L’ex consulente legale di Michael Cohen sta cercando di screditarlo nella testimonianza del gran giurì

“Oggi, dopo aver dato tutto quel materiale all’ufficio del procuratore distrettuale di Manhattan, su 321 e-mail, hanno scelto sei e-mail per chiedermi informazioni”, ha detto Costello in una conferenza stampa dopo la sua testimonianza lunedì pomeriggio. “Certo che le hanno estrapolate dal contesto. Quando le hanno estrapolate dal contesto, ho detto ai grandi giurati – non so se alla fine ha funzionato o meno – di ascoltare l’intero pacchetto.

Cohen ha negato la maggior parte delle affermazioni di Costello durante un’intervista su MSNBC lunedì sera, negando che Costello fosse mai stato il suo avvocato, che avesse mai rinunciato al privilegio avvocato-cliente e che avrebbe dovuto comparire di nuovo in tribunale mercoledì.

“Sta giocando in un tipico playbook di Donald J. Trump”, ha detto Cohen dei commenti di Costello. “Scopri come confondere le acque il più possibile, screditare quella persona, screditarla.”

Costello ha insistito sul fatto che durante un incontro che hanno avuto, Cohen è apparso sconvolto e disposto a fare “qualsiasi cosa” per evitare il carcere.

“Beh, è ​​andato in prigione”, ha detto Costello. “Ora è in missione di vendetta.”

Lunedì, Cohen ha detto che Costello non ha usato i soldi di Trump per effettuare i pagamenti.

“Il nocciolo della questione è che Michael Cohen ci ha detto che l’avvocato di Stormy Daniels lo aveva contattato e aveva informazioni negative sul fatto che Stormy Daniels volesse citare in giudizio Trump”, ha detto Costello. “Quindi Michael Cohen ha deciso da solo – e ce l’ha detto, da solo – per vedere se poteva occuparsene.”

Cohen in seguito ha acquistato un prestito di equità domestica da $ 130.000 per ripagare Daniels, ha detto Costello. Ma Cohen ha respinto questa argomentazione.

READ  Il passaggio di Khanna chiarisce la corsa al Senato della California e il suo futuro politico

“Non è assolutamente vero. Non so a quali conversazioni si riferisca”, ha detto Cohen, quando gli è stato chiesto se avesse preso un prestito per effettuare i pagamenti. Daniels non voleva essere citato in giudizio, ma ha detto che voleva fare il dettagli della presunta vicenda pubblica.

Ci si aspettava che sarebbe stato presentato un foglio di accusa contro l’ex presidente Può diminuire entro lunedì sera. Ma la testimonianza di Costello potrebbe gettare una svolta in quella sequenza temporale.

“Se vogliono inseguire Donald Trump e hanno prove concrete, così sia”, ha detto Costello. “Ma Michael Cohen è tutt’altro che una prova solida”.

Tuttavia, i problemi legali di Trump si estendono ben oltre Manhattan. L’ex presidente e candidato alla presidenza del 2024 deve affrontare accuse penali ad Atlanta e Washington.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *