Novak Djokovic conquista il suo decimo titolo di singolare maschile agli Australian Open

Quando Djokovic ha giocato nella seconda settimana di questo torneo, il suo gioco è stato esagerato. I primi servizi che raschiano la linea gli danno il primo punto dei suoi giochi di servizio. Le prime interruzioni del servizio del suo avversario sarebbero diventate la prima vittoria di boxe e il primo set per un giocatore che raramente permetteva a qualcuno di recuperare in una partita.

Non lascia mai che gli avversari riprendano fiato, martellando le risposte nelle loro mascelle e costringendoli a colpire un altro colpo dopo che pensano di aver vinto un punto. È un tipo di tennis del soffocamento. L’americano Tommy Ball, che è stato battuto da Djokovic in semifinale, ha detto che gran parte del primo set è stato confuso dopo che era finito. Paul aveva giocato a tennis per tutta la vita, ma questa volta i secondi tra un punto e l’altro, tra il momento in cui colpiva una palla e l’inseguire la palla successiva, non erano mai passati così in fretta.

Andrey Rublev, un giocatore russo con un formidabile diritto e servizio, ha percorso il corridoio pochi istanti prima di essere chiamato in campo. Ha già affrontato Djokovic tre volte e l’ha battuto una volta, ma non l’ha mai affrontato alla Rod Laver Arena, dove affronta una versione di Djokovic più invincibile attraverso la rete rispetto a quanto visto in passato.

“Ha giocato molto bene”, ha detto Rublev al termine della partita. “Non so cos’altro dire.”

Nel quarto turno Alex de Minaur ha vinto solo cinque partite, giocando davanti a un pubblico cittadino pronto a incoraggiarlo a combattere. Dopo aver demolito De Minaur, Djokovic ha detto alla stampa serba che giocare in Australia contro un australiano è stato motivato da ciò che il governo del paese gli aveva fatto l’anno precedente, detenendolo e deportandolo a causa della sua popolarità e della sua posizione contro le vaccinazioni obbligatorie.

READ  Sale il bilancio delle vittime delle inondazioni in Ucraina a seguito del cedimento di una diga

Ma la missione di recupero di Djokovic in Australia è stata irta di pericoli. Ha teso il tendine del ginocchio prima della partita ed è stato costretto a scendere in campo indossando una spessa benda intorno alla zona infortunata fino alla fine. Ha vacillato nella prima settimana, giocando senza il movimento magico che è alla base del suo gioco.

Quindi, come per molti dei suoi precedenti infortuni, una combinazione di riposo, massaggi e antidolorifici ha alleviato il dolore e il disagio quando era più importante. C’è stato un ronzio sui social media sul fatto che avesse mai subito un infortunio alla gamba, senza che nessuno mettesse in dubbio la validità degli infortuni di altri giocatori – un sottile cenno all’onnipresente Nadal – solo il suo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *