L’oro recupera mentre il dollaro riduce i guadagni dell’OPEC+

  • L’oro ora rischia di scendere a 1.900 dollari – Analista
  • I mercati vedono una probabilità del 59,3% di un aumento di un quarto di punto della Fed a maggio
  • Il dollaro è sceso dello 0,2%

3 aprile (Reuters) – I prezzi dell’oro sono rimbalzati lunedì dopo che il dollaro ha ridotto i guadagni iniziali sulle scommesse secondo cui i tagli alla produzione a sorpresa dell’OPEC potrebbero far salire i prezzi globali dell’energia e costringere le banche centrali ad alzare i tassi di interesse.

L’oro spot è salito dello 0,5% a $ 1.977,43 l’oncia alle 12:06 GMT. I futures sull’oro USA sono saliti dello 0,4% a 1.994,50 dollari.

All’inizio della sessione, l’oro ha toccato il minimo settimanale di 1.949,54 dollari.

Questa sembrava essere una “reazione istintiva” all’aumento anticipato del dollaro, e ha spinto a cercare affari a livelli di $ 1960-$ 1965, ha detto l’analista di StoneX Rona O’Connell.

“Si sarebbe pensato che a lungo termine, poiché l’OPEC ha introdotto alcune incertezze o nuove incertezze nel mercato, potrebbe essere di supporto”, ha aggiunto.

Il dollaro ha ridotto i suoi guadagni iniziali, rendendo l’oro più economico per i trader che detengono altre valute, poiché gli investitori si sono concentrati sulla politica divergente della banca centrale e l’impatto dei tagli alla produzione di petrolio potrebbe complicare le prospettive di inflazione. ,

Sebbene l’oro sia stato tradizionalmente visto come una copertura contro l’inflazione, gli alti tassi di interesse hanno attenuato l’attrattiva dell’asset in quanto non paga interessi per frenare le crescenti pressioni sui prezzi.

Lo strumento Fedwatch di CME ha mostrato I mercati stanno a guardare C’è una probabilità del 59,3% che la Federal Reserve aumenti i tassi di un quarto di punto a maggio, mentre i mercati vedono una probabilità del 66% di un altro aumento di 25 pb da parte della Banca d’Inghilterra a maggio.

READ  Come Beyoncé ha risposto alla chiamata di Dolly Parton e ha cambiato il testo in "Jolene"

“L’oro è ora a rischio di scendere a $ 1.900, dato il potenziale per un tasso Fed terminale più alto che i mercati stanno attualmente scontando”, ha affermato Matt Simpson, analista di mercato senior di CitiIndex.

L’argento è salito di quasi l’8% lo scorso trimestre dopo che le turbolenze bancarie globali hanno spinto a scommettere che la banca centrale avrebbe ridotto i suoi aumenti dei tassi.

L’argento è sceso dello 0,3% a 24,01 dollari l’oncia, il platino è sceso dello 0,3% a 988,60 dollari e il palladio è salito dello 0,7% a 1.470,72 dollari.

Reportage di Sehar Dareen e Kavya Guduru a Bangalore; Montaggio di Kirsten Donovan e Sharon Singleton

I nostri standard: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *