Alex Pereira sconfigge Jamahal Mountain tramite TKO a UFC 300 e conserva il titolo dei pesi massimi leggeri

Campionato dei pesi massimi leggeri UFC con Alex Pereira all'UFC 300 con una vittoria per KO tecnico al primo turno su Jamahal Hill per chiudere l'evento principale di Las Vegas.

Ancora una volta Perera ha usato la sua eccellente potenza di colpo e di un pugno per metterne via uno.

Hill calcia sulla linea di cintura. L'arbitro Herb Dean è andato a controllare se fosse stato colpito sotto la cintura, ma ha continuato a sferrare colpi prima di tagliare Hill con un gancio sinistro, atterrandolo e terminando presto il combattimento.

Non mancano elogi ed emozioni per l'ultimo capolavoro di Perera:

La vittoria dà stabilità alla divisione dei pesi massimi leggeri. La classe di peso è stata segnata da turbolenze da quando Jon Jones ha lasciato la divisione per perseguire il titolo dei pesi massimi. Pereira è il secondo combattente a difendere con successo la cintura da quando Ponce l'ha lasciata libera nel 2020.

Da allora, cinque diversi combattenti hanno detenuto la cintura, incluso Hill. Lo sfidante ormai sconfitto ha vinto la cintura con decisione unanime su Glover Teixeira nel gennaio 2023, ma l'ha lasciata libera a causa di un infortunio al tendine d'Achille.

Ciò ha aperto le porte a Pereira per diventare un campione di due divisioni quando è passato dai pesi medi contro Jiri Proszka all'UFC 295.

Il 36enne non vuole sedersi e prendere le cose con calma adesso. Ha gli occhi puntati su UFC 301 a Rio de Janeiro, in Brasile, tra poche settimane, il 4 maggio. Il brasiliano vorrebbe indossare la cintura in patria.

“Posso sicuramente, assolutamente combattere all'UFC 301”, ha detto in un'intervista Tom Taylor Rapporto Bleacher. “Finché non avrò infortuni andrà tutto bene… se lascio questa lotta [with Hill] Salvo infortuni, userò questo training camp per lottare con quella card contro chiunque l'UFC mi metterà di fronte.”

READ  Mercato azionario oggi: aggiornamenti in tempo reale

Si tratta di tempi di risposta piuttosto rapidi, ma se la medicina post-combattimento in qualche modo funziona, ci sono poche opzioni che abbiano senso.

Magomed Angelev questa volta sarebbe stato uno sfidante per il titolo, ma la carta era lì Molto vicino al Ramadan. Non è chiaro se sia pronto per un periodo di breve preavviso.

Se il tempismo non funziona, Jiri Prochaska Può anche essere un'opzione se autorizzato e disponibile dal punto di vista medico. Nella undercard, Proszka ha vinto contro Aleksandar Rakic.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *