Israele risponde all’attacco iraniano senza precedenti mentre l’Occidente esorta Netanyahu a evitare del tutto la guerra



CNN

Il gabinetto di guerra israeliano, composto da tre membri, sta valutando da un giorno all'altro la risposta senza precedenti del paese Raffica di attacchi con droni e missili Dall’Iran, minaccia di trasformare la crisi in Medio Oriente in una guerra regionale incontrollata.

Il Gabinetto di Guerra ha il potere di decidere come rispondere all'attacco, ha avvertito dell'evento uno dei suoi membri, il ministro della Difesa Yves Gallant. “Non ancora finito.”

Gallant ha detto che Israele “ha ripetuto questo attacco in modo senza precedenti” e ha aggiunto: “Dobbiamo essere preparati per ogni situazione”. Nel suo primo intervento, il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu ha detto: “Abbiamo intercettato, abbiamo contenuto. Insieme prevarremo”.

Un funzionario israeliano ha detto domenica alla CNN che Israele avrebbe reagito all'attacco dell'Iran, ma lo scopo dell'attacco non è stato ancora deciso. Il funzionario ha detto che Israele non ha ancora deciso se provare a “rompere tutto il cibo” o fare qualcosa di più.

Ma domenica Israele viene sollecitato dai suoi alleati occidentali a disinnescare la situazione di tensione, ponendo fine a un episodio di incertezza e conflitto durato una settimana dalla guerra di Israele con Hamas che ha ucciso più di 33.000 persone. I palestinesi a Gaza e nell’enclave hanno causato un disastro umanitario.

Da allora ci si aspettava un attacco di ritorsione da parte dell’Iran Sospetto attacco israeliano L’attacco all’ambasciata iraniana in Siria all’inizio di questo mese è finalmente avvenuto sabato sera, quando più di 300 missili – tra cui circa 170 droni e 120 missili balistici – sono stati lanciati sul suolo israeliano. Funzionari israeliani hanno affermato che il “99%” è stato impedito con l'aiuto di alleati tra cui Stati Uniti, Regno Unito e Francia. L'unico ferito segnalato è stato una bambina di 10 anni gravemente ferita da un intercettore israeliano.

READ  Francis Ngannou vs. Risultati in tempo reale di Anthony Joshua: aggiornamenti dettagliati, punti salienti e analisi

Le rappresaglie hanno portato allo scoperto anni di conflitto nascosto tra i paesi e hanno segnato la prima volta che la Repubblica islamica ha lanciato un attacco diretto contro Israele dal suo territorio.

Sebbene Israele e Iran siano rivali da tempo, le tensioni sono aumentate in seguito agli attacchi di Hamas contro Israele, che hanno ucciso circa 1.200 persone. L’Iran sostiene una rete di delegati provenienti dai paesi del Medio Oriente che si sono spesso scontrati con Israele dopo gli attacchi.

Domenica, l’Iran ha affermato che si era aperta una “nuova equazione” nella sua relazione ostile con Israele, e ha messo in guardia da un attacco “molto più grande” al paese se Netanyahu decidesse di lanciare un intervento.

“Abbiamo deciso di creare una nuova equazione, il che significa che se il regime sionista attacca i nostri interessi, proprietà, personalità e cittadini ovunque, noi faremo ritorsioni contro di loro in qualsiasi momento”, ha detto il comandante del Corpo delle Guardie della Rivoluzione Islamica. Lo ha detto Hossein Salami del Corpo delle Guardie (IRGC) alla televisione di stato iraniana. “Regime sionista” è il termine usato dall'Iran per riferirsi a Israele.

In precedenza, Sardar Bagheri, comandante in capo delle forze armate iraniane, aveva dichiarato: “Se il regime sionista risponde, la nostra prossima mossa sarà molto grande”.

Gli attacchi iraniani hanno preso di mira una base aerea israeliana e un attacco al consolato iraniano a Damasco. I missili balistici iraniani che hanno raggiunto Israele hanno colpito una base aerea nel sud di Israele, causando solo lievi danni strutturali, ha detto il portavoce delle Forze di difesa israeliane (IDF) Daniel Hagari.

READ  Cerca Julian Sands in California: ritrovati resti umani

Bagheri ha detto che l'azione militare contro Israele è “finita” dal punto di vista dell'Iran. Ma domenica in un’intervista con la televisione statale IRINN, ha insistito sul fatto che le forze armate iraniane sono in massima allerta e pronte ad “agire se necessario”.

Gli avvertimenti sono arrivati ​​mentre l’Occidente esortava Israele a fare un passo indietro dall’orlo di una guerra aperta con il suo avversario.

Dopo l'attacco, il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha parlato telefonicamente con Netanyahu e ha chiarito che gli Stati Uniti non avrebbero partecipato ad alcuna azione offensiva contro l'Iran, ha detto alla CNN un alto funzionario dell'amministrazione della Casa Bianca.

Biden ha detto a Netanyahu che gli eventi di sabato sera dovrebbero essere considerati una “vittoria” perché gli attacchi dell’Iran sono stati in gran parte infruttuosi. Dimostrato La “straordinaria capacità di Israele di difendersi e sconfiggere attacchi senza precedenti”.

Ministero della Difesa israeliano/Manuale/Anatolia tramite Getty Images

Il ministro della Difesa israeliano Yoav Galant (secondo a destra) partecipa domenica alla riunione del gabinetto di guerra israeliano.

Nel frattempo Biden ha ribadito che l’impegno americano nella difesa di Israele rimane “corazzato” contro le minacce provenienti dall’Iran e dai suoi delegati.

Ci sono state richieste di regolamentazione anche in Medio Oriente. L'Arabia Saudita, il principale rivale regionale dell'Iran, ha sottolineato l'importanza di “prevenire un ulteriore deterioramento” della crisi, mentre il Qatar, che gode di stretti legami economici con l'Iran, ha espresso “profonda preoccupazione”. Gli Emirati Arabi Uniti hanno avvertito di “nuova instabilità” se l'episodio non verrà chiuso.

L’Iran ha incolpato Israele e ha promesso di reagire bombardamento del complesso della sua ambasciata in Siria all’inizio di questo mese.

READ  Il viceministro della Difesa russo Timur Ivanov lo ha accusato di corruzione

Attacco aereo Il ministero degli Esteri iraniano aveva affermato all'epoca che la distruzione dell'edificio dell'ambasciata nella capitale Damasco aveva ucciso almeno sette ufficiali, tra cui il comandante in capo delle Guardie rivoluzionarie d'élite iraniane (IRGC) Mohammad Reza Zahedi e il comandante senior Mohammad Hadi Haji Rahimi.

Zahedi, ex comandante delle forze di terra e dell'aeronautica dell'IRGC e vice comandante delle sue operazioni, è stato l'obiettivo iraniano di più alto profilo ucciso da quando l'allora presidente degli Stati Uniti Donald Trump ordinò l'assassinio del generale dell'IRGC Qasem Soleimani a Baghdad. 2020

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *