Le azioni hanno aperto al ribasso mentre gli operatori si preparavano a una settimana intensa di guadagni e alla decisione sui tassi della Fed

Le azioni sono state scambiate al ribasso lunedì durante il rally di gennaio, mentre gli investitori guardavano avanti a una settimana intensa prima della stagione degli utili e degli aumenti dei tassi di interesse della Federal Reserve.

La media industriale del Dow Jones è scesa di 83 punti, pari a circa lo 0,3%. L’S&P 500 è sceso dello 0,6%, mentre il Nasdaq Composite è sceso dell’1%.

Wall Street sta uscendo da una settimana di successo mentre il rally di gennaio del mercato azionario continua. Il Nasdaq Composite ha guadagnato il 4,3% durante la settimana, mentre l’S&P 500 e il Dow hanno guadagnato rispettivamente il 2,5% e l’1,8%. L’S&P 500 è salito del 5,3% nel 2023, dopo una perdita del 19% lo scorso anno, e ha chiuso venerdì a un nuovo massimo da inizio anno.

Ci sono molti test questa settimana per questo rally del 2023. Circa il 20% dell’S&P 500 riporterà guadagni questa settimana, inclusi McDonald’s e General Motors martedì, seguiti dai giganti della tecnologia Apple, Meta Platforms, Amazon e Alphabet nel corso della settimana.

Il Federal Open Market Committee si riunisce martedì e mercoledì, quando la banca centrale dovrebbe alzare i tassi di un quarto di punto percentuale. Gli investitori cercheranno indizi su quanto più in alto la banca centrale alzerà i tassi nella lotta contro l’inflazione. I commercianti hanno aumentato le azioni quest’anno poiché i rapporti sull’inflazione più deboli suggeriscono che la banca centrale potrebbe presto sospendere la sua campagna di rialzi.

“Nonostante diversi sviluppi positivi, riteniamo che le buone notizie ora siano troppo costose e che la realtà tornerà alla fine del mese e alla determinazione della Fed di frenare l’inflazione”, ha scritto Mike Wilson, capo stratega azionario statunitense di Morgan Stanley. Nota lunedì.

READ  SpaceX introduce gli astronauti internazionali alla missione della stazione spaziale

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *