Notizie sulla guerra Russia-Ucraina: aggiornamenti in tempo reale

KIEV, Ucraina – La Russia e l’Ucraina stanno aumentando la loro presenza militare nel sud dell’Ucraina tra i segnali che i combattimenti potrebbero presto intensificarsi, ha detto mercoledì un funzionario delle Nazioni Unite, un accumulo che ha ulteriormente minacciato la sicurezza della centrale nucleare di Zaporizhzhia, la più grande d’Europa.

“La situazione non sta migliorando”, ha detto Rafael Mariano Grossi, capo dell’agenzia nucleare delle Nazioni Unite, dopo aver visitato la linea del fronte per visitare l’impianto mercoledì. “È ovvio che l’attività militare sta aumentando in tutta questa regione, quindi devono essere prese tutte le misure e le precauzioni possibili per proteggere l’impianto dagli attacchi”.

I suoi commenti sono arrivati ​​poche ore dopo un’esplosione nella città di Melitopol, occupata dalle forze russe, nella stessa area della centrale elettrica. Alcuni funzionari ucraini hanno identificato la città come obiettivo di una prevista controffensiva questa primavera, poiché Kiev potrebbe premere per riconquistare il terreno perso a Mosca dopo la sua invasione su vasta scala 13 mesi fa.

Direttore Generale dell’Agenzia Internazionale per l’Energia Atomica Mr. Mercoledì Grosi ha attraversato la linea del fronte dal territorio controllato dall’Ucraina al territorio controllato dalla Russia per raggiungere il complesso nucleare. La Russia ha sequestrato il complesso un anno fa e ha posizionato l’artiglieria per bombardare le città vicine.

Per mesi ha avvertito che i bombardamenti intorno alla centrale, alcuni dei quali hanno colpito apparecchiature critiche, potrebbero portare a un catastrofico incidente nucleare. In un’intervista di martedì, ha affermato che la situazione non ha precedenti nella storia dell’energia nucleare civile, e mercoledì in una conferenza stampa presso l’impianto ha espresso nuove preoccupazioni.

READ  Mod Sun rompe il silenzio su Avril Lavigne che annulla il fidanzamento

“Si è parlato apertamente di attacchi e contrattacchi”, ha detto, ma non ha fornito ulteriori dettagli sulla formazione delle forze.

Il complesso nucleare si trova sulla sponda orientale del fiume Dnipro, dietro i confini russi. Le forze ucraine sono di stanza sulla sponda occidentale del fiume di fronte all’impianto e sono anche sbarcate sul lato est del fiume, a 36 miglia dal complesso.

I leader militari ucraini sono rimasti riservati su dove colpiranno in una controffensiva primaverile che dovrebbe essere rafforzata dall’arrivo di aiuti militari dagli Stati Uniti e da altri alleati. Anche la regione del Donbass dell’Ucraina orientale è considerata una possibile location.

La controffensiva ucraina mira a ribaltare la situazione su un’offensiva lanciata quest’anno da Mosca a est. L’offensiva ha scatenato brutali combattimenti intorno alla città di Pakmut nella regione di Donetsk, parte del Donbass e altre città in prima linea. I guadagni russi sono molto limitati.

Ma anche la regione di Zaporizhzhia rappresenta un obiettivo invitante per il governo di Kiev. Le forze ucraine potrebbero cercare di spingersi a sud verso Melitopol e la costa del Mar d’Azov, sperando di tagliare metà del nastro di terra occupato dai russi che collega la Crimea con l’Ucraina orientale.

In questo modo vanificherebbe uno degli obiettivi militari del Cremlino, che è quello di impadronirsi del territorio lungo la costa dell’Ucraina per creare un ponte di terra tra le due regioni, che detengono il territorio dal 2014.

Il parlamentare ucraino Mykyta Poturaev ha dichiarato mercoledì che gli attacchi di Melitopol sono avvenuti “come parte di un’operazione preparatoria” prima di una tale spinta.

Le esplosioni a Melitopol sono avvenute intorno alle 5:30 del mattino, ha detto Vladimir Rokov, un funzionario dell’occupazione filo-russa. detto sull’app di messaggistica Telegram. Un deposito ferroviario è stato danneggiato e parti della rete elettrica sono state colpite, ha detto, aggiungendo che non ci sono state vittime.

READ  Il prigioniero evaso è stato trovato morto nel fiume Ohio

Lo stabilimento di Zaporizhzhia si trova a 80 miglia a nord-ovest di Melitopol. Il presidente dell’Ucraina Volodymyr Zelensky e il presidente della Russia Vladimir V. Putin con il sig. Croci tenne trattative infruttuose. La Russia ha resistito a cedere il controllo dell’impianto.

“È molto importante che concordiamo sul principio di base che in nessuna circostanza una centrale nucleare dovrebbe essere attaccata o utilizzata per attaccare altri”, ha affermato il sig. disse Croce.

In una condanna implicita della Russia, ha aggiunto: “Questa è una centrale nucleare. Questa non è una base militare. Non dovrebbe mai essere una base militare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *