SpaceX rinvia il primo volo del razzo Starship, citando la valvola congelata

BOCA CHICA, Texas, 17 aprile (Reuters) – La SpaceX di Elon Musk ha interrotto il tanto atteso lancio di debutto della sua astronave Starship appena assemblata e del razzo superpesante negli ultimi minuti del conto alla rovescia a causa di una valvola congelata. Almeno per due giorni.

Il razzo a due stadi, che è più alto della Statua della Libertà a 394 piedi (120 m), era originariamente programmato per decollare durante un lancio di due ore dalla struttura “Starbase” di SpaceX a Boca Chica, in Texas. È iniziato alle 8:00 EDT (1200 GMT).

Ma l’agenzia spaziale californiana ha annunciato in un webcast in diretta che il volo pianificato di 90 minuti sarebbe stato demolito nello spazio per almeno 48 ore, citando una valvola di pressione congelata nel razzo a basso stadio. Questo rende mercoledì la prossima finestra di rilascio per l’attività.

Tuttavia, i funzionari di SpaceX hanno affermato nel webcast che gli equipaggi di terra continueranno ad alimentare la parte anteriore del razzo fino agli ultimi secondi del conto alla rovescia di lunedì, trasformando l’offerta di lancio annullata in una “prova generale” per il prossimo tentativo.

Musk, il miliardario fondatore e amministratore delegato dell’azienda, domenica sera ha dichiarato a un pubblico privato di Twitter che la missione aveva maggiori possibilità di essere demolita rispetto a quella lanciata lunedì.

Portare un veicolo nello spazio per la prima volta rappresenterebbe una pietra miliare nell’ambizione di SpaceX di rimandare gli umani sulla luna e infine su Marte, almeno inizialmente come parte del programma di volo spaziale umano appena lanciato della NASA, Artemis.

Un volo di lancio riuscito classificherebbe immediatamente il sistema Starship come il veicolo di lancio più potente sulla Terra.

Sia il booster superpesante dello stadio inferiore che il veicolo spaziale dell’astronave dello stadio superiore che trasporta nello spazio sono progettati come componenti riutilizzabili, in grado di tornare sulla Terra per atterraggi morbidi, cosa che è diventata la norma per il minuscolo razzo Falcon 9 di SpaceX.

Ma nessuna tappa per il primo volo di prova sacrificabile nello spazio sarà recuperata. Invece, entrambe le parti della navicella termineranno il loro viaggio iniziale con un atterraggio di fortuna in mare: l’estremità superiore dell’astronave che arriva nel Pacifico dopo aver completato un’orbita completa intorno alla Terra.

I prototipi della navicella spaziale Starship hanno effettuato cinque voli subspaziali fino a 6 miglia (10 km) sopra la Terra negli ultimi anni, ma il booster superpesante non ha mai lasciato il suolo.

A febbraio, SpaceX ha condotto un test di accensione del booster, accendendo 31 dei suoi 33 motori Raptor per circa 10 secondi mentre il razzo si lanciava verticalmente su una piattaforma.

Venerdì scorso la Federal Aviation Administration ha rilasciato una licenza per il primo volo di prova di un sistema missilistico completamente impilato, eliminando un ultimo ostacolo normativo per il tanto atteso lancio.

Se tutto va come previsto per il prossimo lancio, tutti i 33 motori Raptor si accenderanno simultaneamente e manderanno l’astronave a volare intorno alla Terra in un volo che rientrerà nell’atmosfera e cadrà a velocità supersoniche nell’Oceano Pacifico. Circa 60 miglia (97 km) al largo della costa delle isole hawaiane settentrionali.

READ  Re Carlo III e la regina Camilla incoronati a Londra: NPR

Dopo essersi separato dall’astronave, il booster superpesante dovrebbe consentire un volo di rientro controllato prima di tuffarsi nel Golfo del Messico.

Come progettato, il razzo Starship è più del doppio più potente dello Space Launch System (SLS) della NASA, che ha lanciato in orbita il veicolo spaziale non lanciato a novembre, inviando il veicolo spaziale della NASA Orion in una missione di 10 giorni sulla luna. Ancora.

Reportage di Joe Skipper a Boca Chica, Texas e Joey Rowlett a Denver; Scrittura e rapporti aggiuntivi di Steve Gorman a Los Angeles; Montaggio di Clarence Fernandez

I nostri standard: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *