto Hollenhardt. “I dati recenti sul controllo dell’inflazione non sono confortanti”.

In effetti, Citi vede non solo un aumento alla riunione di questa settimana, ma ulteriori aumenti a giugno e luglio prima che la Fed faccia finalmente marcia indietro.

“Il rapporto e la conferenza stampa del presidente Powell dovrebbero principalmente essere una reiterazione del percorso politico [will] Sii guidato dai dati, non guidato da un percorso politico predeterminato”, ha scritto Hollenhorst.

Con il delicato equilibrio su come telegrafare un rialzo dei tassi, alcune idee potrebbero emergere tra i funzionari della banca centrale, che di solito si muovono all’unisono. Le opinioni dall’inizio di marzo riflettono opinioni divergenti tra coloro che cercano un cambiamento di politica rispetto a coloro che danno la priorità all’inflazione.

“È l’ultima riunione della Fed?” ha affermato Quincy Crosby, chief global strategist di LPL Financial. “C’è disaccordo all’interno della banca centrale. È pubblico. Potete immaginare come sarà il dibattito interno. … Questa riunione della banca centrale è importante.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *