Moody’s declassa sei banche statunitensi dopo il declino di SVB

Moody’s Investors Service ha abbassato il rating creditizio di sei banche statunitensi a seguito del secondo e terzo fallimento bancario nella storia della nazione.

Un’agenzia di rating del credito ha affermato lunedì che le banche regionali sono “esposte al rischio di deflussi di depositi non assicurati” sulla scia del crollo della banca della Silicon Valley, che ha alimentato i timori che i ricchi depositanti possano trasferire i loro soldi a istituzioni più grandi.

Moody’s esaminerà i rating della First Republic Bank di San Francisco, della Western Alliance Bancorporation di Phoenix, della Comerica Bank di Dallas, della UMP Financial di Kansas City, della Zions Bank dello Utah e della Intrust Financial di Wichita.

La società ha affermato che la First Republic Bank ha significative perdite non realizzate sui suoi investimenti e sottocapitalizzazione rispetto ai suoi pari. Poiché la banca ha una quota “materiale” di depositi che supera il limite assicurativo della Federal Deposit Insurance Corporation (FDIC) di $ 250.000, secondo Moody’s affronta un alto rischio di prelievi rapidi e ingenti.

“Se deflussi di depositi superiori alle attese e sostegni di liquidità si rivelassero inadeguati, la banca potrebbe dover vendere attività, cristallizzando così le sue perdite non realizzate. [securities]”, Gli analisti di Moody’s hanno scritto.

Le azioni delle banche regionali hanno registrato forti vendite lunedì prima di recuperare il giorno successivo. Le azioni di First Republic sono scese del 62% lunedì, per poi salire del 49% martedì.

I regolatori federali hanno chiuso la Silicon Valley Bank di San Francisco dopo che la banca è stata allontanata dai suoi clienti focalizzati sulla tecnologia, preoccupati per le enormi perdite della banca sui buoni del Tesoro a lunga scadenza colpiti dagli aumenti dei tassi di interesse della Federal Reserve.

READ  Cristiano Ronaldo: la Pro League saudita "molto meglio" della Major League Soccer

Le autorità di regolamentazione hanno anche chiuso la Signature Bank di New York e i depositanti garantiti presso entrambe le banche avrebbero recuperato i loro soldi attraverso il fondo di commissione per i servizi delle banche. La banca centrale ha introdotto un programma di prestiti di emergenza per garantire che le banche abbiano abbastanza denaro per riprendersi.

Gli analisti di Moody’s hanno notato che il piano della Fed “compenserebbe questi rischi finanziari”.

Copyright 2023 Nextstar Media Inc. Tutti i diritti riservati. Questo contenuto non può essere pubblicato, trasmesso, riscritto o ridistribuito.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *