Boris Johnson ha mentito sulle feste di blocco, afferma il rapporto “Partigate” del Parlamento

LONDRA – Un’inchiesta dei legislatori britannici ha concluso che Boris Johnson “ha deliberatamente fuorviato” la Camera dei Comuni quando era primo ministro, rispondendo alle domande sulle frequenti feste a base di alcol al 10 di Downing Street durante i gravi blocchi della pandemia. Governo.

Un rapporto pubblicato giovedì dal Comitato dei privilegi del Parlamento, che ha indagato su Johnson per un anno, ha scoperto che l’ex primo ministro ha consapevolmente ingannato il Parlamento non una ma due volte.

I suoi colleghi legislatori hanno accusato Johnson di essere “complice di una campagna di abusi e intimidazioni contro il comitato”.

Johnson si è dimesso dalla Camera dei Comuni “con effetto immediato” dopo aver visto una bozza del rapporto della commissione la scorsa settimana.

Johnson è stato il primo leader britannico nella storia recente a fuorviare deliberatamente i suoi colleghi. Raccontare bugie alla Camera dei Comuni è considerato un reato grave, potenzialmente di fine carriera, che può portare alla sospensione o all’espulsione da Westminster.

La scorsa settimana la commissione era pronta a raccomandare una sospensione di 90 giorni se Johnson non si fosse dimesso dal parlamento, una richiesta significativa che potrebbe portare al suo richiamo da legislatore.

Le dimissioni di Johnson hanno impedito una simile punizione, provocando al contempo un’elezione speciale nel suo collegio elettorale di Uxbridge e South Ruislip.

Boris Johnson si dimette da deputato per “partecipazione”

in una bolla Rapporto di 1.700 parole Giovedì, Johnson ha definito il rapporto “un abominio” e le sue conclusioni “assoluta tribolazione”.

Johnson ha affermato “Non sto mentendo” e si è detto “scioccato e sgomento per essere stato licenziato”.

READ  Raro insetto gigante dell'era giurassica trovato in Arkansas Walmart

“Non sono il solo a pensare che sia in corso una caccia alle streghe per vendicare la Brexit e alla fine ribaltare il risultato del referendum del 2016”, ha scritto.

L’attacco di Johnson è minato dalla maggioranza dei legislatori del suo stesso partito conservatore nel comitato.

Nel suo rapporto, il Comitato dei privilegi ha anche raccomandato di negare a Johnson l’accesso a Westminster, che consente agli ex legislatori un più facile accesso al parlamento dopo aver lasciato l’incarico.

Se un tale divieto fosse imminente, un collega potrebbe firmare Johnson come ospite, ma è un rimprovero significativo e un segno di quanto è caduto, con l’ex primo ministro ed ex leader del Partito conservatore che ora deve evitare un 80 – seggio di maggioranza in parlamento nel 2019.

La premiership di Johnson è stata segnata dal cosiddetto scandalo “Partigate”, una serie di riunioni governative che hanno avuto luogo quando le restrizioni dovute alla pandemia hanno impedito la maggior parte della socializzazione e hanno impedito alle persone di partecipare ai funerali. Johnson è stato multato dalla polizia per aver partecipato a una festa – una festa di compleanno organizzata dalla moglie – l’attuale primo ministro Rishi Sunak.

A quante feste di blocco hanno partecipato Boris Johnson e il suo staff? Ecco una guida.

Ma non sono stati solo i partiti a mettere nei guai Johnson: sono state le sue risposte al Parlamento sul fatto che qualcuno dei partiti avesse avuto luogo e, in tal caso, se sapesse che infrangevano le regole.

La reazione dell’opposizione è stata brusca.

Ed Davey, leader dei liberaldemocratici, ha definito Johnson “un bugiardo e un trasgressore”.

READ  Prigozhin è stato lasciato fuori al freddo

“Ha trattato il pubblico con totale indifferenza”, ha twittato Davey.

Nel suo lungo rapporto, il Privileges Panel ha scritto: “Abbiamo concluso sopra che il signor Johnson ha commesso un grave disprezzo nel fuorviare deliberatamente la Camera. Questo insulto è stato molto grave da parte del Primo Ministro, il membro più anziano del governo.

La commissione ha proseguito: “Non ci sono precedenti in cui si sia scoperto che un Primo Ministro abbia deliberatamente fuorviato la Camera. Ha ingannato la Camera, e lo ha fatto ancora e ancora, su una questione di grande importanza per la Camera e per il pubblico.

Dopo che i partiti a 10 Downing and Chequers, la casa di campagna del primo ministro, sono stati rivelati dalla stampa – c’erano almeno 16 persone e oltre – Johnson ha prima detto al parlamento che “la guida è stata pienamente seguita”.

In seguito ha affermato di ritenere che alcune linee guida possano essere state violate, ma che le riunioni consentite dalle regole fossero eventi di lavoro appropriati.

Giovedì, ha detto che non c’erano “prove” che Johnson avesse consapevolmente mentito, aggiungendo che “la discussione del gruppo potrebbe essere accelerata: ‘Guarda questa foto – è Boris Johnson con gli occhiali in mano. Deve aver saputo che l’evento era illegale “Così ha mentito.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *