La nuova mappa di Marte ti consente di “vedere l’intero pianeta in una volta”

Una nuova mappa globale di Marte fornisce una nuova prospettiva del pianeta.

La mappa, pubblicata all’inizio di questo mese, è stata messa insieme da 3.000 immagini scattate dalla navicella spaziale Hope degli Emirati Arabi Uniti e mostra il Pianeta Rosso nella sua vera luce.

“Questi sono tutti colori naturali su Marte”, ha detto Dimitra Adri, ricercatrice presso lo Space Science Center della NYU Abu Dhabi.

La principale missione scientifica di Hope, che è entrata nell’orbita di Marte due anni fa, è studiare come le tempeste di polvere e altre condizioni meteorologiche vicino alla superficie influenzano la velocità con cui l’aria marziana penetra nello spazio.

Ma l’orbiter trasporta anche una telecamera.

Quando il dottor Adri Hope ha visto la prima immagine che ha inviato indietro, ha detto, ​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​ ​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​ ​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​ ​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​ ​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​ sull’intero disco. “Non ho mai visto Marte così.”

Le mappe di Marte non sono una novità. Nel 1890, l’uomo d’affari americano Percival Lowell usò la sua fortuna per costruire l’Osservatorio Lowell a Flagstaff, in Arizona, e mentre scrutava Marte attraverso un telescopio da 24 pollici, disegnò quelli che pensava fossero canali artificiali costruiti da una civiltà marziana. (Ha osservato strutture rivelatrici su Venere; in seguito è stato dimostrato che potrebbe aver inavvertitamente rispecchiato il suo telescopio e visto la parte posteriore del proprio bulbo oculare.)

Durante l’era spaziale, numerosi veicoli spaziali sono passati o sono entrati in orbita attorno a Marte.

Ma gli orbiter precedenti come Mars Global Surveyor e Mars Reconnaissance Orbiter della NASA si muovevano in genere molto vicino alla superficie marziana, tipicamente in orbite progettate per effettuare passaggi ripetuti sopra una data posizione in un solo giorno. Quelle immagini fornivano dettagli nitidi della superficie, comprese dune di sabbia, crateri e massi rotolati giù dalle montagne.

READ  Fase del mercato immobiliare: gli acquirenti sono interessati, ma i venditori sono pochi

“Sono immagini meravigliose e affascinanti”, ha detto il dottor Adri. “Ma non puoi vedere l’intero pianeta in una volta.” Le condizioni di luce variabili da luogo a luogo hanno reso difficile consolidare un’unica visione globale.

Le condizioni di illuminazione non sono un problema per altri tipi di mappe. Il Global Surveyor trasportava uno strumento altimetrico che irradiava un raggio laser dalla superficie. Misurando il tempo impiegato da un impulso di luce per attraversare la superficie e tornare indietro, lo strumento può misurare ogni angolo della superficie e l’altezza del cervello. Gli scienziati hanno utilizzato i dati per creare una mappa dettagliata del paesaggio.

Per le viste in luce visibile, il telescopio spaziale Hubble in orbita terrestre può vedere un intero lato di Marte. Gli scienziati hanno unito diverse immagini in una mappa globale, simile a una nuova mappa dello space shuttle Hope.

Ma Marte è a quasi 34 milioni di miglia dalla Terra, quindi le immagini di Hubble non sono così nitide. La speranza viaggia intorno a Marte in un’orbita ellittica che va da 12.400 miglia a 27.000 miglia sopra la superficie marziana. È significativamente più alto del Mars Reconnaissance Orbiter, ma molto più vicino di Hubble.

“Abbiamo pensato, beh, dobbiamo avere un atlante perché tra anni saremo in grado di fotografare Marte”, ha detto il dottor Adri. “Quindi dobbiamo prima avere un atlante in cui non solo mappiamo l’intero pianeta, ma mostriamo come cambia durante l’anno marziano”.

Il dottor Adrial è stato in grado di trovare immagini con livelli di luce simili, escludendo le immagini in cui le nuvole oscuravano la superficie. Il processo è durato mesi. “È molto difficile sbarazzarsi di tutti i confini e cose del genere”, ha detto.

READ  Biden dice ad Al Roker: 'Ho intenzione di candidarmi'

Il dottor Atri ha detto che lui ei suoi colleghi stanno attualmente scrivendo un articolo scientifico per descrivere il meccanismo che hanno sviluppato. Lo stesso metodo potrebbe essere utilizzato per altri veicoli spaziali destinati al mondo, tra cui il Jupiter IC Moons Explorer o JUICE dell’Agenzia spaziale europea, lanciato venerdì.

“Queste lune ghiacciate sono molto belle”, ha detto il dottor Atri. “Così possiamo usare la stessa tecnica.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *