Siete quì: Musica Rimini > Bravo Jazz

Bravo Jazz

BRAVO JAZZIl programma di questa Settima Edizione sembra scaturire dalle mirabili e dosate alchimie di un mago sapiente, tanto è variegato e bilanciato nelle sue diverse proposte. Non un jazz monografico, incentrato su un solo strumento, ma una “tavolozza di colori”, policroma, ricca delicata e contrastata, estesa nei toni caldi e freddi, sicuramente intensa ed avvincente.

Si offre una programmazione che ai due gruppi “storici” della tradizione americana, il più classico “Main Stream”, quali il “Bobby Watson sextet” ed il “Al Foster Quartet”, alterna nomi e formazioni che rappresentano la nuova scena jazzistica USA, quali il “Joey Calderazzo Trio” ed il “Alex Riel Quartet”, unitamente ad una proposta intrigante, attualmente tra le più interessanti della scena jazzistica italiana, il “Quintorigo – Mingus Project”. Anche questa rassegna prevede la strenna natalizia, il gruppo gospel “Cedric Shannon and High Praise Gospel Singers”. “… che il sipario si apra e … one, two … one, two, three … il momento magico si perpetui … !”

#1 VEN 23 OTTOBRE
BOBBY WATSON SEXTET: “Live and Learn”
Bobby Watson (Sax), Philip Dizac (Trumpet),Harold O’Neil (Piano), Warren Wolf (Vibes), Curtis Lundy (Bass), Quincy Davis (Drums)
“A questo punto della mia carriera, credo fermamente di non aver più nulla da dimostrare. Il virtuosismo non è mai stato il mio intento primario. Avere un buon mezzo, dei buoni collaboratori per esprimermi, per mettermi in relazione con la gente e offrire buona musica da ascoltare e su cui riflettere, questo sì! È stato l’intento principale di tutta la mia carriera di musicista.”In più di 25 anni di carriera, Bobby Watson ha accumulato una discografia che conta cento incisioni e collaborazioni illustri con artisti come Art Blackey (si è unito ai “Jazz Messengers” dal 1977 al 1981) Sam Rivers, Max Roach, George Coleman, John Hicks, Joe Williams e Winton Marsalis. Vera icona del sax contralto è entrato a pieno titolo nella storia della musica afro-americana. Uno tra i principali musicisti della sua generazione. Solista e compositore, ha alle spalle una notevole quantità di successi che ne evidenziano la destrezza, l’energia ed una qualità interiore che viene direttamente dall’anima. L’ultimo lavoro “Live and Learn” che corona degnamente il trentennale rapporto con il bassista Curtis Lundy, porta un messaggio eccitante, pensato per scuotere ed esaltare in modo positivo chi ascolta. Un lavoro che alterna suoni impetuosi a momenti intensi e struggenti.

#2 GIO 19 NOVEMBRE
AL FOSTER QUARTET: “Dreaming … Drumming”
Al Foster (Drums), Eli Degibri (Sax), Danny Grisset (Piano), Doug Weiss (Bass)
“Il groove di Al Foster e la sua capacità di sostenerlo all’infinito erano esattamente quello che cercavo io”, così ebbe a dire Miles Davis, con il quale Al Foster suonò a lungo (dal 1972 al 1985), prendendo parte a numerose importanti incisioni (“Big Fun”. “The Man with the Horn”, “We Want Miles”). Al Foster è da decenni uno dei più importanti batteristi della scena jazzistica mondiale. Ha collaborato con tutti protagonisti del jazz moderno, da Herbie Hancock a Sonny Rollins, da Bill Evans a Stan Gets, da Dexter Gordon a Chick Corea. Musicista di grande valore e sensibilità, con un bagaglio tecnico che gli consente la completa padronanza di molti stili, presenta in questo tour il quartetto con il quale è attivo da diversi anni. Un affiatato gruppo che vede la partecipazione di tre straordinari giovani musicisti residenti a New York City , già affermati sulla scena jazzistica internazionale.

#3 SAB 12 DICEMBRE
CEDRIC SHANNON AND HIGH PRAISE GOSPEL SINGERS
Un talento ereditario quello di Cedric Shannon. Seguendo le orme del padre, Cedric inizia a cantare nel coro giovanile. Trascorre infanzia ed adolescenza crescendo in un ambiente di fervore credente. La testimonianza, il canto, il mistero, daranno per sempre una impronta alla sua vita. È un giovane artista che si sta imponendo al pubblico americano per le sue doti di cantante, compositore ed attore di musical. Attualmente è in tour con “High Praise Gospel Singers”, gruppo di giovani talenti. L’intensità espressiva della voce di Cedric riesce a coinvolgere la platea fino a far percepire la presenza del Signore. Le sue straordinarie doti vocali, la grande carica umana lo hanno portato ad essere ospite del Papa in Vaticano.

#4 VEN 18 DICEMBRE
JOEY CALDERAZZO TRIO: “Black and White Jazz”
Joey Calderazzo (Piano), Eric Revis (Bass), Antonio Sanchez (Drums)
Pianista dall’età di sette anni, Calderazzo si afferma ben presto come uno dei più brillanti giovani musicisti della scena jazz mondiale. Entra a far parte del quintetto del grande sassofonista Michael Bracker. Suona con Jerry Bergonzi e Brandford Marsalis, una collaborazione, questa, che sta tuttora durando e che ha costituito per Joey un grande spunto di crescita e maturazione. Anche il bassista Eric Revis, vincitore di diversi Grammy Awards (L’Oscar della musica), incontra Brandford Marsalis iniziando con lui una fruttuosa collaborazione che dura da molti anni e che condivide con il batterista, ben conosciuto dal pubblico del Teatro del Mare, Jeff “Tain” Watts. Anche Antonio Sanchez ha al suo attivo un Grammy Award, ottenuto nel 2003 per la sua collaborazione all’album “Speaking Off Now”, inciso con il gruppo del grande chitarrista Pat Metheny e con il quale collabora anche in trio acustico insieme al grande bassista Christian McBride. Antonio Sanchez è batterista dall’età di cinque anni ed è tra i più richiesti della scena jazzistica mondiale. Si sono avvalsi della sua collaborazione, solo per citarne alcuni, Danilo Perez, Paquito De Rivera, Charlie Haden, John Patitucci, Michael Brecker. Tiene sistematicamente seminari e masterclass in tutto il mondo. Il Trio, la formazione Jazz più classica. Un “Black and White Jazz” da non perdere!

#5 VEN 22 GENNAIO
QUINTORIGO: “Quintorigo Play Mingus”
Valentino Bianchi (Sax), Andrea Costa (Violino), Gionata costa (Violoncello), Stefano Ricci (contrabbasso), Luisa Cottifogli (Voce)
A 30 anni esatti dalla scomparsa di Charlie Mingus, i Quintorigo riportano sul palco il grande tributo al genio del compositore e contrabbassista statunitense con il quale si sono aggiudicati il prestigioso titolo di “Migliore formazione del 2008” della rivista “Musica Jazz”. Quintorigo è senza dubbio uno dei gruppi musicali più originali ed interessanti degli ultimi anni, emerge con prepotenza ed intelligenza nell’asfittico mondo musicale italiano, dimostrando che non esistono barriere tra i diversi generi musicali. Formatisi nel 1996, fin dall’inizio la loro musica, fortemente sperimentale, fonde jazz, classica, rock e pop. Si permettono di shakerare generi musicali, in continuo gioco tra musica e voce, il risultato ricorda un cielo sereno nel quale all’improvviso scoppia un temporale. Si fanno conoscere al grande pubblico partecipando al “Festival di Sanremo” nel 1999 con “Rospo”. Lo stesso anno vincono il “Premio Tenco”. Fra le collaborazioni più importanti: Roberto Gatto, Enrico Rava, Antonello Salis, Franco Battiato, Carmen Consoli ed Ivano Fossati.

#6 VEN 19 FEBBRAIO
ALEX RIEL QUARTET: “Europe meets USA”
Alex Riel (Drums), Pat La Barbera (Sax), Dado Moroni (Piano), Jasper Lundgaard (Bass)
Il danese Alex Riel è storicamente uno dei primi batteristi europei ad assurgere a fama mondiale. La sua carriera inizia negli anni ’60, quando entra a far parte, accanto a Niels – Henning – Ørsted Pedersen della “House Band” del Jazzhus Montmartre, celebre jazz club di Copenhagen, avendo modo di suonare spesso con Kenny Drew, Dexter Gordon e Ben Webster, residenti all’epoca in Danimarca. Partecipa a numerose incisioni, oltre che con i succitati musicisti, con Bill Evans, Bob Brookmeyer, Jackie McLean, Eddie “Lockjaw” Davis. Batterista di notevole vigore e competenza stilistica Riel si distingue inoltre per il suo eclettismo, fondando un gruppo rock di notevole successo. In questo tour si presenta alla testa di un quartetto comprendente l’americano Pat la Barbera, esperto sassofonista che ha suonato con Woody Herman e Buddy Rich (Big bands), l’italiano Dado Moroni, brillante pianista già noto al pubblico del “Teatro del Mare”, il danese Jasper Lundgaard, sofisticato ed apprezzato contrabbassista, già collaboratore di Dexter gordon e Hank Jones.

Info e prenotazioni 0541 608285 (ore 8-13)
www.riccioneperlacultura.it

Prevendita Righetti Strumenti Musicali
V. Castrocaro 33, Riccione
Tel. 0541 646000

Comments

comments