Esplosione italiana: continuano le ricerche dopo l'esplosione mortale in una centrale elettrica

fonte dell'immagine, Vigili del fuoco

didascalia dell'immagine,

La centrale idroelettrica sul Lago di Suviana si vede in un video condiviso dai Vigili del Fuoco

Un'esplosione in una centrale idroelettrica nel nord Italia ha provocato quattro morti e diversi altri dispersi.

Un'esplosione sottomarina è avvenuta nello stabilimento del Lago di Suviana, a 70 km (43 mi) dalla città di Bologna.

L'area interessata si trova a 30 metri (100 piedi) sotto la superficie del lago.

Il sindaco di Camugnano, paese vicino, ha detto all'agenzia Anza che l'incendio sarebbe scoppiato durante dei lavori di manutenzione.

Marco Masinara ha detto che i soccorritori hanno avuto difficoltà ad accedere e che l'incidente è stato “grave”.

Tre dei quattro morti nell'incidente avevano 35 e 73 anni.

Il presidente del Bologna, Attilio Visconti, si trovava otto piani sotto la superficie quando una turbina esplose provocando l'incendio che allagò il piano sottostante.

Un sub coinvolto nell'operazione di ricerca e salvataggio ha detto al quotidiano italiano La Repubblica di essere riusciti a raggiungere il settimo piano sotto la superficie, ma di non essere riusciti a raggiungere le tre persone intrappolate più in basso.

Si sa che diverse persone hanno subito gravi ustioni in seguito all'esplosione intorno alle 15:00 (13:00 GMT). Sono stati trasportati in aereo negli ospedali vicini.

I media italiani riferiscono che due uomini sono stati ricoverati in terapia intensiva.

Il sindaco di Bologna Matteo Lebor, che ha visitato la scena martedì sera, ha detto che le condizioni per le squadre di ricerca a decine di metri sotto terra erano “davvero complicate”. Ha detto che è stata una delle peggiori tragedie sindacali della storia recente dell'Italia.

Il procuratore capo della città, Giuseppe Amato, ha detto ai media italiani che un'indagine sarebbe iniziata una volta che l'impianto fosse stato messo in sicurezza e fossero state ritrovate le persone scomparse.

“Non ci fermeremo finché non li troveremo”, ha detto Luca Cari, in rappresentanza dei vigili del fuoco.

Ancora da accertare le cause dell'incidente, ma quanto accaduto ha alimentato le preoccupazioni espresse dai sindacati sulla sicurezza sul lavoro in Italia.

Giovedì i due maggiori sindacati del paese avevano già indetto uno sciopero nazionale di quattro ore per protestare contro la questione.

Il capo regionale dei vigili del fuoco Francesco Notaro ha detto che vigili del fuoco e polizia “stanno tutti cercando di proteggere la struttura”.

Il Lago di Suviana è un lago artificiale situato nella catena montuosa dell'Appennino bolognese. Il lago è stato creato in seguito alla costruzione di una diga nel 1932.

Il primo ministro italiano Giorgia Meloni X in precedenza su Twitter ha ringraziato i servizi di soccorso e si è detta “preoccupata” dopo la notizia dell'esplosione.

La centrale è di proprietà della società energetica italiana Enel Green Power.

Non c'erano segni di danni alla diga, ma la centrale elettrica aveva interrotto la produzione, ha detto la società.

READ  Aggiornamenti sulla guerra tra Russia e Ucraina: missili lanciati contro Kiev durante la visita dei leader africani

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *