Thompson: L’NBA ha mancato il bersaglio con la squalifica di Draymond Green, e questa è la nostra sconfitta

SAN FRANCISCO – Dovrebbe essere una notte piuttosto epica al Chase Center. I fan di Fever Pitch stanno cercando di superare il fervore dei fan di Sacramento nei Giochi 1 e 2. E-40 è tornato nell’edificio. Una tensione palpabile riempie l’arena prima della soffiata. I campioni in carica Warriors stanno giocando per la loro postseason. alla loro reputazione. Per la loro dinastia. A modo loro, i Kings – Kings eccezionali ed emergenti – vogliono scioccare il mondo e annunciare il loro arrivo come seri contendenti.

Il potere scorre attraverso la televisione. Milioni di spettatori, forse un record di pubblico per una serie del primo turno che ha prodotto il miglior pubblico di apertura del campionato in più di 20 anni. Inevitabilmente, Draymond Green affronterà Tomantas Sabonis. L’elettricità del basket dei playoff ha colpito direttamente i nervi.

Ma l’NBA non lo vuole. Comunque non abbastanza. Non sono altro che disposti a entrare nella politica dell’onore.

In un’intervista con Malika Andrews di ESPN, il presidente delle operazioni di basket della NBA, Joe Dumars, ha rivelato. Motivo della decisione di sospensione Draymond Green ha ottenuto una tripla per Gara 3 della serie del primo turno della Western Conference di giovedì. L’atto stesso, poi il comportamento verde – “comportamento dannoso” lo chiamava – ed era di nuovo un criminale.

“Pensiamo nel complesso”, ha detto Dumars su “NBA Today”, “prendi queste tre cose ed è lì che atterrerai con una sospensione. Se le rompi, forse no”.

Quindi la sospensione non è solo perché ha calpestato il petto di Sabonis in Gara 2. Senza dubbio, avrebbe potuto essere. Se solo il calpestatore NBA o Sabonis fosse stato troppo infortunato per giocare giovedì per meritare una sospensione, quella decisione sarebbe arrivata prima. Quella posizione non richiede il dibattito che Dumars ha detto che si è svolto per tutto martedì.

Ma è difficile prendere quella linea dura quando Sabonis è il grilletto. Questa non è una situazione creata dai Verdi ovunque. Fu opportunamente provocato. Dumars ha detto che l’NBA è soddisfatta del rigore diretto dato a Sabonis dagli arbitri per un fallo tecnico. Se si trattava del calpestio di Green, erano certamente soddisfatti anche della punizione che i suoi rappresentanti gli hanno inflitto in campo: un flagrante fallo da 2 ed espulsione da una partita che alla fine i Warriors hanno perso.

READ  Scarlett Johansson indignata dalle imitazioni dei chatbot

Ma la forza trainante dietro la sospensione sono state le buffonate che sono seguite. Corre al centro del campo e implora i tifosi del Sacramento di tifare. Poi si è alzato su una sedia e ha gridato di più, lanciando esplosivi contro gli uccelli, facendo capovolgere la folla. Successivamente, il rispetto è entrato nel contesto della politica. Si tratta di idee di decoro e professionalità.

Alla fine, l’NBA finì per non apprezzare il modo in cui operava Green.

È molto rumoroso. Molto coraggioso. Molto aggressivo. Molto dimostrativo. Molto noioso. Molto orgoglio. Non troppo dispiaciuto di essere troppo extra. Un verde contrito, che ha preso il microfono ed ha espresso i suoi sentimenti di vergogna in seguito all’incidente, avrebbe giocato nel gioco 3.

Vai più a fondo

Kings-Warriors: osservazioni sparse che si dirigono verso un grande gioco 3

È un esempio di come l’NBA si prenda troppo sul serio o, forse peggio, ignori i fan che lo fanno.

La gente pensa davvero che sia un’aula di tribunale, vero? Tutto il soapboxing, i giudizi sui personaggi e le perle che stringono. Casi precedenti e persone che divulgano prove. Anche il linguaggio di Dumars – “recidivo” e “condotta dannosa” – è gergo legale. Il verde sarà sicuramente giudicato dal tribunale dell’opinione pubblica. Non è un imputato umile ed educato.

Non c’è difesa per le offese alla personalità, e mercoledì i Warriors non ne hanno messa una. Bob Myers, presidente delle operazioni di basket dei Warriors, non ha offerto né un appello emotivo né una spiegazione sincera. Non c’era rabbia alla fine del campionato. Il verde non ha disperazione. Non c’è né un forte sostegno né una forte condanna in nessuna delle due direzioni. Myers, esperto com’è, ha intrecciato domande e risposte roboanti, assicurandosi di non dire troppo. E il suo abbassamento era per conto del franchise.

“Siamo già stati qui”, ha detto Myers. “Una volta prese queste decisioni, non c’è corte d’appello. È finita. Puoi reagire come vuoi, ma non cambia il fatto che non abbia giocato.

READ  Il Senato del Minnesota risolve il divieto di trapianto, l'aborto e le leggi sull'asilo transgender

Ad essere onesti, non c’è molto da dire. Sanno chi è Green e quanto è fuori controllo. Sanno che questo è il prezzo per cavalcare con lui. E lo capiscono: a molte persone non piace. A volte, non sono se stessi. Indubbiamente sono d’accordo con l’NBA e vogliono attenuare il green in momenti particolarmente infiammabili. Anche loro vogliono che sia guidato più dall’umiltà dietro le quinte, non dalle glorie che lo annebbiano in campo.

“È una forza. Il ragazzo è una forza”, ha detto Myers. “Ma ti dirà che ha commesso un errore. Non posso nascondermi da loro. Sono tutti là fuori a guardare. Ha un buon cuore. Egli fece. Lo so. Ma questo non significa che sia infallibile. Non me. nessuno è qui. … Ragazzo complicato, di sicuro.

Ma vedono il pieno valore del verde. Godono anche dei benefici che ha fornito. Fa parte del pacchetto. Lo accettano. Ciò significa che non hanno altra scelta che accettare la sentenza della NBA e il prezzo delle misure verdi.

A volte finiscono in questi momenti, cambiando le loro sequenze e tenendo conferenze stampa per spiegare. A volte, finiscono per alzare un trofeo.

“Ancora una volta, è fuori dal nostro controllo”, ha detto Steve Kerr. “Draymond è incredibilmente competitivo, appassionato e feroce, e ci ha aiutato a vincere quattro campionati. L’ho detto molte volte, non avremmo un campionato senza Draymond Green. Questa è la verità. Quindi ha superato il limite nel corso degli anni, e questo fa parte di esso. Combatteremo per Draymond. Andiamo, andiamo in guerra con lui ogni giorno della settimana.

“Vincere crea confusione se vuoi essere onesto”, ha aggiunto Myers.

Vai più a fondo

Perché l’NBA ha sospeso Draymond Green? Adesso è privato

Il green dovrebbe essere penalizzato quando le regole vengono infrante. E lui Sarebbe difficile trovare un giocatore più penalizzato del green. Il suo costo più alto sono state le finali NBA perse nel 2016 dopo essere stato sospeso per Gara 5. È stato espulso. Ordina i falli tecnici. Paga la multa. La sua fama è sancita. Lui è quello che è. Funziona per lui più di quanto non lo sia. Sentiti libero di amarlo o odiarlo. Ma questa sua inclinazione a essere diverso, a inserirsi in uno stampo, sembra sminuire l’obiettivo finale del campionato.

READ  Processo sugli sci di Gwyneth Paltrow - IN DIRETTA: L'attore dice alla corte che inizialmente pensava che l'incidente sugli sci fosse "aggressione sessuale"

Ciò che l’NBA ha perso di vista in questa particolare situazione è che Green è un personaggio di una grande produzione, un cattivo volenteroso ed eccezionale. L’NBA li ha già avuti. Parte della sorpresa della sospensione di Dumars è stata che ha suonato con uno di loro in Bill Laimbeer. Tutta la sua squadra indossava cappelli neri. InfattiE le leggende esistono per questo.

Questi ragazzi diventano figure leggendarie per quello che aggiungono alla trama. Il punto è che sono sgradevoli. Il punto è avere qualcuno contro cui tifare. L’NBA è costruita su matchup e drammi. Sono su TNT che conoscono il dramma. È un gioco.

Il verde viene espulso per il francobollo. La sua squadra ha perso Gara 2 perché non era in campo. E ha due falli flagranti, a due di distanza da un’altra squalifica. Ma ancora Questo è Le buffonate di Green sono state sospese perché non gli piaceva. Perché lo vedevano come un atto che sfidava la civiltà.

Ma cosa succede se scelgono di vederlo in modo diverso? Lo trovarono divertente e vi si appoggiarono, come fanno molti. Puniscilo per il suo errore e lascialo andare. Se lo multano per le sue azioni dopo il timbro – oltre all’espulsione – chi ne soffrirà davvero?

Naturalmente, alcuni fan piangeranno fiumi, si rivolgeranno ai social media con sgomento e lamenteranno la caduta dell’umanità. Ma poi possono sintonizzarsi direttamente su Game 3 e vedere cosa succede dopo. Proprio come la gente ha fatto con i Pistons e i Bulls negli anni ’90.

Invece, l’NBA lo ha visto come “dannoso” e potenzialmente ha sacrificato un’incredibile serie di vittorie consecutive. È il loro campionato. La loro chiamata. La nostra perdita.

(Foto: Loren Elliott/Getty Images)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *