“Alto rischio di rischio biologico” in Sudan dopo il sequestro del laboratorio, afferma l’OMS

GINEVRA, 25 aprile (Reuters) – L’Organizzazione Mondiale della Sanità ha dichiarato martedì che c’era un “alto rischio di rischi biologici” nella capitale del Sudan, Khartoum, dopo che le parti in guerra hanno sequestrato un laboratorio che conteneva agenti patogeni di morbillo e colera e altri materiali pericolosi.

Parlando ai giornalisti a Ginevra tramite collegamento video dal Sudan, il rappresentante dell’OMS del paese, Nima Saeed Abid, ha affermato che i tecnici non sono stati in grado di accedere al laboratorio nazionale di sanità pubblica per assicurarsi le forniture.

“Questa è la preoccupazione principale: i tecnici di laboratorio non hanno accesso per entrare nel laboratorio e mettere al sicuro i materiali biologici e le forniture”, ha detto, rifiutandosi di specificare quale parte abbia preso il controllo della struttura.

Secondo gli ultimi dati dell’OMS, il 15 aprile sono scoppiati combattimenti tra le forze armate sudanesi e le forze paramilitari delle Forze di supporto rapido (RSF) che hanno provocato almeno 459 morti e 4.072 feriti. Abid ha detto che si trattava di una sottostima, dicendo di aver visto due corpi per strada nei giorni scorsi.

Gli scontri hanno paralizzato ospedali e altri servizi essenziali, lasciando molti bloccati a casa con scarsità di cibo e acqua. L’OMS ha segnalato 14 attacchi a strutture sanitarie dall’inizio del conflitto e sta spostando il proprio personale in luoghi più sicuri.

Il fumo sale dagli edifici durante gli scontri tra le forze paramilitari e l’esercito a Khartoum Nord, in Sudan. 22 aprile 2023. REUTERS/Mohamed Nureldin Abdallah/file foto

Abid ha detto che parte di un grande convoglio che ha viaggiato per 30 ore attraverso il deserto è stato spostato lunedì da Khartoum a Port Sudan.

L’Ufficio umanitario delle Nazioni Unite (OCHA) è stato costretto a ridurre alcune delle sue operazioni a causa dei pesanti combattimenti in alcune parti del Sudan.

READ  L'aggiornamento annuale di Windows 11 è in arrivo sul tuo PC: 5 nuove funzionalità da provare

Almeno cinque operatori umanitari sono stati uccisi e due membri del personale delle Nazioni Unite hanno perso il lavoro da quando sono scoppiati i combattimenti. Agenzie come l’Organizzazione internazionale per le migrazioni e il Programma alimentare mondiale hanno sospeso le loro operazioni.

“Nelle aree in cui intensi combattimenti stanno ostacolando le nostre operazioni umanitarie, siamo costretti a ridurre la nostra impronta”, ha detto il portavoce dell’OCHA Jens Lark. “Ma ci impegniamo a continuare a fornire risultati per il popolo del Sudan”.

Patrick Youssef, direttore regionale per l’Africa del Comitato internazionale della Croce Rossa (CICR), ha esortato altri paesi a premere per una “soluzione a lungo termine” per il Sudan, anche dopo l’espulsione degli stranieri.

Segnalazione di Gabrielle Tetrault-Farber ed Emma Farge

I nostri standard: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *