Gli spettacoli a tarda notte sono diventati bui nel primo autunno dello sciopero degli scrittori

Centinaia di membri hanno occupato un intero isolato nel centro di Manhattan martedì, poche ore dopo che il sindacato che rappresenta migliaia di sceneggiatori televisivi e cinematografici ha annunciato lo sciopero.

Gli scrittori riuniti fuori da un evento NBCUniversal sulla Fifth Avenue hanno cantato “Nessun accordo, nessun contenuto” e “Matite giù !!!” Portavano cartelli con slogan simili e “Avviso spoiler: vinceremo”.

“Queste aziende stanno assolutamente distruggendo la nostra industria”, ha detto Tony Kushner, l’acclamato drammaturgo e sceneggiatore di film come “Lincoln” e “The Fablemans”, degli studi di Hollywood dal picchetto.

È stato un forte spettacolo di solidarietà che ha echeggiato lungo i picchetti fuori dai principali studi di Los Angeles. Ma le ripercussioni immediate dello sciopero – che ha infranto 15 anni di pace sindacale nell’industria dell’intrattenimento e chiuderanno gran parte della catena di montaggio della produzione di Hollywood – sono state avvertite in modo più acuto nel mondo della televisione a tarda notte, che si è immediatamente oscurato.

Martedì pomeriggio, la NBC ha rilasciato una dichiarazione secondo cui il prossimo “The Tonight Show Starring Jimmy Fallon” tornerà a partire da aprile. “Late Night with Seth Meyers” ha cancellato uno spettacolo che avrebbe dovuto contenere un’intervista con l’attrice Rachel Weisz, invece lo ha riproposto da febbraio.

Anche i nuovi episodi di spettacoli a tarda notte condotti da Stephen Colbert e Jimmy Kimmel sono stati sospesi. “Saturday Night Live” ha cancellato un nuovo episodio programmato per questo fine settimana con Pete Davidson come presentatore. La NBC ha detto che lo spettacolo non terminerà la 48a stagione dello show con un finale, dicendo che “le repliche verranno effettuate fino a nuovo avviso”.

Per quanto tempo i talk show a tarda notte rimarranno in onda è una questione aperta. Durante l’ultimo sciopero del 2007, gli ultimi spettacoli sono tornati gradualmente dopo due mesi, anche se i loro autori hanno scioperato. (Lo sciopero è durato 100 giorni.)

READ  In mezzo a una faida con DeSantis, la Disney incassa 1 miliardo di dollari per lo sviluppo

L’ospite a tarda notte della ABC, Mr. Kimmel, che stava pagando di tasca propria il suo staff durante quello sciopero, ha detto che doveva tornare dopo anni di esaurimento. I suoi risparmi di una vita.

David Letterman, che ha il suo spettacolo a tarda notte della CBS attraverso la sua società di produzione Worldwide Pants, ha firmato un contratto con la Writers Guild of America che ha permesso ai suoi scrittori di tornare allo spettacolo.

Altri host – i cui spettacoli sono di proprietà di case dei media – non hanno avuto tale fortuna. Sig. Presentatori come Kimmel e Conan O’Brien sono tornati senza i loro scrittori e Camille ha cercato di mettere insieme i loro spettacoli senza i loro monologhi standard. Sig. O’Brien ha dovuto ricorrere a trucchi per ammazzare il tempo come far girare la sua fede nuziale sulla scrivania. Imposta un timer sulla funzione.

Jay Leno, conduttore di “The Tonight Show”, ha fatto arrabbiare i funzionari della WGA scrivendo le sue battute sul monologo. “Un ebreo, un cristiano e un musulmano entrano in un bar”, ha detto il sig. Leno ha detto durante il suo monologo di apertura, che è durato quasi 10 minuti. “L’ebreo dice al musulmano: ‘Guarda, non so cosa stanno dicendo, perché c’è uno sciopero degli scrittori.’

La persona, che ha parlato a condizione di anonimato per la delicatezza della situazione, è stata coinvolta nelle chiamate di squadra nelle scorse settimane coordinando una risposta in caso di sciopero.

A differenza della cosiddetta faida a tarda notte degli anni ’90, i padroni di casa hanno fatto uno sforzo concertato per dimostrare di essere amichevoli, anche se ancora competitivi. Quando James Corden ha firmato per “The Late Late Show” la scorsa settimana, c’era Un segmento registrato In cui il sig. Colberto, Sig. Fallon, Sig. Kimmel e Mr. Erano presenti anche Meyers.

READ  Gli obiettivi di SpaceX hanno ritardato il lancio in Florida dei satelliti Starlink

L’ospite del programma delle 12:30 della NBC, Mr. Meyers ha notato la devastazione dell’ultimo sciopero in una divisione lo scorso fine settimana.

“Non riguarda solo gli scrittori”, ha detto Mr. Meyer ha detto Video solo sul web. “Colpisce tutto l’incredibile staff non sceneggiatore di questi spettacoli”.

Ha detto di essere un membro orgoglioso della WGA e sentiva fortemente che ciò che gli scrittori chiedevano era “non irragionevole”.

“Se non mi vedi qui la prossima settimana, sappi che non è qualcosa di fatto alla leggera, e avrò il cuore spezzato nel vederti”, ha detto.

Uno sciopero dovrebbe durare molto più a lungo prima che gli spettatori possano iniziare a vedere i risultati di programmi TV e film sceneggiati, poiché il loro processo di produzione potrebbe richiedere mesi o anche più di un anno. Ma l’improvvisa interruzione di così tanti prodotti è un duro colpo per un settore già scosso dalla pandemia e dai grandi cambiamenti tecnologici degli ultimi anni.

Il problema più grande per gli scrittori è lo stipendio. Hanno affermato che mentre la produzione televisiva è cresciuta rapidamente nell’ultimo decennio, il loro compenso è rimasto fermo. I sindacati che rappresentano gli scrittori, i rami orientale e occidentale della Writers Guild of America, hanno affermato: “Il comportamento delle aziende ha creato una gig economy all’interno di una forza lavoro sindacalizzata, e la loro posizione incrollabile in questi negoziati tradisce un impegno a svalutare ulteriormente la professione di scrittore .”

I leader della WGA hanno definito il momento “esistenziale”, sostenendo che “la sopravvivenza stessa della scrittura come professione è in gioco in questi negoziati”.

L’Alliance of Motion Picture and Television Producers, che negozia per conto delle società di Hollywood, ha dichiarato in una dichiarazione poco prima dell’annuncio dello sciopero che la sua offerta includeva “un generoso aumento del compenso degli sceneggiatori”.

READ  Kervonta Davis ha fermato Ryan Garcia nel round 7 con un pugno al corpo

I principali punti critici includono proposte sindacali che richiederebbero alle aziende di produrre programmi televisivi con un certo numero di scrittori per un certo periodo di tempo, “che lo vogliano o no”, secondo gli studi.

“Filosoficamente e praticamente, siamo molto lontani”, ha detto Chris Keyser, presidente del team di negoziazione WGA, in un’intervista all’inizio di martedì.

Nell’ultimo decennio, un periodo spesso indicato come Peak TV, il numero di programmi televisivi con sceneggiatura trasmessi negli Stati Uniti è aumentato notevolmente. Gli scrittori dicono che i loro salari sono rimasti fermi.

Nell’era della televisione di rete, uno scrittore poteva trovare lavoro in uno spettacolo con più di 20 episodi a stagione, garantendo una vita stabile per un anno intero. Tuttavia, nell’era dello streaming, gli ordini di episodi sono scesi a 8 o 12 e la paga settimanale media per scrittore-produttore è leggermente diminuita, secondo la WGA.

“Rendono impossibile per i giovani scrittori guadagnarsi da vivere”, afferma il drammaturgo e sceneggiatore Mr. Kushner ha detto. “I nostri salari sono diminuiti dall’ultimo sciopero”.

Gli autori vogliono anche adeguare la formula per le commissioni residue raccolte dallo streaming. Anni fa, gli scrittori potevano ricevere pagamenti residui ogni volta che uno spettacolo veniva concesso in licenza, sia in syndication che attraverso la vendita di DVD. Ma i servizi di streaming globali come Netflix e Amazon stanno intaccando quei bracci di distribuzione e pagando invece per i residui statici.

Per ora, l’energia creativa degli sceneggiatori sarà dedicata ai loro cartelli. Fuori dall’evento NBCUniversal, uno scrittore teneva un cartello con la scritta: “Paga i tuoi scrittori o rovineremo ‘Succession'”.

Brook Barnes Rapporto contribuito.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *