Borse asiatiche per i dati della Cina, relatori della banca centrale

  • Borse asiatiche:
  • La Cina ha un tasso ufficiale
  • Compagnie in baht thailandesi dopo la vittoria elettorale dei partiti di opposizione
  • Biden dovrebbe incontrare i legislatori martedì sul tetto del debito
  • Diversi funzionari della Fed dovrebbero parlare questa settimana

SYDNEY, 15 maggio (Reuters) – I mercati azionari asiatici hanno aperto la settimana con prudenza mentre gli investitori si preparavano alla pubblicazione dei dati sulle vendite industriali e al dettaglio della Cina, mentre i funzionari della Federal Reserve attendevano colloqui per giustificare il prezzo di mercato dei tagli dei tassi di quest’anno. .

I futures S&P 500 e Nasdaq sono entrambi scesi dello 0,1% nei primi scambi dopo che un rapporto di venerdì ha mostrato che il sentimento dei consumatori statunitensi è sceso al minimo di sei mesi a maggio e le aspettative di inflazione a lungo termine sono salite ai massimi dal 2011, sollevando il biglietto verde e il biglietto verde . Rendimenti del tesoro.

Nei mercati emergenti, la lira turca è scesa al minimo di due mesi dopo le elezioni del fine settimana, mentre il baht thailandese è salito di quasi l’1% dopo che l’opposizione thailandese ha sconfitto i partiti alleati militari nei sondaggi del fine settimana.

Lunedì, il più ampio indice MSCI di azioni dell’Asia-Pacifico al di fuori del Giappone (.MIAPJ0000PUS) ha oscillato tra perdite e guadagni per finire in rialzo dello 0,1%. Il giapponese Nikkei (.N225) è in controtendenza con un guadagno dello 0,5%, basandosi sull’ottimismo della scorsa settimana per la stagione degli utili.

L’indice delle blue-chip cinesi (.CSI300) è rimasto invariato nei primi scambi, dopo un calo del 2% la scorsa settimana, mentre l’indice Hang Seng di Hong Kong (.HSI) è salito dello 0,3% e ha anch’esso subito un calo del 2,1%.

READ  L'ex vicepresidente Mike Pence si unisce alla corsa alla Casa Bianca

La banca centrale del paese ha mantenuto invariati i tassi di interesse sui prestiti a medio termine in scadenza lunedì, nonostante i dati deludenti della scorsa settimana che hanno alimentato le preoccupazioni per una recessione globale.

Martedì la Cina dovrebbe riportare i dati mensili sulla produzione industriale, le vendite al dettaglio e gli investimenti in immobilizzazioni.

“Un grande miglioramento anno dopo anno non dovrebbe sorprendere se misurato rispetto a un’economia stagnante che è stata bloccata”, ha affermato Chris Weston, responsabile della ricerca presso Pepperstone.

“Tuttavia, la crescita della Cina è stata al centro delle mosse del mercato poiché i dati cinesi hanno sollevato alcune preoccupazioni negli ultimi tempi – abbiamo visto scarsi dati su importazioni, PPI e credito -“, ha affermato Weston.

Questa settimana, diversi funzionari della Federal Reserve stanno parlando, tra cui il presidente Jerome Powell, che è fissato per venerdì e potrebbe fare molti titoli per spostare ulteriormente il quadrante.

Dopo che i dati CPI e PPI della scorsa settimana hanno sostenuto la pausa della banca centrale con l’allentamento dell’inflazione, i mercati stanno ancora guardando a un taglio di 70 punti base nei tassi dei fondi Fed e nei prezzi entro la fine dell’anno.

Il governatore della Federal Reserve Michelle Bowman ha dichiarato venerdì che se l’inflazione rimane alta, la Federal Reserve americana potrebbe dover aumentare ulteriormente i tassi di interesse.

Joseph Capurzo, capo dell’economia internazionale presso la Commonwealth Bank australiana, ritiene che la stabilità dell’inflazione statunitense contribuirà a scontare tagli a breve termine del tasso di fondi e contribuirà alla ripresa del dollaro nei prossimi mesi.

Lunedì il dollaro USA si aggirava intorno al massimo di cinque settimane contro i principali omologhi, estendendo il suo miglior rialzo settimanale dalla settimana prima della prima settimana di settembre. È salito dell’1,4% la scorsa settimana a 102,64 a causa dei timori sulla crescita globale.

READ  Il proprietario dei jet "farà tutto il necessario" per ottenere Aaron Rodgers

L’incertezza sull’innalzamento del tetto del debito degli Stati Uniti e il ritorno delle preoccupazioni bancarie sono rimaste nelle menti degli investitori. Il presidente degli Stati Uniti Joe Biden dovrebbe incontrare martedì i leader del Congresso per colloqui sull’aumento del tetto del debito nazionale ed evitare un debito catastrofico.

Le preoccupazioni per il fatto che il Congresso degli Stati Uniti non abbia alzato in tempo il tetto del debito hanno creato gravi distorsioni all’estremità breve della curva dei rendimenti, poiché gli investitori si sono riversati su emissioni alternative, evitando le cambiali dovute quando i titoli del Tesoro rischiano di esaurire i fondi.

Il rendimento della nota di riferimento a 10 anni è rimasto invariato al 3,4588% dopo essere salito di 6 punti base venerdì, e il rendimento a due anni è sceso di 2 punti base al 3,9830%, in rialzo di 10 punti base nella sessione precedente.

I prezzi del greggio sono scesi per la quarta seduta consecutiva. Il greggio statunitense è sceso dello 0,5% a 69,71 dollari al barile, mentre il greggio Brent è sceso dello 0,6% a 73,74 dollari.

L’oro è salito dello 0,2% a 2.014,95,49 dollari l’oncia.

Relazione di Stella Qiu; Montaggio di Sonali Pal

I nostri standard: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *