L'UE prende di mira Alphabet, Apple e Meta in indagini ad ampio raggio

Lunedì Alphabet, Apple e Meta sono state tutte indagate dalle autorità di regolamentazione dell'UE per possibili violazioni della nuova legge sulla concorrenza della regione.

Le indagini sono le prime annunciate dalle autorità di regolamentazione da quando il Digital Markets Act è entrato in vigore il 7 marzo, e segnalano l'intenzione del gruppo di rafforzare l'applicazione di massicce regole sulla concorrenza. La legge impone ad Alphabet, Apple, Meta e altri giganti della tecnologia di aprire le loro piattaforme in modo che i concorrenti più piccoli possano ottenere un maggiore accesso ai propri utenti, il che potrebbe influenzare gli app store, i servizi di messaggistica, la ricerca sul web, i social media e lo shopping online.

Le indagini di Bruxelles si aggiungono al controllo normativo che devono affrontare le più grandi aziende tecnologiche e mostrano un crescente allineamento tra Stati Uniti ed Europa sulla necessità di reprimere le aziende per comportamenti anticoncorrenziali.

La scorsa settimana a Washington, il Dipartimento di Giustizia ha citato in giudizio Apple, sostenendo che avrebbe violato le leggi antitrust con pratiche intese a impedire ai clienti di restare fedeli ai propri iPhone e a ridurre il passaggio a un dispositivo concorrente. Amazon, Google e Meta affrontano cause legali antitrust federali

Gli investigatori dell'UE hanno affermato di voler esaminare se la società madre di Google, Apple e Alphabet, favoriscano ingiustamente i propri app store per scacciare i rivali. Google è anche oggetto di indagine su come visualizza i risultati di ricerca in Europa, mentre Meta sarà interrogato sul suo nuovo servizio di abbonamento senza pubblicità e sul suo utilizzo dei dati per vendere annunci.

La Commissione Europea, il braccio esecutivo dell’Unione Europea, può imporre sanzioni fino al 10% del fatturato globale delle aziende, che può ammontare a centinaia di miliardi di dollari ogni anno. La commissione ha 12 mesi per completare le indagini.

READ  31 morti e 7 feriti nell'esplosione di un ristorante barbecue in Cina

Le aziende avevano già annunciato diverse modifiche ai loro prodotti, servizi e pratiche commerciali per cercare di conformarsi alla legge sui mercati digitali. Ma nell’annunciare le indagini lunedì, i regolatori hanno affermato che i loro cambiamenti non sono andati abbastanza lontano.

“Alcune misure di conformità non riescono a raggiungere i loro obiettivi e sono al di sotto delle aspettative”, ha affermato Margrethe Vestager, vicepresidente esecutiva della Commissione europea, che ha annunciato le indagini in una conferenza stampa a Bruxelles. Il rispetto della legge, ha detto, è “qualcosa che prendiamo molto sul serio”.

Le indagini annunciate lunedì intensificano una campagna durata anni da parte delle autorità di regolamentazione europee per allentare la presa delle più grandi aziende tecnologiche sull’economia digitale. Questo mese, signora Vestager dichiarato Multa da 1,85 miliardi di euro (2 miliardi di dollari) contro Apple per pratiche commerciali sleali legate all'App Store. Anche Amazon, Google e Meta sono oggetto di indagini Ue.

In un’intervista del mese scorso, la Vestager ha affermato che gli Stati Uniti e l’Unione Europea sono ora più allineati sulla necessità di regolamentare il settore tecnologico rispetto a qualche anno fa, quando furono accusati di prendere di mira ingiustamente le aziende americane. Ha detto che i regolatori europei sono stati in contatto con le controparti di Washington per “condividere note”.

“Non credo che la collaborazione fosse così buona da molto tempo”, ha detto.

Il Digital Markets Act, approvato per la prima volta nel 2022, ha lo scopo di conferire ai regolatori europei più potere per costringere le aziende tecnologiche a modificare le loro pratiche commerciali senza il processo di avvio di tradizionali cause antitrust, che possono richiedere anni per essere risolte. Un aspetto fondamentale della legge è che le aziende non possono privilegiare i propri servizi rispetto a prodotti simili offerti dai concorrenti.

READ  Le azioni di Hong Kong scendono del 3%, l'Asia continua la svendita di Wall Street; La Bank of Japan mantiene i tassi fermi

Nell’ambito dell’indagine, Alphabet, Apple e Meta devono ora divulgare maggiori informazioni alle autorità di regolamentazione sulle loro pratiche commerciali. Le aziende hanno affermato di aver apportato modifiche per conformarsi alle nuove regole.

Tra i cambiamenti, Apple ha annunciato a gennaio che gli sviluppatori avranno nuovi modi per raggiungere i clienti nell’Unione Europea, inclusa la possibilità di consentire per la prima volta app store esterni su iPhone e iPad. Google ha anche apportato modifiche ai suoi prodotti, incluso il modo in cui visualizza i risultati di ricerca per voli, hotel e servizi di shopping.

Meta ha creato un nuovo servizio in abbonamento che consente agli utenti dell'UE di pagare 13 euro al mese se desiderano utilizzare Facebook e Instagram senza pubblicità. La politica prevede che gli utenti paghino una tariffa o accettino che i propri dati personali vengano utilizzati per il targeting degli annunci, hanno affermato le autorità di regolamentazione.

“La Commissione teme che la scelta binaria imposta dal modello 'paga o acconsenti' di Meta non fornisca una reale alternativa se gli utenti non acconsentono”, ha affermato la Commissione in una nota.

Un portavoce di Meta ha affermato che “continuerà a impegnarsi in modo costruttivo con la Commissione”. Apple ha affermato di “aver mostrato flessibilità e reattività nei confronti della Commissione Europea e degli sviluppatori, ascoltando e integrando le loro opinioni”. Oliver Bethel, direttore della concorrenza di Google, ha affermato che la società “continuerà a difendere il nostro approccio nei prossimi mesi”.

Molti nel settore tecnologico si chiedono con quanta aggressività i regolatori dell’UE applicheranno la nuova legge sulla concorrenza. A Bruxelles, le aziende tecnologiche stanno partecipando a seminari su come verranno implementate le regole. Allo stesso tempo, molti sviluppatori di app, concorrenti e gruppi di consumatori si sono lamentati con le autorità di regolamentazione che i cambiamenti apportati finora dalle aziende sono stati inadeguati.

READ  Ordine di evacuazione revocato, residenti autorizzati a tornare a casa dopo il deragliamento del treno a Raymond

“L'avvio odierno delle indagini su Meta, Google e Apple è un chiaro segno che la Commissione è seriamente intenzionata a far rispettare la legge sui mercati digitali”, ha affermato Monique Coens, direttore generale dell'Organizzazione europea dei consumatori a Bruxelles. Industria tecnologica.

Lunedì, le autorità di regolamentazione hanno dichiarato che stavano raccogliendo informazioni sulla conformità dei mercati digitali di Amazon alla legge. Le autorità di regolamentazione hanno affermato che la società potrebbe promuovere i propri prodotti a marchio nel suo negozio online, in violazione della legge.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *