I documenti apparentemente trapelati dal Pentagono rivelano le smentite degli alleati degli Stati Uniti Notizie americane

Una grande quantità di documenti del Pentagono che circolano sui canali dei social media sta diventando fonte di preoccupazione per le agenzie di intelligence statunitensi poiché numerosi alleati sono stati costretti a negare le fughe di notizie previste.

Una mezza dozzina di foto di documenti riservati stampati per lo più relativi allo stato di guerra in Ucraina all’inizio di marzo hanno iniziato a essere condivisi sui canali Telegram russi a metà della scorsa settimana. Sistema di intelligence open source Bellingad afferma di aver fatto il giro delle principali schede di gioco diverse settimane fa.

Venerdì, più di 100 documenti del Pentagono sono stati condivisi su Twitter, rivelando informazioni riservate ottenute dalle agenzie di intelligence statunitensi non solo sulla Russia e la sua guerra di aggressione contro Kiev, ma anche su Israele e i suoi alleati. Corea del Sud.

Sebbene alcune delle immagini della prima fuga di notizie siano risultate grezze, l’autenticità dell’ultimo lotto non è stata immediatamente messa in dubbio. Il New York Times ha descritto la fuga di notizie come “un incubo per cinque occhi” – un’alleanza di intelligence che comprende Australia, Canada, Nuova Zelanda, Regno Unito e Stati Uniti.

Domenica scorsa, l’ufficio del primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu ha rilasciato una dichiarazione in cui nega fermamente un’affermazione contenuta in uno dei documenti trapelati: secondo cui il servizio di intelligence israeliano ha incoraggiato i suoi dipendenti e cittadini israeliani a partecipare alla marcia. Proteste contro il governo in tutto il Paese.

“Il Mossad e il personale senior al suo servizio non sono coinvolti nella questione delle manifestazioni e sono impegnati nel valore del servizio al governo che ha guidato il Mossad sin dalla sua fondazione”, afferma la dichiarazione.

READ  I mercati europei aprono per chiudere dopo che Wall Street continua a perdere

Il documento trapelato, nome in codice Secret, affermava a febbraio che alti funzionari del Mossad “sostenevano che i funzionari del Mossad e i cittadini israeliani si opponessero alle riforme giudiziarie proposte dal nuovo governo israeliano, compresi diversi appelli aperti per denunciare il governo israeliano”.

Sebbene la missione del Mossad non sia definita dalla legge, l’agenzia di spionaggio non mira a entrare in questioni politiche interne.

Nel frattempo, i funzionari del governo della Corea del Sud hanno dichiarato domenica che un altro documento trapelato afferma che l’intelligence statunitense aveva spiato i suoi alleati a Seoul e pianificato di “tenere le necessarie consultazioni con la parte statunitense” sulle questioni sollevate dalla fuga di notizie.

Almeno due dei documenti del Pentagono trapelati, basati almeno in parte su comunicazioni di intelligence straniere intercettate, descrivono in dettaglio la preoccupazione della Corea del Sud per la pressione degli Stati Uniti per aiutare l’Ucraina nei suoi sforzi di difesa contro la Russia, con l’ex ministro degli Esteri Yi Mun-hui che esprime preoccupazione per l’artiglieria. Le bombe richieste da Washington per uso proprio finiranno nelle mani di Kiev.

La politica ufficiale di lunga data della Corea del Sud è di non fornire armi pericolose ai paesi belligeranti. Un funzionario presidenziale sudcoreano, parlando con i giornalisti, ha rifiutato di rispondere a ulteriori domande sullo spionaggio statunitense o di confermare qualsiasi dettaglio dai documenti trapelati.

Sebbene imbarazzanti per il Pentagono, i documenti trapelati dipingono anche un ritratto lusinghiero della capacità americana di penetrare nella pianificazione militare russa, compresi i piani interni del famigerato gruppo di mercenari Wagner.

Evita la pubblicità nelle newsletter del passato

I documenti trapelati mostrano le ambizioni del mercenario di operare negli stati africani e ad Haiti, e i piani per ottenere segretamente armi dalla Turchia, membro della NATO.

All’inizio di febbraio, il personale di Wagner “ha incontrato i contatti turchi per acquistare armi e attrezzature dalla Turchia”, afferma uno dei rapporti, suggerendo che il Mali potrebbe agire come acquirente per procura. È noto che Wagner ha organizzato un’operazione significativa nello stato dell’Africa occidentale e uno dei documenti trapelati afferma che il gruppo mercenario ha 1.645 combattenti nel paese.

Sabato sera, il ministero della Difesa francese ha negato che ci fossero soldati francesi in Ucraina, presumibilmente in uno dei documenti trapelati che sono circolati sui social media a metà della scorsa settimana.

“Non ci sono forze francesi che operano in Ucraina”, ha detto un portavoce del ministro delle forze armate Sébastien Lecornu. “I documenti citati non provengono dall’esercito francese. Non commentiamo documenti la cui provenienza è incerta.

Il primo lotto di documenti del Pentagono trapelati conteneva grafici e dettagli delle armi previste, della forza del battaglione e delle perdite sul campo di battaglia.
Una diapositiva suggeriva che un piccolo gruppo di meno di 100 membri del personale delle operazioni speciali dei membri della NATO Francia, Stati Uniti, Gran Bretagna e Lettonia fosse attivo in Ucraina.

Alcuni dei documenti circolati sono stati alterati digitalmente per sottovalutare le stime statunitensi sulle truppe russe uccise e sui veicoli e aerei da combattimento russi distrutti. Kiev ha affermato che i file trapelati contenevano “informazioni fittizie”.

Il Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti ha affermato di aver aperto un’indagine sulle apparenti fughe di notizie, ma ha rifiutato di commentare ulteriormente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *