Carlos Algarz batte Novak Djokovic nell’epico scontro di Wimbledon

Perde lo spagnolo Carlos Algaraz Novak Djokovic La finale di Wimbledon di domenica prevedeva un singolare di 24 minuti.

Djokovic ha vinto il primo set 6-1, ma Algaraz ha vinto i due successivi. Ma Djokovic ha forzato un quinto set, rompendo Algaraz all’inizio del set e poi perdendo 5-4. Ma Alcazar ha preso la partita successiva, dandogli la vittoria della partita e il trofeo d’oro.

L’Algarz, testa di serie, ha affrontato Djokovic in finale a giugno Ha vinto il 23esimo titolo del Grande SlamStabilisci il record maschile.

Il serbo Djokovic, 36 anni, è diventato il campione maschile più anziano a Wimbledon nell’era Open, con il 20enne spagnolo Algaraz il terzo più giovane. La differenza di età tra i due è stata la più grande in qualsiasi finale di Slam maschile dal 1974.

Carlos Algaras di Spagna festeggia la vittoria del punto campionato durante la finale maschile contro Novak Djokovic di Serbia il quattordicesimo giorno dei campionati Wimbledon 2023 all’All England Lawn Tennis and Croquet Club il 16 luglio 2023 a Londra, Inghilterra.

Julian Finney/Getty Images


Quindi Alcaraz ha i giovani dalla sua parte, e lo ha fatto quando si sono incontrati agli Open di Francia il mese scorso. Algaras è stato insolitamente basso per due set prima di balbettare e svanire. Questa volta ha avuto la resistenza e i colpi per superare Djokovic.

Algaraz è più veloce e ha più potenza – arriva a 130 mph, con dritti che superano i 100 mph – ma Djokovic ha molta abilità e più memoria muscolare. È stato lì, l’ha fatto, e Alcaraz, per ora, può solo sognare.

Se questa vittoria in una giornata ventosa e nuvolosa sul campo centrale, dove Djokovic è stato battuto l’ultima volta nella finale del 2013, è indicativa, Algarez sta iniziando a farsi valere.

Tuttavia, questo è relativamente nuovo per lui: la 35esima finale del Grande Slam di Djokovic è la seconda di Algarez.

Tuttavia, è stato Alcaraz a vincere un mini-capolavoro da 32 punti e 25 minuti in rotta verso il terzo set. È stato Alcazares a salire in vantaggio nel quinto per salire di 2-1 con un vincitore di passaggio di rovescio. Djokovic è caduto durante il punto, ma si è subito rialzato, colpendo con la racchetta il palo della rete e permettendo l’impatto. Ha distrutto la sua attrezzatura e ha ricevuto una violazione del codice dal presidente dell’arbitro Fergus Murphy.

Avrebbero giocato altri 24 minuti, portando il totale a più di 4 ore e mezza, ma Algaraz non si è mai arreso e ha ceduto. Ed è stato Algarz, non Djokovic, rannicchiato sull’erba con il volto coperto dopo il punto finale, a portare a casa il trofeo d’oro.

“Che qualità alla fine della partita”, ha detto Djokovic ad Algaraz al termine del match. “Te lo meriti, assolutamente.”

Alcaraz brandisce una mazza di un avambraccio, che scatena in un modo che fa credere allo spettatore che investa ogni grammo di forza, anzi ogni fibra del suo essere, in ogni swing. Sapore di frode, e il suo “Uhhhhhh!” La domenica ha echeggiato nell’arena – il respiro del lavoro – insieme ai sussulti del pubblico affascinato.

Ovviamente, questo non vuol dire che gli attributi di Alcaraz finiscano in quel grande avambraccio. È molto più di questo, mostrando un gioco a tutto campo il più vario possibile, motivo per cui è proiettato verso la celebrità. Fa tutto bene, compresi i drop shot ben camuffati, che lo hanno aiutato a riprendersi nel secondo e terzo set.

Djokovic, ovviamente, ha trascorso più settimane al numero 1 di qualsiasi uomo o donna nella storia di mezzo secolo di classifiche computerizzate, e ha accumulato 23 di quelle vittorie del Grande Slam, una in più di Rafael Nadal e tre in più di Roger. Federer è l’unico giocatore ad aver vinto otto titoli a Wimbledon.

Spesso la domenica, Djokovic si affrettava, si allungava e quasi scivolava nelle fessure, restituendo gli evidenti tiri a punto di Algarez in modi che nessun altro poteva fare.

Tuttavia, le cose hanno iniziato a cambiare nel secondo set sul 4 pari. Djokovic è scivolato su una toppa indossata dietro la linea di fondo sotto il palco reale, lanciando la sua racchetta mentre cadeva. Nella transizione successiva, Djokovic ha arricciato una gamba sull’altra. Prima di tornare in campo per giocare, ha inserito il tallone sinistro in rete per un ulteriore allungamento. Ben presto, le sue gambe non forniscono la stessa copertura di una volta e la potenza del suo diritto diminuisce.

Andranno al tie-break, il dominio di Djokovic: ha vinto tutti e sei i set finali che ha giocato a Wimbledon prima della finale, e 15 di fila nel Grande Slam, risalenti agli Australian Open.

Questa volta, Djokovic ha mantenuto un set point mentre era in vantaggio per 6-5 nel tie-break, provocando i primi cori della giornata del suo soprannome di due sillabe da parte dei suoi sostenitori: “No-le! No-le!” Ma ha segnato un rovescio per fare 6 pari, e quando i giocatori hanno cambiato lato, i canti di “Car-los! Car-los!” Coro Concorso. è emerso.

Un altro rovescio di Djokovic ha portato Algarez a un punto dal set. Si è convertito colpendo un vincitore di passaggio di rovescio a 118 mph, quindi ha preso la posa del suo follow-through. Mentre quelli sugli spalti si alzavano per ruggire, Algarez si girò con la mano destra all’orecchio, assorbendo il momento.

Due serie per due ore.

Un set per ciascuno.

Questa era una partita.

Ora questo sta iniziando ad attaccarsi.

La quinta partita del terzo set potrebbe essere valsa l’alto prezzo del biglietto. Nessun uomo vuole piegarsi. Nessuno dei due voleva rinunciare a nulla. Era un gioco, sì, ma sembrava molto più significativo di così.

Quando Djokovic ha colpito un dritto per dare ad Algarez una pausa – la sua quinta nella partita, i sei precedenti avversari di Djokovic si sono combinati per più di tre in 103 partite di servizio nelle ultime due settimane – e un vantaggio di 4-1 nel set. , lo spagnolo gettò indietro la testa e gridò: “Vamos!”

Djokovic si è diretto negli spogliatoi con una borsa bianca dell’attrezzatura appesa alla spalla destra. Ha usato questo tipo di pause per riprendersi e cambiare lo slancio e, naturalmente, ha spinto questo fantastico incontro fino al quinto set.

Uno dei tanti motivi per apprezzare le possibilità di Djokovic in quel momento: è andato domenica con un record di 10-1 in cinque set a Wimbledon e 35-9 in tutte le major.

Tuttavia, quelle rivalità sono nel passato.

Algaras è il futuro.

“Ho imparato così in fretta”, ha detto Algaraz, che ha abbracciato il re di Spagna Felipe VI dalle sei, “e sono davvero orgoglioso”.

READ  Tina Turner morta: ultime notizie e tributi dopo la morte della leggendaria cantante a 83 anni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *