Le azioni sono crollate a Wall Street a causa di nuovi timori sulle banche

NEW YORK (AP) – Le azioni sono scese di nuovo mercoledì a Wall Street mentre le preoccupazioni sulla forza delle banche su entrambe le sponde dell’Atlantico sono peggiorate.

L’S&P 500 è sceso dell’1,3% negli scambi di mezzogiorno, mentre i mercati sono scesi bruscamente in Europa a causa del calo delle azioni del Credit Suisse svizzero. Almeno un risultato. La media industriale del Dow Jones è scesa di 461 punti, o dell’1,4%, a 31.694 alle 11:15 ET, dopo essere scesa fino a 639 punti. Il Nasdaq composito è sceso dello 0,9%.

Il Credit Suisse sta combattendo problemi da anni, comprese le perdite dovute al crollo della società di investimenti Archigos Capital nel 2021. Le sue azioni sono scese di oltre il 16% in Svizzera, a seguito di notizie secondo cui il suo principale azionista non avrebbe pagato più soldi per il suo investimento.

I duri riflettori di Wall Street si sono recentemente intensificati in tutto il settore bancario tra le preoccupazioni su ciò che potrebbe accadere dopo il secondo e il terzo grande fallimento bancario. L’ultima settimana nella storia americana. I titoli bancari statunitensi sono scesi di nuovo mercoledì dopo aver goduto di un breve giorno libero martedì.

Le perdite più pesanti si sono concentrate nelle banche di piccole e medie dimensioni, dove i clienti sono maggiormente a rischio di tentare di prelevare in massa il proprio denaro. Anche le grandi banche sono crollate, ma non di molto.

La First Republic Bank è salita del 27% dopo essere scesa del 16,9% nel corso della giornata. Fifth Third Bancorp è sceso del 5,8%. JPMorgan Chase ha perso il 4,4%.

READ  Rari avvisi di bufera di neve sono stati emessi per la California meridionale, mentre il Midwest si sta riprendendo da una forte tempesta invernale

Gran parte del danno può essere visto come risultato dell’aumento dei tassi di interesse da parte della Federal Reserve, il più veloce da decenni. La banca centrale ha abbassato il suo tasso overnight chiave a un intervallo compreso tra il 4,50% e il 4,75%, da quasi zero all’inizio dello scorso anno, nella speranza di ridurre l’inflazione dolorosamente elevata.

Tassi più elevati possono frenare l’inflazione rallentando l’economia, ma aumentano il rischio di una recessione in seguito. Influiscono anche sui prezzi di azioni, obbligazioni e altri investimenti. Quest’ultimo fattore è uno dei problemi che affliggono la banca della Silicon Valley, che è crollata venerdì poiché i tassi più alti hanno eroso il valore dei suoi investimenti obbligazionari.

Domenica scorsa il governo degli Stati Uniti ha annunciato piani per proteggere i depositanti presso la Silicon Valley Bank e la Signature Bank, che le autorità di regolamentazione speravano avrebbero rafforzato la fiducia nel settore bancario dopo la chiusura nel fine settimana. Ma i mercati sono passati dalla paura alla calma e viceversa.

C’è ancora grande incertezza nel settore bancario per assorbire la bufera di rialzi dei tassi dello scorso anno a seguito di condizioni storicamente favorevoli. Nella sua lettera annuale agli investitori, il CEO di BlackRock Larry Fink ha indicato precedenti periodi di aumento dei tassi che hanno portato a “spettacolari fiammate finanziarie” come la crisi dei risparmi e dei prestiti nel corso degli anni.

“Non sappiamo ancora se gli effetti del denaro facile e delle modifiche normative si estenderanno al settore bancario regionale degli Stati Uniti (analogo alla crisi S&L) con più sequestri e chiusure”, ha scritto.

READ  Tre accusati nel 2018 dell'omicidio del rapper XXXTentacion

Alcune delle peggiori azioni di questa settimana sono state nel mercato obbligazionario, dove i trader si stanno affrettando a indovinare cosa significherà tutto il caos per la futura azione della banca centrale. Da un lato, lo stress nel sistema finanziario potrebbe spingere la banca centrale a ritardare nuovamente l’aumento dei tassi nella riunione della prossima settimana, o almeno evitare un rialzo dei tassi potenzialmente ampio..

D’altra parte, l’inflazione è ancora alta. Mentre l’allentamento dei tassi di interesse darà più respiro alle banche e all’economia, si teme che una tale mossa della banca centrale possa dare più ossigeno all’inflazione.

Rapporti economici più deboli del previsto pubblicati mercoledì potrebbero aver attenuato alcune di queste preoccupazioni. Uno ha mostrato che c’è inflazione nei prezzi all’ingrosso Il mese scorso è sceso più di quanto gli economisti si aspettassero. Era ancora superiore al livello del 4,6% di un anno fa, ma migliore della previsione del 5,4%.

Altri dati mostrano la spesa negli Stati Uniti presso i rivenditori Il mese scorso è diminuito più del previsto, anche se la spesa è stata rivista al ribasso nei mesi precedenti. Nel frattempo, la produzione nello stato di New York si sta indebolendo più del previsto. Tali dati potrebbero sollevare timori per una recessione all’orizzonte, ma potrebbero ridurre la pressione sull’inflazione nel breve termine.

Ciò ha causato un calo dei rendimenti dei Treasury a due anni. Tende a seguire le aspettative per la banca centrale, ed è sceso al 3,77% dal 4,25% di martedì. Questa è una grande mossa per il mercato obbligazionario. Il rendimento biennale era superiore al 5% una settimana fa, il livello più alto dal 2007.

READ  I posti di lavoro negli Stati Uniti più bassi in 2 anni e mezzo; Il mercato del lavoro è ancora teso

Il rendimento del Treasury decennale è sceso al 3,42% dal 3,69%. Aiuta a fissare i tassi per i mutui e altri prestiti importanti.

I dati economici deboli hanno spinto i trader a scommettere che la banca centrale manterrà i tassi stabili la prossima settimana. Questa è una brusca inversione di tendenza rispetto all’inizio di questo mese, quando un’accelerazione a 0,25 punti percentuali o 0,50 punti sembrava l’unica opzione.

In Europa, gli indici sono scesi sulle banche deboli. Il CAC 40 francese è sceso del 3,2%, mentre il DAX tedesco ha perso il 2,8%. Il FTSE 100 è sceso del 3,1% a Londra.

Hanno perseguito conquiste in gran parte dell’Asia.

A Wall Street, anche le società del settore petrolifero e del gas sono diminuite poiché i prezzi del greggio sono scesi di oltre il 3%. Hanno portato a un declino diffuso all’interno dell’S&P 500, dove è caduto l’80% delle azioni.

Halliburton è sceso dell’8,6%, Schlumberger è sceso del 5,5%

——

Gli scrittori di affari di AP Joe McDonald e Matt Ott hanno contribuito.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *