L'avvocato Keith Davidson ha testimoniato a nome di Stormy Daniels e Karen McDougal all'udienza di Trump.

Avvocati dell'ex presidente Indagine penale su Donald Trump a New York Mentre i casi continuavano martedì, hanno chiamato il loro quinto testimone: Keith Davidson, un avvocato in cerca di accordi per conto di Daniels e la modella Karen McDougall per le loro storie del 2016 su presunti incontri sessuali con Trump.

L'ex editore del National Enquirer David Becker ha testimoniato che McDougal è stato pagato $ 150.000 da Davidson nell'agosto 2016, ma non ha mai ricevuto un rimborso da Trump. Quando Davidson si è rivolto all'Enquirer raccontando la storia di Daniels in ottobre, Becker ha detto di averla indirizzata all'allora avvocato di Trump, Michael Cohen. Becker ha detto di aver detto a Cohen che non avrebbe pagato per acquistare i diritti di un'altra storia su Trump, ma ha consigliato a Cohen di farlo da solo.

Cohen ha pagato a Daniels $ 130.000 tramite bonifico bancario. I pubblici ministeri affermano che Trump e Cohen hanno “cospirato” in un piano per nascondere i rimborsi di Trump a Cohen, con l'intenzione di nascondere il motivo per cui Trump stava pagando Cohen. Trump si è dichiarato non colpevole di 34 reati di falsificazione di documenti aziendali e ha negato tutte le accuse, compresi gli incontri sessuali extraconiugali.

Davidson ha preso posizione dopo la testimonianza dell'ex banchiere di Cohen, Gary Farrow, che ha parlato ai giurati degli sforzi “urgenti” di Cohen. È stato seguito da altri due testimoni che hanno interrogato altre prove.

Testimonianza di Keith Davidson

Interrogato dal pubblico ministero Joshua Steinglass, che osservava dal tavolo della difesa di Trump, Davidson ha descritto una serie di conversazioni avute nel 2016 con Dylan Howard, direttore del National Enquirer. Ha aggiunto che si trattava di “conoscenti e amici professionali”. Parla più volte alla settimana.

L'ex presidente Donald Trump appare in tribunale durante la sua citazione in tribunale presso il tribunale penale di Manhattan il 30 aprile 2024 a New York City.

Eduardo Muñoz/Getty Images


Davidson ha detto che rappresentava McDougal a partire da giugno 2016 in relazione al suo “rapporto personale con Donald Trump”. I pubblici ministeri hanno prodotto testi ed e-mail prodotti da Davidson in seguito a un mandato di comparizione.

Subito dopo aver accettato di rappresentare McDougal, Davidson ha mandato un messaggio a Howard dicendogli che aveva una storia “di successo” su Trump. Howard ha risposto che “ottiene più di chiunque altro. Sai perché…”

“Non so se all'epoca avevo un'idea chiara, ma so che David Becker, all'epoca il capo di Dylan, e il signor Trump erano amici di lunga data e avevano un rapporto d'affari”, ha detto Davidson. “E l'AMI ha annunciato pubblicamente il proprio appoggio alla candidatura di Trump.”

Ha detto che ha incontrato presto Howard e che è stato in contatto nelle settimane successive. Ha testimoniato di aver parlato alla ABC della storia di McDougall e che stava “cercando di mettere le due società l'una contro l'altra”.

I pubblici ministeri hanno mostrato un messaggio di Davidson nel luglio 2016: “Non dimenticare Cohen. Il tempo è essenziale. La donna è messa alle strette dalla mafia degli estrogeni”. Ha detto che il testo era “deplorevole” e “non è una frase che ho usato o che ho inventato”.

I messaggi di testo di Dylan Howard vengono mostrati sullo schermo martedì 30 aprile 2024, mentre l'avvocato Keith Davidson testimonia nel processo penale dell'ex presidente Donald Trump a New York.

Jane Rosenberg


Altri testi mostrano Davidson che negozia tramite Howard e ottiene il contratto dall'AMI. Ha detto che pensava che lo sbocco fosse una buona soluzione perché la società non avrebbe avuto bisogno che McDougall raccontasse la sua storia.

Davidson ha osservato che un accordo con l’AMI andrebbe a beneficio di Trump per lo stesso motivo: la pace di McDougall.

“Organizza un ambasciatore per me. Sto pensando all'Isola di Man”, ha mandato un messaggio a Howard.

Alla domanda di un avvocato di spiegare cosa significasse quella dichiarazione, Davidson ha risposto: “In qualche modo, se Karen stipula questo accordo con l'AMI, ciò aiuterà la candidatura di Donald Trump”.

Non sapeva che l'AMI avesse un accordo con Trump, ma sapeva che era a sostegno della sua candidatura.

“Voglio che ciò accada”, in seguito Howard scrisse a Davidson.

Alla fine McDougal ricevette 150.000 dollari in cambio dei diritti sulla sua storia, che l'Enquirer non rivelò.

L'ordine di oltraggio di Trump

Il giudice Juan Merson ha iniziato la giornata fornendo buone e cattive notizie per Trump. Ha accolto la richiesta di Trump di aggiornare l'udienza in tribunale del 17 maggio in modo che potesse partecipare al diploma di scuola superiore di suo figlio.

Ma dopo più di una settimana il giudice ha emesso la sentenza che gli avvocati avevano richiesto. Lo ha trovato il concessionario Trump in oltraggio alla causa giudiziaria per aver violato un ordine di riservatezza che limita ciò che può dire sulle persone coinvolte nel caso.

Merson ha affermato che Trump ha violato l’ordine nove volte nelle ultime settimane sulla sua piattaforma social per la verità e sul sito web della sua campagna. Ha multato Trump di 9.000 dollari e ha ordinato la rimozione dei post. Nella sua sentenza scritta ha osservato che la legge di New York non consente multe superiori a 1.000 dollari per violazione.

Merson ha concluso la sentenza con un avvertimento a Trump: “L'imputato è avvertito che la corte non tollererà la continua violazione intenzionale delle sue norme statutarie e che, se necessario e in circostanze appropriate, imporrà una pena detentiva”.

Dopo la sentenza di oltraggio, Farrow ha preso nuovamente posizione.

Il 26 e il 27 ottobre 2016, Cohen ha aperto un nuovo conto bancario e lo ha finanziato con $ 131.000 dalla sua linea di credito personale di equità domestica, mentre accompagnava l'avvocato attraverso una serie di e-mail e telefonate.

Il giorno successivo, Cohen ha autorizzato il trasferimento di $ 130.000 su un conto associato all'avvocato di Daniels, Davidson. Cohen ha descritto il conto e la transazione come legati ad una consulenza immobiliare, ha testimoniato Farrow, ribadendo che la richiesta era “urgente”.

Farrow ha detto che la transazione sarebbe stata ritardata se Cohen avesse menzionato un trasferimento che coinvolgeva un candidato politico o una star del cinema per adulti. Ha detto che qualsiasi transazione che coinvolge un candidato politico sarebbe stata sottoposta a un “controllo supplementare” per garantire che fosse legale.

Ma ha offerto una spiegazione diversa sul motivo per cui la banca avrebbe indagato sul pagamento a Daniels. Ha detto che la banca è cauta nel facilitare l’industria cinematografica per adulti.

“Per una cosa del genere, avremmo potuto considerarlo un rischio per la reputazione”, ha detto Farrow.

READ  Buckingham Palace rilascia nuove informazioni su Re Carlo in seguito alla diagnosi di cancro

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *