I laghi ai margini della rimozione causano problemi che non possono essere risolti dalle pepite

LOS ANGELES – A metà del quarto quarto delle finali della Western Conference, la difesa dei Lakers ha inseguito Bruce Brown nell’angolo destro, ricevendo un passaggio swing da Michael Porter Jr. e inchiodando una tripla incontrastata.

Quando è tornato a correre, Brown ha festeggiato il “congelamento” – quello che ha unito lo spogliatoio dei Lakers durante il loro improbabile rally nel secondo tempo – verso la panchina di Los Angeles.

Ecco come si è svolta questa serie di finali della Western Conference: Denver è un passo avanti, Los Angeles sta cercando disperatamente di risolvere un problema intrattabile e, alla fine, i Nuggets stanno facendo colpi tempestivi a comando.

“Questo è il gioco”, ha detto LeBron James del canestro di Brown.

E quella potrebbe essere la serie di vittorie consecutive e la stagione 2022-23 dei Lakers.

Il tiro di Brown è arrivato a metà del parziale di 13-0 di Denver nel quarto quarto che ha siglato sabato la vittoria per 119-108 in Gara 3 alla Crypto.com Arena, portando i Nuggets in vantaggio per 3-0 nella serie. Nessuna squadra nella storia della NBA (0-149) si è mai ripresa da uno svantaggio di 3-0 nei playoff. I Lakers non hanno nemmeno forzato gara 5 quando erano sotto 3-0, andando 0-8 in queste situazioni. Statistiche e informazioni ESPN.

“Le circostanze sono quelle che sono”, ha detto l’allenatore dei Lakers Darwin Hamm. “Difficile, ma non impossibile.”

Le circostanze da sole sembrano improbabili, non solo per la storia senza precedenti, ma anche per l’innegabile divario tra queste due squadre nei primi 144 minuti di questa serie.

Qualunque cosa i Lakers abbiano lanciato ai Nuggets, Denver ha trovato una risposta. Doppie squadre. Elimina la copertura. i cambiamenti. Pick-and-roll di James-Davis. Perseguita difensivamente Jamaal Murray. Predatore Nikola Jokic
difensivamente. Niente di tutto ciò ha influenzato Denver a lungo.

I Nuggets hanno sconfitto i Lakers nello stesso modo in cui i Lakers hanno sconfitto i Grizzlies e i Warriors. Sono più grandi, fisicamente più imponenti e implacabili. Sebbene tutte e tre le partite siano arrivate al quarto quarto, Denver è sempre sembrata equilibrata e in controllo.

Jokic (27.0 punti, 14.7 rimbalzi e 11.3 assist per la serie) e Murray (35.0 punti, 7.3 rimbalzi e 5.3 assist) sono stati i due migliori giocatori della serie, cosa mai accaduta contro i Lakers guidati da LeBron James e Anthony Davis. Squadra.

Il passato dei Lakers è tornato a perseguitarli sabato, proprio come in Gara 2, in una certa misura. Los Angeles ha compiuto uno sforzo significativo negli ultimi mesi, giocando con l’intensità della vita da playoff da quando la squadra è stata costituita alla scadenza commerciale del 9 febbraio. Hanno superato un inizio di 2-10 ed erano 13 alla fine di febbraio. Hanno vinto la loro prima partita di torneo play-in, poi hanno eliminato Memphis e Golden State nonostante fossero sfavoriti della strada.

READ  Si dice che tutte le squadre NBA siano interessate a uno scambio per la star dei Trail Blazers Damian Lillard

Ma i loro sforzi extraterrestri hanno avuto il loro pedaggio, fisicamente e mentalmente, e alla fine li hanno raggiunti. Stavano correndo sui fumi nella seconda metà di Gara 2. E questo è continuato in Gara 3, la loro stagione è praticamente finita dopo che il loro serbatoio era vuoto.

Una cosa su cui i Lakers possono ripiegare dopo il loro svantaggio di 0-2 è che sono 7-0 nella postseason e hanno vinto nove partite consecutive in totale. Ma i Nuggets hanno sperperato quel vantaggio, prendendo un vantaggio a doppia cifra all’inizio del primo quarto che hanno cercato di mantenere per tutta la partita, solo per cederlo brevemente all’inizio del quarto quarto.

Rui Hachimura dà una valutazione onesta del vantaggio dei Nuggets sui Lakers.

“Sono più grandi di noi”, ha detto Hachimura. “…siamo più piccoli di loro, quindi possono spararci addosso.”

Riprendendo da dove aveva interrotto nel quarto quarto di gara 2, Murray ha segnato 17 punti nel primo quarto e 30 nel primo tempo. Ad un certo punto del primo quarto, i punti di Murray hanno quasi eguagliato i punti dei Lakers. Alla fine si è raffreddato nel secondo tempo, segnando sette punti al tiro 2 su 9, ma il suo gioco ha calmato la folla alla Crypto.com Arena, che era entusiasta di fare la sua prima apparizione alle finali della conferenza dal 2010.

Jared Vanderbilt e Dennis Schroeder hanno provato a premere e imitare le mosse di Murray, ma lui li ha cucinati entrambi.

“Dennis e Vanto, ci hanno provato, ma è un giocatore fantastico”, ha detto Hamm. “Una volta che sta rotolando, non importa chi c’è di fronte a lui.”

Jokic non ha segnato fino alla fine del secondo quarto, combattendo contro i falli ei Lakers che lo hanno schiacciato nella vernice, ma ha finito quello che Murray aveva iniziato. Ha segnato 15 punti nel quarto tiro 5 su 7, finendo con 24 punti e otto assist.

Kentavious Caldwell-Pope (17 punti, due palle rubate), Porter (14 punti, 10 rimbalzi, sei assist) e Brown (15 punti, cinque rimbalzi e cinque assist) hanno fatto giocate chiave mentre il cast di supporto dei Nuggets ha rimbalzato. Seconda metà e momento decisivo.

READ  Livestream, palinsesto e copertura TV - Scadenza

“Penso che siano stati solo tiri tempestivi da parte dei loro giocatori di ruolo”, ha detto James della differenza nella serie. “… è permesso loro di avere una sorta di vantaggio.”

Lo stesso non si può dire per i Lakers.

Anthony Davis (28 punti e 18 rimbalzi), James (23 punti, sette rimbalzi e 12 assist) e Austin Reaves (23 punti, sette rimbalzi e cinque assist) hanno portato l’attacco, come hanno fatto durante la corsa post-stagionale. Ma a parte Hachimura (13 punti e sei rimbalzi), non ci sono stati molti contributi significativi da parte dei giocatori di ruolo.

D’Angelo Russell ha lottato per la terza partita consecutiva, segnando tre punti al tiro 1 su 8 ed essendo un chiaro obiettivo difensivo per l’attacco di Denver. In tre partite, Russell ha segnato 21 punti su 8 tiri su 27 (2 su 14 su 3 tiri) nella serie. Non è neanche lontanamente una produzione offensiva sufficiente da parte di un giocatore che ha guadagnato più di $ 30 milioni.

I Lakers sono stati superati di 53 punti in 79 minuti giocati. La serie è stata un disastro per lui ovunque, ed è giusto chiedersi se il prossimo free agent possa farsi avanti come guardia principale della squadra.

“Sembra tutto a posto”, ha detto Hamm. “Sembra tutto a posto. Dovrebbe essere aggressivo. Tutto bello. “

Quando gli è stato chiesto cosa deve cambiare nel suo approccio per essere più efficace, a parte fare troppi tiri, Russell non ha avuto una risposta.

Per me?” disse Russell. “Oh, non lo so. Non lo so. Non lo so davvero. Non lo so. Cercherò di scoprirlo.

La formazione iniziale di Davis, James, Vanderbilt, Reaves e Russell non ha funzionato. Denver non ha protetto Vanderbilt e hanno vinto prendendo di mira Russell sulla difensiva. I Lakers erano meno-7 nei 12 minuti di gioco della squadra in Gara 3, un deficit che ha trattenuto Los Angeles all’inizio in entrambe le aree. I Lakers sono scesi a sei giocatori che possono giocare e tre di loro stanno uscendo dalla panchina (Schroder, Hachimura e Lonnie Walker IV).

Con Los Angeles in svantaggio per 3-0, questo non è il momento per la politica o il sentimento. Entrambi i giocatori dovrebbero essere spostati in panchina. Vanderbilt offre almeno una protezione affidabile sulla palla contro Murray (almeno rispetto alle alternative). Russell deve ancora contribuire in modo significativo alle due estremità del pavimento di questa serie. Hachimura e Schroeder sono troppo intelligenti per sostituirli, anche se i Lakers hanno vinto Gara 3 con Walker IV e Reaves, che è più che in grado di gestire i compiti di playmaker.

READ  Monitoraggio della tempesta tropicale: Cindy Patterns nell'Atlantico

Fissare nuovamente la formazione iniziale più avanti nella serie potrebbe essere un punto critico. Ma Hamm ha commesso due costosi errori di calcolo in questa serie: iniziare una formazione di tre guardie (Reaves, Russell e Schroeder) in Gara 1 e mantenere la stessa formazione iniziale per Gara 3 (e la seconda metà di Gara 3).

Dopodiché, nessuno dei due Laker ha potuto indicare motivi di speranza – un aggiustamento, un barlume di positività da Gara 3 – che tecnicamente la serie non era finita e avevano ancora una partita in casa.

James, che è arrivato due volte dopo aver perso 3-1 nelle finali NBA e 2-0 nelle finali di conferenza, è irremovibile che le speranze della sua squadra di realizzare l’impossibile siano ancora forti.

“Voglio dire, dovrebbe essere,” disse James. “Credo. Non posso parlare per loro in questo momento perché non so cosa stiano passando per la loro mente in questo momento. Ma lo faccio ancora.

James ha condiviso il suo messaggio ai suoi compagni di squadra dopo la partita, molti dei quali non sono mai stati in profondità nei playoff.

“Devo prenderne uno”, ha detto James della sua strategia di ritorno. “Uno alla volta. Concentrati solo su Game 4 e questo è tutto ciò a cui puoi davvero pensare.

Domenica i Lakers terranno una sessione cinematografica, sperando di trovare un modo per rallentare l’attacco inarrestabile di Denver. Stanno cercando di evitare il destino di 91 delle 149 squadre al loro posto: farsi travolgere. Solo tre squadre nella storia della NBA hanno forzato una partita 7 dopo essere state sotto 3-0 in una serie.

Los Angeles ha già realizzato l’impensabile, diventando la prima squadra a scendere otto partite sotto .500 in qualsiasi momento della stagione e la seconda testa di serie numero 1 ad avanzare alle finali della conferenza. È anche la settima squadra. Cercando di trovare una possibilità per mantenere viva la loro stagione in Gara 4 lunedì.

“Le nostre spalle sono state con le spalle al muro negli ultimi due mesi, probabilmente anche di più dalla scadenza commerciale”, ha detto Reaves. “Oscillando, tirando pugni per lottare per ottenere questa opportunità. … Esci lunedì e vai a casa o combatti un altro giorno. Con il gruppo di ragazzi che abbiamo, so quale sarà la risposta.

(Foto Nikola Jokic e Lakers: Harry Howe/Getty Images)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *