Hubble celebra il suo 34° anniversario con una vista spettacolare della Nebulosa Piccolo Manubrio

Gli astronomi hanno celebrato il 34esimo anniversario del telescopio spaziale Hubble catturando un'immagine della piccola Nebulosa Manubrio, a 3.400 anni luce di distanza. Hubble ha condotto 1,6 milioni di osservazioni e contribuito a oltre 44.000 articoli scientifici. Le scoperte del telescopio spaziale James Webb stanno espandendo la nostra comprensione dell'universo. Crediti: NASA, ESA, STScI, A. Pagan (STScI)

Una bolla bipolare luminosa proveniente da una stella morente si espande nello spazio

Per celebrare il 34° anniversario del suo lancio NASALa leggenda di Telescopio spaziale Hubble Il 24 aprile 1990 gli astronomi scattarono un'istantanea della Nebulosa Piccolo Manubrio. Conosciuto anche come Messier 76, M76 o NGC 650/651, è costituito da un anello, con un sistema a barra centrale sul bordo e due lobi su ciascuna apertura dell'anello.

Prima che una stella gigante rossa si spenga, emette un anello di gas e polvere. Questo anello potrebbe essere stato scolpito dagli effetti di una stella compagna binaria. Questo materiale pigro formava un denso disco di polvere e gas nel piano orbitale della compagna. L'ipotizzata stella compagna non è stata vista nell'immagine di Hubble, quindi potrebbe essere stata inghiottita successivamente dalla stella centrale. Il disco sarebbe una prova forense di quel cannibalismo interstellare.

La nebulosa fotogenica è l'obiettivo preferito degli astrofili. Gli astronomi professionisti rilevarono per la prima volta uno spettro nel 1891, indicando che si trattava di una nebulosa piuttosto che di una galassia o di un ammasso stellare. Hanno suggerito che M76 potrebbe essere simile alla Nebulosa Anello a forma di ciambella (M57).


Per più di tre decenni, il telescopio spaziale Hubble della NASA/ESA ha rivoluzionato l'astronomia moderna, portando non solo gli astronomi ma il pubblico in un emozionante viaggio di esplorazione e scoperta. Ogni anno Hubble dedica una piccola parte del suo prezioso tempo di osservazione per scattare un'immagine speciale per l'anniversario, mostrando oggetti particolarmente belli e significativi. Hubble celebra il 34° anniversario del lancio con un'istantanea della Nebulosa Piccolo Manubrio Crediti: NASA, ESA, STScI, A. Pagan (STScI), N. Bartmann (ESA/Hubble)

Hubble celebra il 34° anniversario dell'osservazione della piccola nebulosa Manubrio

Per celebrare il 34esimo anniversario del lancio del 24 aprile del famoso telescopio spaziale Hubble della NASA/ESA, gli astronomi hanno scattato un'immagine a 3400 luci della Nebulosa Piccolo Manubrio (conosciuta anche come Messier 76, M76 o NGC 650/651). A molti anni di distanza si trova la costellazione circumpolare settentrionale di Perseo. La nebulosa fotogenica è l'obiettivo preferito degli astrofili.

READ  Consiglio della Federal Reserve - La Federal Reserve rilascia la dichiarazione del FOMC

M76 è classificata come una nebulosa planetaria, un guscio in espansione di gas incandescente espulso da una stella gigante rossa morente. Alla fine la stella collassa diventando più densa e più calda Nana bianca. Una nebulosa planetaria non è correlata ai pianeti, ma ha preso il nome perché gli astronomi che utilizzavano telescopi a bassa potenza nel 1700 pensavano che questo tipo di oggetto somigliasse a un pianeta.

L'M76 è costituito da un anello, con un sistema a barra centrale sul bordo e due lobi su ciascuna apertura dell'anello. Prima che la stella si bruci, emette un anello di gas e polvere. L'anello potrebbe essere stato scolpito dagli effetti di una stella che un tempo conteneva una stella compagna binaria. Questo materiale pigro formava un denso disco di polvere e gas nel piano orbitale della compagna. L'ipotizzata stella compagna non è stata vista nell'immagine di Hubble, quindi potrebbe essere stata inghiottita successivamente dalla stella centrale. Il disco sarebbe una prova forense di quel cannibalismo interstellare.

Annotazione della Nebulosa Piccolo Manubrio (M76).

Nel suo 34esimo anniversario, il telescopio Hubble ha catturato la Nebulosa Piccolo Manubrio, dimostrando il suo continuo ruolo nella scoperta cosmica e nella ricerca astronomica. Crediti: NASA, ESA, STScI, A. Pagan (STScI)

La stella progenitrice collassa per formare una nana bianca. È uno dei resti stellari più caldi conosciuti con una temperatura di 120.000 gradi Celsius. Centigrado, 24 volte la temperatura superficiale del nostro Sole. Una nana bianca sfrigolante può essere vista come un punto al centro della nebulosa. Una stella visibile nella proiezione sottostante non fa parte della nebulosa.

Mentre si stacca dal disco, due gas caldi fuoriescono dalla parte superiore e inferiore della “cintura” lungo l'asse di rotazione della stella, che è perpendicolare al disco. Sono spinti dal materiale simile a un tornado espulso da una stella morente, che attraversa lo spazio a due milioni di miglia all'ora. Questa è la velocità con cui si viaggia dalla Terra alla Luna in sette minuti! Questo “vento stellare” soffia nel gas freddo e lento che è stato espulso in una fase precedente della vita della stella quando era una gigante rossa. L'intensa radiazione ultravioletta proveniente da una stella super calda fa brillare i gas. Il colore rosso proviene dall'azoto e il blu dall'ossigeno.

READ  Aaron Gordon guida i Nuggets alla vittoria in Gara 4, 3-1 in vantaggio su Heat nelle finali NBA

Poiché il nostro sistema solare ha 4,6 miliardi di anni, l’intera nebulosa è una padella nella padella secondo il cronometraggio cosmologico. Si estinguerà tra 15.000 anni.

La pubblicazione scientifica da record di Hubble

Dal suo lancio nel 1990, Hubble ha effettuato 1,6 milioni di osservazioni di oltre 53.000 oggetti astronomici. Ad oggi, il Archivio Mikulski per i telescopi spaziali Lo Space Telescope Science Institute di Baltimora, nel Maryland, dispone di 184 terabyte di dati elaborati pronti per la scienza per essere utilizzati dagli astronomi di tutto il mondo per la ricerca e l'analisi. Lo Specchio europeo dei dati pubblici è ospitato presso il Centro europeo di astronomia spaziale (ESAC) dell'ESA. Archivio scientifico del telescopio spaziale europeo Hubble (eHST)..

Dal 1990 sono stati pubblicati oltre 44.000 articoli scientifici basati sulle osservazioni di Hubble. Comprendeva 1.056 articoli pubblicati nel 2023, di cui 409 condotti da autori provenienti dagli Stati membri dell'ESA. La richiesta di utilizzo di Hubble è così elevata che attualmente è sei volte superiore.

Durante lo scorso anno di attività scientifica, le nuove scoperte fatte utilizzando Hubble includono il rilevamento di acqua nella sottile atmosfera. extraterrestre Fino ad oggi, ha scoperto una strana esplosione cosmica lontana da qualsiasi galassia ospite e ha seguito i raggi degli anelli di Saturno per trovare la sede inaspettata del lampo radio veloce più distante e potente mai visto. Gli studi di Hubble sull'asteroide Dimorphos, bersaglio intenzionale di collisione di un veicolo spaziale della NASA nel settembre 2022, hanno continuato a rilevare le rocce rilasciate dall'impatto per alterarne la traiettoria.


Questo video porta gli spettatori all'immagine del 34° anniversario del famoso telescopio spaziale Hubble della NASA/ESA: la piccola nebulosa Dumbbell (nota anche come Messier 76, M76 o NGC 650/651). Questo oggetto si trova a 3400 anni luce di distanza nella costellazione circumpolare settentrionale di Perseo. La nebulosa fotogenica è l'obiettivo preferito degli astrofili. Crediti: NASA, ESA, STScI, A. Pagan (STScI), Crediti: D. Crowson, A. Fujii, Digitized Sky Survey

Hubble continua a fornire immagini spettacolari di obiettivi celesti, comprese galassie a spirale, ammassi globulari e nebulose di formazione stellare. Una stella appena formata Spettacolo di luci cosmiche. Le immagini di Hubble sono state combinate con le osservazioni a infrarossi del telescopio spaziale James Webb della NASA/ESA/CSA per creare una delle viste più dettagliate dell'universo, l'ammasso di galassie MACS 0416.

READ  Banca della Silicon Valley: Biden afferma che il sistema bancario statunitense è sicuro

Molte delle scoperte di Hubble non erano state previste prima del lancio, come i buchi neri supermassicci, le atmosfere degli esopianeti, la lente gravitazionale della materia oscura, l'esistenza dell'energia oscura e la formazione di numerosi pianeti interstellari. Hubble continuerà la ricerca in questi ambiti, oltre a utilizzare la sua capacità unica di luce ultravioletta per studiare i fenomeni del sistema solare, le esplosioni di supernova, la composizione delle atmosfere degli esopianeti e l'emissione dinamica delle galassie. E le sonde Hubble continuano a trarre vantaggio dalle lunghe osservazioni di base degli oggetti del Sistema Solare, degli eventi delle stelle variabili e di altri aspetti astrofisici esotici dell'Universo.

Le caratteristiche prestazionali del telescopio spaziale James Webb sono progettate per essere un complemento unico di Hubble, non un sostituto. La futura ricerca di Hubble sfrutterà anche l'opportunità dell'integrazione con il WEB, che osserva l'universo nella luce infrarossa. Insieme, la copertura di lunghezze d'onda complementari dei due telescopi spaziali espande la ricerca innovativa in campi quali i dischi protostellari, la composizione degli esopianeti, le supernove insolite, i nuclei interstellari e la chimica dell'universo lontano.

Il telescopio spaziale Hubble è operativo da più di tre decenni e continua a fare nuove scoperte che modellano la nostra comprensione fondamentale dell'universo.

Hubble è un progetto di collaborazione internazionale tra NASA ed ESA (Agenzia spaziale europea) Il Goddard Space Flight Center della NASA a Greenbelt, nel Maryland, gestisce il telescopio e le operazioni di missione. Lockheed Martin Space a Denver, in Colorado, supporta le operazioni di missione a Goddard. Lo Space Telescope Science Institute di Baltimora, nel Maryland, gestito dall'Associazione delle università per la ricerca astronomica, gestisce le operazioni scientifiche di Hubble per la NASA.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *