Muore a 86 anni il fondatore dei Panthers, Jerry Richardson

Girolamo J. Richardson è nato il 18 luglio 1936 a Spring Hope, NC, il primo passo di un viaggio che avrebbe trasformato le Carolina.

Dopo essere cresciuto nella zona di Fayetteville, Richardson ha frequentato il Wofford College di Spartanburg, Carolina del Sud; Lì eccelleva nel calcio e gettava le basi per un impero commerciale che gli avrebbe permesso di tornare allo sport che una volta evitava.

Detiene ancora il record di partite singole della scuola (241 contro Newberry nel 1956), così come i record di ricezioni da touchdown in una stagione (9) e in carriera (21). Quel tipo di produzione gli valse gli onori dell’Associated Press Little All-America nel 1957 e nel 1958, e fu arruolato dai Baltimore Colts nel 1959.

Con i Colts, rimase con il quarterback Johnny Unitas e ottenne un passaggio da touchdown dalla Hall of Famer nel 1959 NFL Championship Game.

Ma dopo la sua seconda stagione, si è allontanato dalla NFL in una disputa sui soldi ed è tornato a Spartanburg per iniziare la sua carriera imprenditoriale. Usando il suo bonus di gioco del campionato come seed money, ha aperto il suo primo ristorante Hardee’s a Spartanburg.

Lì, ha iniziato a dare enfasi al servizio clienti, che si è tradotto nell’essere responsabile della sua squadra di calcio.

Quando possedeva la squadra, Richardson faceva spesso riferimento alle lezioni apprese vendendo hamburger. Infilando la testa nella fila drive-thru tra lo stupore di clienti e dipendenti, di tanto in tanto visita i ristoranti per controllarli.

Quel tipo di attenzione non è stata prestata come ai suoi tempi da proprietario dei Panthers, in cui approvava i dettagli dei piani paesaggistici (piante autoctone di ogni stato sui lati nord e sud dello stadio per rappresentare le due Carolina) e il lavoro di verniciatura sul campo. Nei giorni delle partite, gira per il Bank of America Stadium con il suo carrello da golf, salutando i fan, scattando foto e godendosi i momenti.

READ  L'aeronautica americana riprende in video la "manovra aggressiva" dell'aereo cinese

Ma prima che potesse andare in giro per quei giochi e festeggiare portando la NFL in Carolina, ha dovuto consegnare.

Richardson ha iniziato il processo di costruzione di una squadra di calcio nel luglio 1987, quando ha incontrato l’ex CEO di Bank of America e icona di Charlotte Hugh McCall per discutere del suo sogno di portare il gioco nel suo stato d’origine.

Charlotte era già diventata una città sportiva professionistica con l’arrivo degli Hornets della NBA nel 1988, ma i giorni in cui la città faticava a diventare qualcosa di più di un avamposto regionale erano ancora confusi con Charleston, SC o Charlottesville, Virginia. , e gli anni che divenne il centro bancario nazionale.

Lungo la strada, sono state prese decisioni che hanno cambiato il volto del business sportivo. Ha arruolato il dirigente del marketing sportivo Max Mühlemann e hanno sviluppato il primo concetto di licenza permanente per i posti, in cui i fan pagavano una quota anticipata per ottenere l’accesso agli abbonamenti. I Panthers furono la prima squadra a utilizzare il concetto e il flusso di cassa era fondamentale per il finanziamento privato di quello che veniva chiamato Carolinas Stadium.

Ma fino al 26 ottobre 1993, il giorno in cui Richardson ha acquisito la 29a franchigia della NFL, è rimasto un sogno per tutti tranne che per Richardson.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *