Il giudice respinge l'ultimo tentativo di Trump di rinviare il caso del silenzio


New York
CNN

Per la terza volta in tre giorni, un giudice d'appello di New York ha respinto la richiesta dell'ex presidente Donald Trump Per ritardare la sua indagine segreta.

Mercoledì Trump ha chiesto alla corte d'appello di New York un provvedimento d'urgenza per bloccare il processo penale, che dovrebbe iniziare lunedì, in modo da poter appellarsi alla sentenza di un tribunale di grado inferiore sull'immunità presidenziale e sollevare un giudice dal caso.

Pochi minuti dopo aver ascoltato le argomentazioni, il giudice associato Ellen Gesmer ha negato una mozione provvisoria per interrompere il processo.

La mozione del tribunale di mercoledì è l'ultima di una serie di mosse di Trump presso la corte d'appello questa settimana per cercare di fermare il processo prima dell'inizio previsto. Gli ex presidenti possono ancora presentare ricorso contro le mozioni respinte alla Corte Suprema d'Appello dello Stato di New York. Tuttavia, la corte non era tenuta ad accogliere la petizione.

L'avvocato di Trump, Emil Bowe, ha dichiarato all'udienza di mercoledì che Trump stava chiedendo la sospensione a causa di tre questioni che costituiscono la “logica fondamentale e fondamentale” dell'indagine: ricusazione, restrizioni alla presentazione di risoluzioni di sicurezza e immunità presidenziale.

“Si può fare solo una volta, e deve essere fatto bene a causa dell'impatto che avrà su queste elezioni”, ha detto Bowe. “Ci sono domande sul giudice. Ci sono dubbi sulla nostra capacità di presentare mozioni.

L'ufficio del procuratore distrettuale di Manhattan ha esortato la corte a respingere l'ultimo tentativo di ritardare il processo. “C'è un forte interesse pubblico nel garantire che questo processo proceda alla data prevista”, ha detto mercoledì Steven Wu, capo degli appelli dell'ufficio del procuratore distrettuale di Manhattan.

READ  Iona sostituisce Rick Pitino con Tobin Anderson di Fairleigh Dickinson

All'inizio di questa settimana, il team legale di Trump ha chiesto alla corte d'appello di ritardare il processo in modo da poter contestare un'aspra ordinanza che vieta all'ex presidente di rilasciare dichiarazioni su testimoni, familiari del giudice, pubblici ministeri e giurati. Gli avvocati di Trump hanno anche sostenuto che il processo a Manhattan non poteva svolgersi a causa della pubblicità pre-processuale. Entrambe le volte, le richieste di misure di emergenza per ritardare il processo sono state rapidamente respinte.

L'ultima mozione di mercoledì è arrivata in un giorno in cui il calendario pomeridiano della corte d'appello era pieno di argomenti precedentemente programmati che occupavano l'aula del piano principale.

Per accogliere i procedimenti d'urgenza, il seminterrato del tribunale è stato trasformato in un'aula di tribunale temporanea. I tavoli e le sedie furono riorganizzati per fungere da panca per i giudici e due tavoli di fronte per gli avvocati. Si ritiene che sia la prima volta che viene creato un rifugio del genere.

Una stanza con servizi igienici laterali è solitamente il luogo in cui gli avvocati aspettano prima di discutere i loro casi.

Durante l'udienza, Bowe si è opposto alle restrizioni sulla presentazione delle mozioni, sostenendo che gli avvocati di Trump non sarebbero in grado di presentare la mozione in tempo se ci fosse una mozione per impedire la testimonianza di Michael Cohen, che dovrebbe testimoniare il giorno successivo.

“Quelle 72 ore nel mezzo del processo eliminano la possibilità di presentare quella mozione da un giorno all'altro”, ha detto Bowe, aggiungendo che ciò è incompatibile con il diritto costituzionale di Trump di difendersi.

READ  Un tram degli Universal Studios si schianta, ferendo 15 passeggeri

Riguardo all'eccezione del presidente, Bowe ha detto: “Questa è una situazione in cui un giudice ha oltrepassato la sua autorità in una situazione con implicazioni molto gravi”.

Wu ha risposto che Trump non ha seguito la procedura corretta per contestare le sentenze del giudice.

“Anche se un tribunale di prima istanza ha commesso un errore nell'adottare un ordine procedurale, la soluzione è aspettare fino alla sentenza definitiva e affrontare l'appello diretto”, ha detto Wu.

Wu ha anche respinto le affermazioni secondo cui il giudice Juan Mercen dovrebbe ritirarsi dal caso. “Le loro argomentazioni di confutazione sono completamente prive di merito”, ha detto Wu, aggiungendo che il comitato consultivo ha esaminato questo particolare conflitto e ha stabilito che non esisteva alcun conflitto.

Lisa Evans, un avvocato che rappresenta la corte, si è opposta alla mozione di Trump di ricusarsi, affermando: “Non ci sono prove che il giudice Merchan trarrà beneficio dall'esito di questa indagine. Non ci sono prove. ”

In una mozione precedente, Trump aveva chiesto a Merson di rinviare l’udienza fino a quando la Corte Suprema non si pronunciasse sull’immunità presidenziale di Trump in un procedimento penale federale non correlato riguardante la sua presunta ingerenza nelle elezioni del 2020. Questo mese. Merson ha negato la mozione, dicendo che era troppo tardi.

Bowe ha sostenuto mercoledì che la sentenza impedisce a Trump di opporsi alla presentazione di alcune prove durante il processo, come i tweet che ha fatto mentre era presidente.

Wu ha risposto che si trattava di una lettura errata della sentenza del giudice.

In un breve avviso di mozione di due pagine presentato all'inizio della giornata, gli avvocati di Trump hanno affermato che Mercen ha oltrepassato la sua autorità quando ha emesso una sentenza che nega la mozione di Trump di ritardare l'udienza in attesa di una sentenza della Corte Suprema sull'immunità.

READ  Kari Lake ha cercato di convincere i legislatori dell'Arizona a revocare il divieto di aborto

L'avviso afferma inoltre che Trump sta cercando di mettere in discussione la capacità del giudice di supervisionare le indagini. In precedenza, Trump aveva presentato una mozione chiedendo a Merch di ritirarsi dal caso, affermando che il giudice era in conflitto a causa del lavoro di sua figlia presso una società di consulenza politica che lavorava per i democratici. Il giudice deve ancora pronunciarsi sul ricorso.

Il deposito è stato sigillato dopo che la CNN ha esaminato l'avviso di petizione nel registro pubblico.

Questo argomento e questa storia sono stati aggiornati con ulteriori miglioramenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *