L’Ucraina afferma di aver violato le difese russe nel sud-est

Le forze ucraine hanno intensificato la loro controffensiva durante il fine settimana, affermando di aver violato le difese russe e liberato almeno tre villaggi nel sud-est del paese.

L’esercito ucraino ha detto domenica di aver liberato tre villaggi – Blahodatne, Neskuchne e Makarivka – nel sud della regione di Donetsk – segnando la breccia di almeno uno strato di fortificazioni russe. Soldati ucraini Hanno pubblicato un video Hanno issato la bandiera nazionale del paese su un edificio a Blahodatne e hanno tenuto i colori del loro reggimento a Neskuchne.

Il vice ministro della Difesa ucraino Hanna Maliar ha dichiarato domenica scorsa che anche un terzo villaggio nel sud, Makarivka, è stato liberato “mentre le nostre truppe continuano le loro operazioni offensive”.

Kiev è stata a lungo riluttante ad ammettere che è iniziata una controffensiva. Ma sabato, il presidente ucraino Volodymyr Zelensky ha dichiarato che “la controffensiva e le relative operazioni difensive sono in corso”.

“È importante che la Russia si renda pienamente conto… che non gli resta molto tempo”, ha detto Zelensky durante una conferenza stampa con il primo ministro canadese Justin Trudeau.

Il leader ucraino ha affermato che l’obiettivo è liberare circa il 18% del territorio occupato nelle regioni sud-orientali, ma non saranno resi pubblici ulteriori dettagli sull’offensiva.

Stai visualizzando un’istantanea del grafico interattivo. Ciò è molto probabilmente dovuto al fatto che sei offline o che JavaScript è disabilitato nel tuo browser.

Mosca non ha commentato immediatamente le affermazioni.

Sabato, il ministero della Difesa russo ha affermato che l’Ucraina non ha ancora sfondato le sue linee di difesa e ha distrutto alcune delle armi avanzate di fabbricazione occidentale di Kiev, tra cui carri armati Panther di fabbricazione tedesca, veicoli da combattimento della fanteria americana e un obice francese.

READ  Guarda dal vivo: il presidente della Colombia testimonia al processo per antisemitismo

Il ministero di Mosca ha pubblicato negli ultimi giorni diversi video che pretendono di mostrare attacchi riusciti di elicotteri e droni contro veicoli blindati ucraini.

Kiev non ha ammesso alcuna perdita.

Un fermo immagine da un video della presunta distruzione di veicoli blindati delle forze armate ucraine
Il ministero della Difesa russo ha affermato di aver distrutto alcune delle armi avanzate di fabbricazione occidentale di Kiev, compresi i carri armati Panther di fabbricazione tedesca © Ministero della difesa russo/Manuale/Reuters

Il portavoce del ministero della Difesa russo che ha fatto le affermazioni, Igor Konashenkov, è noto per aver fatto affermazioni esagerate, tra cui più catture della stessa città, ed è stato oggetto di rare critiche pubbliche da parte degli estremisti russi a favore della guerra.

Domenica scorsa, la televisione di stato ha mostrato filmati del ministro della Difesa russo Sergei Shoigu che assegna la più alta onorificenza militare del paese, la medaglia della stella d’oro dell’Eroe della Russia, a due soldati accusati di aver distrutto diversi carri armati ucraini e veicoli da combattimento di fanteria. Il ministero non ha detto dove gli uomini hanno combattuto o quali unità corazzate hanno distrutto.

Il presidente russo Vladimir Putin ha dichiarato venerdì che la controffensiva ucraina era in corso da cinque giorni e ha ammesso raramente che il suo paese non disponeva di armi moderne sufficienti, pur affermando che i suoi militari avevano finora resistito agli attacchi.

Ma il ministero della Difesa sta ancora lottando per portare alcune delle forze della Russia sotto il suo controllo, con una spaccatura di lunga data tra Shoigu e il gruppo paramilitare Wagner che si approfondisce domenica.

Dopo che Shoigu firmò un decreto che richiedeva a tutti i battaglioni di volontari e alle forze irregolari della Russia di firmare contratti militari, il fondatore di Wagner, Yevgeny Prigozhin, disse che il gruppo avrebbe resistito a qualsiasi tentativo di subordinarlo al Ministero della Difesa.

READ  Al Pacino afferma che il suo cortometraggio per la presentazione dell'Oscar come miglior film è stato "scelto dai produttori"

Prigozhin ha detto che Wagner risponderà a Putin solo perché Shoigu “non può gestire correttamente le unità militari”. Ma ha nominato un altro generale, il vice capo di stato maggiore Sergei Churovikhin, come qualcuno con cui avrebbe potuto lavorare.

Dopo che il mese scorso Wagner e l’esercito si sono scontrati per la cattura della città simbolicamente importante di Baghmut, una delle rare vittorie sul campo di battaglia della Russia è stata segnata da una rara lotta interna generale. Un ex comandante di un’unità dell’esercito nella regione ha detto questa settimana che i combattenti di Wagner lo hanno torturato, lo hanno costretto a registrare una confessione video e hanno rubato diverse unità corazzate alle forze russe.

Gli attacchi ucraini si sono intensificati dalla rottura della diga di Khakovka di martedì, che ha provocato inondazioni catastrofiche nelle aree controllate da ucraini e russi lungo il fiume Dnipro nella regione meridionale di Kherson. L’inondazione ha accorciato la linea del fronte impedendo alle forze ucraine di condurre lì operazioni offensive.

Il ministro della Difesa russo Sergei Shoigu, secondo a sinistra, ispeziona attrezzature e produzione di armi

Il ministro della Difesa russo Sergei Shoigu, secondo da sinistra © Servizio stampa del ministero della Difesa russo/AP

Il vice ministro della Difesa ucraino Maliar ha dichiarato domenica che la Russia sta già ridistribuendo le sue “unità più capaci di combattere” dalla regione di Kherson ad altre aree di prima linea.

Kiev ha accusato i gruppi di sabotaggio russi di aver minato la diga, un’accusa che Mosca nega.

Finora circa 3.000 persone sono state evacuate dalle città controllate dagli ucraini, hanno detto i funzionari, mentre l’acqua ha iniziato a ritirarsi domenica. La distruzione è stata peggiore sulla sponda orientale occupata dai russi, dove l’evacuazione è iniziata in ritardo e senza risorse sufficienti.

Il ministro dell’Interno ucraino Ihor Klymenko ha dichiarato domenica che le inondazioni hanno ucciso almeno cinque persone nel territorio controllato dall’Ucraina e almeno 14 nelle aree occupate dai russi della regione di Kherson. Altre 35 persone, tra cui sette bambini, sono scomparse, ha detto Klymenko.

Domenica le forze russe hanno sparato su una barca di salvataggio che evacuava persone dai territori occupati dai russi, uccidendo tre civili e ferendo 10 persone, tra cui due agenti delle forze dell’ordine, ha detto il governatore della regione ucraina di Kherson, Oleksandr Prokhudin.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *