I critici affermano che la nuova legge di Hong Kong è “l’ultimo chiodo nella bara”

fonte dell'immagine, Belle foto

didascalia dell'immagine,

Martedì il parlamento pro-Pechino di Hong Kong ha approvato la legge all’unanimità dopo una maratona di sessione.

I leader occidentali, le Nazioni Unite e i gruppi per i diritti umani si sono uniti al coro delle critiche alla nuova legge sulla sicurezza di Hong Kong, affermando che erode ulteriormente le libertà.

L'articolo 23, come è noto a livello locale, è stato approvato all'unanimità dal parlamento filo-Pechino della città, prendendo di mira una serie di crimini considerati tradimento.

I funzionari sostengono che la legge è necessaria per la stabilità, ma gli oppositori la definiscono un “chiodo nella bara della città”.

La Cina spinge da tempo per la legge, sostenendo che le “diffamazioni” dei critici fallirebbero.

La nuova legge consente interrogatori a porte chiuse, dà alla polizia il diritto di detenere i sospettati senza accusa fino a 16 giorni e prevede sanzioni tra cui l’ergastolo, tra le altre cose.

“La nuova legge sulla sicurezza nazionale raddoppierà la repressione della libertà a Hong Kong con sanzioni più severe e una definizione più ampia di sicurezza nazionale”, ha affermato Francis Hui, un attivista ora negli Stati Uniti. Il chiodo finale nella bara chiusa”.

È stato rilasciato un panel di 81 legislatori e personaggi pubblici di tutto il mondo, tra cui Regno Unito, Stati Uniti, Canada e Corea del Sud. Una dichiarazione congiunta Martedì ha anche espresso “serie preoccupazioni” per una legge sulla sicurezza nazionale imposta da Pechino nel 2020 che criminalizzerebbe la secessione, il sabotaggio, il terrorismo e la collaborazione con forze straniere.

“Questa legge mina il diritto al giusto processo e al giusto processo e viola gli obblighi di Hong Kong ai sensi del diritto internazionale sui diritti umani, influenzando il ruolo di Hong Kong come città internazionale aperta”, si legge nel rapporto, definendolo un altro “colpo disastroso” alla libertà.

Gli Stati Uniti si sono detti “allarmati” dalle disposizioni “eccessive e… vagamente definite” della legge, una preoccupazione condivisa anche dall'UE, che ha affermato che la legge potrebbe influenzare lo status del centro degli affari della città.

I commenti di Lord Cameron hanno suscitato una forte risposta da parte dell'ambasciata cinese nel Regno Unito, che ha liquidato i suoi commenti come una “grossolana distorsione dei fatti”.

Il governo cinese ha risposto alle critiche all’articolo 23 affermando di “non impegnarsi a salvaguardare la sovranità nazionale, la sicurezza e gli interessi di sviluppo, ad attuare la politica di “un paese, due sistemi” e a resistere alle interferenze straniere negli affari di Hong Kong”.

“Tutti gli attacchi e le calunnie non avranno mai successo e falliranno”, ha detto il portavoce del ministero degli Esteri Lin Jian in una conferenza stampa regolare a Pechino.

fonte dell'immagine, Belle foto

didascalia dell'immagine,

Oltre 260 persone sono state arrestate dopo le massicce proteste contro la legge sulla sicurezza nazionale del 2020

Anche il presidente di Hong Kong John Lee aveva precedentemente sostenuto la legge – che è stata accelerata nella sua fase finale martedì – affermando che aiuterebbe la città a “prevenire, reprimere e punire efficacemente attività di spionaggio, cospirazioni e intrappolamento da parte di organizzazioni di intelligence straniere”. Infiltrazione e sabotaggio da parte di forze ostili”.

“D'ora in poi la popolazione di Hong Kong non soffrirà più questi danni e queste tragedie”, ha aggiunto.

Ma coloro che hanno guidato le proteste a favore della democrazia contro la crescente influenza della Cina nella città vedono la nuova legge come un’altra battaglia persa.

Avvicina Hong Kong “un passo più vicino alla Cina continentale”, ha detto Nathan Law, un ex parlamentare di Hong Kong ora in esilio nel Regno Unito, al programma Newsday della BBC.

“L'effetto agghiacciante… e il collasso della società civile colpiscono la maggior parte degli abitanti di Hong Kong.”

La signora Hui ha affermato di essere anche preoccupata che la legge possa essere utilizzata per prendere di mira gli abitanti di Hong Kong all'estero o le loro famiglie e i loro amici. La città in precedenza aveva offerto ricompense per informazioni sugli attivisti fuggiti all’estero e ne aveva arrestati quattro a Hong Kong per aver sostenuto all’estero “mettendo in pericolo la sicurezza nazionale”.

La signora Hui è fuggita da Hong Kong nel 2020 dopo che Pechino ha imposto la NSL, e da allora più di 260 persone sono state arrestate. È stato introdotto in risposta alle massicce proteste a favore della democrazia che hanno travolto la città nel 2019.

Ha detto che le libertà civili erano “andate da tempo” a Hong Kong quattro anni dopo l’entrata in vigore della NSL.

Chris Patton, l'ultimo governatore britannico di Hong Kong, ha descritto la legge come “un altro grande chiodo sulla bara dei diritti umani e dello stato di diritto a Hong Kong e un'ulteriore vergognosa violazione della Dichiarazione congiunta”.

Hong Kong è stata ceduta alla Cina dal Regno Unito nel 1997 in base al principio “un paese, due sistemi”, che garantiva alla città un certo grado di autonomia. Sia Pechino che Hong Kong insistono che sia ancora così, con critici e gruppi internazionali per i diritti che affermano che la presa della Cina sulla città si è rafforzata nel tempo.

READ  Jeff Schell, CEO di NBCUniversal, si è dimesso dopo le indagini

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *