L’economia cinese sorprende per proteggere i rendimenti delle azioni asiatiche

  • Borse asiatiche:
  • Nikkei piatto, future S&P 500 in rialzo
  • I mercati scontano il rischio di un aumento della Fed a maggio
  • L’UE guadagna mentre le probabilità si riducono sul grande aumento dei tassi della BCE

SYDNEY, 17 aprile (Reuters) – Le azioni asiatiche sono state scambiate con cautela lunedì mentre la stagione degli utili statunitensi entra a pieno regime questa settimana, mentre una serie di dati cinesi fornirà informazioni sulla ripresa della seconda economia mondiale.

I mercati hanno visto un cambiamento di umore sulle prospettive per i tassi di interesse statunitensi, con i future CME che indicano una probabilità dell’81% che la Federal Reserve aumenti di un quarto di punto al 5,0-5,25% a maggio.

Un rallentamento delle vendite al dettaglio core negli Stati Uniti e un aumento delle aspettative di inflazione riportato venerdì hanno portato gli investitori a ridurre il livello di allentamento previsto per la fine dell’anno a circa 55 punti base (pb).

“I dati sul mercato del lavoro, l’inflazione e i consumi all’inizio di aprile suggeriscono tutti che la banca centrale ha più lavoro da fare e un atterraggio morbido o piatto è più probabile di una contrazione brusca e relativamente improvvisa dell’attività”, hanno detto in una nota gli analisti di ANZ. . .

“Il nostro scenario di base è per altri due aumenti di 25 punti base, a meno che i dati non inizino a indebolirsi presto e il mercato dovrà pagare per eventuali tagli dei tassi nella seconda metà dell’anno”.

Almeno otto funzionari della Fed, inclusi tre governatori, stanno parlando questa settimana e potrebbero fare molti titoli per spostare ulteriormente il quadrante.

L’avvertimento risultante ha fatto scendere l’indice MSCI delle azioni dell’Asia-Pacifico al di fuori del Giappone (.MIAPJ0000PUS) in calo dello 0,2%, mentre il Nikkei giapponese (.N225) è sceso.

READ  Rickie Fowler è il protagonista solista a metà strada a Los Angeles

I futures EUROSTOXX 50 e FTSE sono saliti entrambi dello 0,2%.

Martedì le blue chip cinesi ( .CSI300 ) hanno guadagnato l’1,0% in vista dei dati relativi alle vendite al dettaglio, alla produzione industriale e al prodotto interno lordo, dove gli analisti sospettano rischi al rialzo data la recente forza del commercio.

I dati del fine settimana hanno mostrato che i prezzi delle nuove case sono aumentati più rapidamente in 21 mesi, sostenendo la domanda e la fiducia dei consumatori.

Occhi puntati sulle prospettive degli utili

I futures S&P 500 sono saliti dello 0,2%, mentre i futures Nasdaq sono rimasti piatti poiché gli investitori attendevano i rapporti sugli utili guidati da Goldman Sachs (GS.N), Morgan Stanley (MS.N) e Bank of America (BAC.N).

Altri grandi nomi che riportano guadagni includono Johnson & Johnson (JNJ.N), Netflix (NFLX.O) e Tesla (TSLA.O).

Mentre l’analista di BofA Savita Subramanian è più ottimista sulle prospettive per il 2023, gli analisti prevedono che gli utili dell’S&P 500 del primo trimestre diminuiranno del 5,2% rispetto all’anno precedente.

“Nel complesso, ci aspettiamo un trimestre in linea, ma tagli maggiori per l’intero anno”, ha avvertito BofA. “La nostra stima dell’EPS per il 2023 per l’S&P 500 è di $ 200, ancora il 9% al di sotto delle stime di consenso”.

“La domanda di beni di consumo si è già attenuata e ora stiamo guardando ai servizi”, ha detto Subramanian. “Le compagnie aeree, gli hotel e i ristoranti sentono la pressione a causa di macro, comps difficili (periodi di confronto) e nessuna tregua dalla pressione salariale”.

Nei mercati obbligazionari, un cambiamento nelle aspettative della Fed ha portato i rendimenti biennali statunitensi al 4,12%, in rialzo di 12 punti base la scorsa settimana.

READ  Confronto tra l'equipaggio commerciale della NASA Boeing Starliner e SpaceX Dragon

Tuttavia, le prospettive della Banca centrale europea (BCE) sono diventate fosche, facendo salire il rendimento a due anni della Germania di 32 punti base nella settimana, al massimo aumento da settembre.

I futures della BCE sono stretti a 37 punti base per la riunione di maggio ea 82 punti base per la riunione di ottobre.

Quel cambiamento epocale ha visto l’euro guadagnare lo 0,8% la scorsa settimana, anche dopo il calo di venerdì. A partire da lunedì, la moneta unica è stata scambiata al massimo di un anno di $ 1,0985, in rialzo rispetto a $ 1,1075 della scorsa settimana.

Il dollaro ha sovraperformato lo yen poiché la Banca del Giappone è rimasta impegnata nella sua politica monetaria estremamente accomodante, almeno per ora. Ha mantenuto il dollaro a 134,13 yen, dopo aver guadagnato l’1,2% la scorsa settimana.

Il rimbalzo del dollaro ha tolto un po’ di lucentezza all’oro, scambiato a 2.004 dollari l’oncia, sopra il picco della scorsa settimana di 2.048 dollari.

I prezzi del petrolio hanno goduto di quattro settimane consecutive di guadagni, aiutati dai tagli alla produzione e, come ha detto il cane da guardia dell’energia dell’Occidente, la domanda globale potrebbe salire a un record quest’anno sulla scia di una ripresa del consumo cinese.

Lunedì il mercato è sceso di 3 centesimi a 86,28 dollari al barile, mentre il greggio statunitense è sceso di 5 centesimi a 82,47 dollari.

Segnalazione di Wayne Cole; Montaggio di Kenneth Maxwell

I nostri standard: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *