I Mets e Padres si affrontano per finire la prima metà della MLB

Proprio come previsto dagli esperti prima dell’inizio della stagione, i Mets e i Padres hanno aperto una serie l’uno contro l’altro per chiudere la prima metà della stagione come le due squadre più calde del baseball.

Una spazzata dell’Arizona ha portato i Mets alla loro quinta vittoria consecutiva, legando il loro record stagionale. Quando il finale estivo è arrivato venerdì, tre giorni prima della pausa dell’All-Star, la serie di vittorie dei Mets è stata pari a una vittoria su Cincinnati, la migliore nelle major.

Dopo la pausa di giovedì, i Padres sono usciti da un fine settimana veloce dopo aver spazzato via i Los Angeles Angels in tre partite. Mentre Yu Darvish si schierava contro Justin Verlander per un fine settimana di baseball a San Diego – il pubblico di venerdì di 42.712 persone è stato il 37esimo tutto esaurito della stagione dei Padres – entrambe le squadre si sono lanciate con abbandono e slancio.

“Sono solo un’altra squadra sulla nostra strada”, ha detto freddamente Pete Alonso, l’unico All-Star dei Mets in questa stagione, venerdì all’inizio della serie.

I Padres hanno esteso la loro serie di vittorie a sei partite con una vittoria per 7-5 sui Mets in 10 inning nella prima notte della serie di tre partite. Ora è la più lunga tra le major – Cincinnati ha perso venerdì a Milwaukee – ed è la seconda striscia più lunga dall’inizio di luglio nella storia del club, dopo un inizio di 10-0 nel 1991.

“Dobbiamo fare una serie di vittorie consecutive”, ha detto Verlander dopo la vittoria di venerdì. “Alcuni giochi sono come ieri, alcuni giochi sono come oggi – alcune cose vanno a modo tuo.

“Sembra che molte cose non stiano andando per il verso giusto, quindi è bello da vedere.”

La tensione ad alto rischio era evidente nella reazione di Ha-Seong Kim al tentativo di allungare una doppia in una tripla con uno eliminato nel settimo inning di una partita 3-3. Infuriato per il suo errore, ha preso a calci un refrigeratore d’acqua nella panchina, ferendosi all’alluce destro e le sue condizioni venivano registrate giorno per giorno. La sua assenza sarà un duro colpo: Kim ha battuto in vantaggio ed è uno dei migliori giocatori di San Diego. Con 4 successi, è al secondo posto nella National League dietro Ronald Acuna Jr. di Atlanta, secondo la formula di Baseball Reference, e guida tutti i principali leghisti in battuta difensiva.

READ  Le azioni di Hong Kong scendono del 3%, l'Asia continua la svendita di Wall Street; La Bank of Japan mantiene i tassi fermi

In molti modi, l’apertura della serie sembrava che le squadre stessero riprendendo da dove si erano interrotte lo scorso ottobre, quando rumore assordante, colori caleidoscopici e tensione serrata erano i tratti distintivi di una memorabile serie di tre partite jolly. I Mets hanno concluso la stagione al Citi Field.

Il futuro di entrambe le squadre sembrava illimitato in quel momento.

Beh, forse non così tanto.

Invece, questi gruppi stellari sono l’immagine speculare l’uno dell’altro, con stipendi oltraggiosi e aspettative esorbitanti. Ma le immagini sono distorte dallo specchio.

Nonostante le loro recenti serie positive, i Mets e i Padres hanno poco da mostrare per oltre mezzo miliardo di buste paga combinate per la stagione 2023. Secondo Spotrac, il libro paga totale dei Mets è stimato in oltre $ 340 milioni, mentre i Padres sono in bilico per oltre $ 240 milioni. Per quei soldi, ogni squadra è entrata nel fine settimana sul 41-46, 6,5 partite dietro i Philadelphia Phillies per il terzo posto jolly della National League.

La disperazione dei Mets per completare la loro stagione è stata espressa dall’interbase Francisco Lindor durante la conquista dell’Arizona. Era così malato che ha dovuto saltare la partita di mercoledì e si è ripreso solo dopo aver ricevuto fluidi per via endovenosa per la disidratazione. È andato 5 su 5 con due triple e un homer mentre i Mets hanno battuto il primo posto Diamondbacks 9-0 giovedì.

Addio, virus; Ciao, speranza?

“Ne faremo qualcosa”, ha promesso Lindor dopo la partita. “Ora la domanda diventa quanto in profondità andremo?”

La stessa frustrazione dei Padres era evidente la sera prima. Si sono ripresi con un parziale di 1-5 su Pittsburgh e Cincinnati, che l’allenatore Bob Melvin ha definito un “brutto viaggio”. Con due vittorie contro gli Angels, hanno avuto la possibilità di completare la prima serie della stagione. Il più vicino All-Star di San Diego, Josh Hader, ha lavorato lunedì e martedì e non ha lanciato per tre giorni consecutivi dal 2021. Dopo aver sfruttato al massimo i suoi anni a Milwaukee, il mese scorso ha rifiutato l’opportunità di fare lo stesso a San Francisco.

Con i Padres in vantaggio per 5-3 nel nono inning di mercoledì, è arrivato Hader.

“Si rende conto di dove siamo come squadra”, ha spiegato Melvin. “Quindi voleva la palla stasera in una situazione di salvataggio”.

READ  Il reclamo federale afferma che le ammissioni alle opzioni legacy di Harvard violano il Civil Rights Act | notizia

Tempi disperati.

“Era la situazione perfetta e sono stato in grado di farlo”, ha detto Hader venerdì. “Si tratta di assicurarsi che tu sia in buona salute. A lungo termine, se non posso consegnare alla squadra in seguito a causa di un infortunio, è inutile.

Sebbene la rotazione dei Padres abbia guidato la NL con 39 successi fino a giovedì, sono entrati nella serie con i Mets che cercavano di estendere la loro modesta serie di successi a quattro vittorie consecutive.

I successi sono stati difficili da mettere insieme a causa della loro media di .219 battute con corridori in posizione di punteggio, la peggiore nelle major che entrano nella partita di venerdì. Una squadra con fannulloni come Manny Machado, Juan Soto, Xander Bogaerts e Fernando Tadis Jr. stava fissando club terribili come Oakland (29°, .229), Kansas City (28°, .233) e Detroit (27°, .236).

La media di battuta di .194 dei Padres in situazioni “in ritardo / più vicine” – definita da Baseball Reference come “una squadra che batte dal settimo inning in una partita di pareggio, in vantaggio di un punto o in grado di pareggiare. Corri sul ponte” – classificata 29a nelle major fino a giovedì.

Non sorprende che, dato quel numero, i Padres fossero 1 su 36 quando erano in svantaggio dopo sette inning. I bambini cardiaci, no.

Ancora alla ricerca di una combinazione che faccia clic, martedì San Diego si è separato dal battitore designato in difficoltà Nelson Cruz e gli ha assegnato un incarico. Anche se uno batte con la mano destra e l’altro con la mano sinistra, non c’è motivo per i veterani di pizzicare lui e Matt Carpenter in panchina.

Non era una mossa prevista da una squadra che è corsa fino alla NL Championship Series prima di perdere contro il Philadelphia lo scorso ottobre. Mostra quanto devono cambiare i Padres se vogliono tornare in lizza.

“Dobbiamo uscire ogni giorno e giocare l’ultimo”, ha detto Bogarts.

I Mets e i Padres sono stati così intriganti quest’estate che il proprietario di ogni squadra ha tenuto un mini discorso sullo Stato dell’Unione entro quattro giorni.

Il 28 giugno al Citi Field, il manager Buck Shoulder e il direttore generale Billy Eppler hanno presentato Steven A. Cohen ha offerto sostegno pubblico. Ha ribadito che ha ancora intenzione di assumere un presidente delle operazioni di baseball. Il segreto peggio custodito del gioco è che David Stearns, l’ex capo allenatore dei Brewers, ricoprirà probabilmente quel ruolo una volta scaduto il suo contratto con Milwaukee.

READ  Marc Benioff di Salesforce si impegna a mettere i profitti al primo posto tra i Facebook attivisti

In un’intervista con il San Diego Union-Tribune il 1 luglio, il proprietario dei Padres Peter Seidler ha detto che il presidente delle operazioni di baseball della squadra, A.J. Ha mostrato supporto a Preller. Come Cohen, Seidler ha detto che ha valore. “Stabilità.” Ha aggiunto: “Sto migliorando. Per me A.J.

Parlando venerdì, Machado, come Seidler, ha optato per una visione ottimista e lungimirante.

“Rende tutto più speciale quando stai lottando”, ha detto Machado. “Guardi indietro, ho passato tutto questo e, oh, guarda come sono successe le cose positive.”

Ora, probabilmente le due squadre più deludenti del gioco avranno la loro ultima possibilità di respingere l’oscurità estendendo i piccoli sprazzi di sole che hanno catturato nei primi giorni di luglio. La scadenza commerciale inizia il 1° agosto e Eppler e Breller dovranno decidere presto se saranno acquirenti o venditori.

Dopo essere andati 7-19 a giugno, i Mets hanno avuto 17 colpi e raccolto 32 basi totali giovedì sera. I Mets hanno giocato una serie nitida e completa contro una buona squadra subdola. Il manager Buck Showalter ha detto che l’Arizona è atletica come chiunque i Mets abbiano affrontato quest’anno.

Durante una serie di sei vittorie consecutive, il lanciatore iniziale dei Mets Carlos Carrasco ha lanciato la sua migliore ERA di 1,80 della stagione giovedì, e Verlander e Max Scherzer stanno correndo insieme nella rotazione dopo deviazioni inclusi infortuni e, per Scherzer, una sospensione di 10 partite per violazione del divieto della lega sull’uso di sostanze estranee nel baseball.

Sebbene Verlander sia stato traballante in alcune parti del suo inizio a San Diego, arrendendosi a due run guadagnati e camminando tre in sei inning, ora ha lavorato sei o più inning in sette dei 12 inizi di questa stagione.

“Ogni giorno è a sé stante e vogliamo costruire su una prestazione solida”, ha detto Alonso, che si è allenato presto in battuta nel suo primo giorno a San Diego in preparazione del Seattle Home Run Derby di lunedì. “Non puoi pensare troppo al futuro. Devi solo concentrarti sulla vittoria oggi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *