SAG-AFTRA accetta l’arbitrato federale nei colloqui contrattuali in corso – The Hollywood Reporter

SAG-AFTRA ha accettato di coinvolgere un’agenzia di mediazione federale nei negoziati in corso con studi e streamer, ma rifiuta di estendere tali negoziati oltre il 12 luglio.

Martedì sera, in una dichiarazione dalle parole forti, il sindacato ha affermato: “Non saremo distratti dal negoziare in buona fede per garantire un contratto equo e giusto entro la scadenza del nostro contratto”. Ha aggiunto: “Siamo impegnati nel processo di negoziazione e continueremo a esplorare ogni possibile opportunità per raggiungere un accordo, anche se non crediamo che i datori di lavoro abbiano alcuna intenzione di negoziare verso un accordo”.

L’annuncio arriva poche ore dopo la notizia che l’Alleanza dei produttori cinematografici e televisivi (AMPTP) ha richiesto i servizi del Servizio federale di mediazione e conciliazione, un’agenzia federale che aiuta a risolvere le controversie di lavoro. La richiesta è arrivata dopo che diversi alti dirigenti, tra cui il co-CEO di Netflix Ted Sarandos, il presidente di Warner Bros.-Discovery David Zaslau, i co-presidenti di Disney Entertainment Dana Walton e Alan Bergman, hanno lanciato lunedì l’idea di un intervento federale nelle chiamate. L’Hollywood Reporter Fiducioso. La decisione sembrava essere un tentativo dell’ultimo minuto di salvare e/o estendere i negoziati.

Ma nella sua dichiarazione di lunedì, SAG-AFTRA ha gettato acqua fredda su quella che ha descritto come una fuga intenzionale. fare Varietà All’inizio della giornata, “gli amministratori delegati e le loro ‘fonti anonime’ hanno affermato che era prima che i nostri negoziatori venissero informati della richiesta di leadership”. Il sindacato ha aggiunto: “AMPTP ha abusato della nostra fiducia e nel processo ha danneggiato il rispetto che abbiamo per loro. Quando le aziende avranno abbastanza tempo per negoziare un accordo equo, non saremo manipolati da questo cinico stratagemma.

READ  Finali NBA: i Denver Nuggets vincono il primo campionato in Gara 5 contro i Miami Heat

Il sindacato ha in mano un voto di autorizzazione allo sciopero per indire uno sciopero a partire da giovedì mentre l’orologio segna l’attuale data di scadenza dei contratti TV/teatro mercoledì alle 23:59. Il sindacato ha ribadito questo fatto nella sua dichiarazione di martedì: “Il tempo sta per scadere”, ha detto SAG-AFTRA.

Le due parti hanno lanciato un nuovo contratto triennale che copre circa 160.000 iscritti al sindacato dal 7 giugno, ed entrambe hanno concordato una proroga il 30 giugno per portare avanti i colloqui. All’inizio dei colloqui, il presidente del sindacato Fran Tresher e il direttore esecutivo nazionale e capo negoziatore Duncan Crabtree-Ireland hanno parlato con toni ottimisti delle discussioni, definendole “molto produttive”. La proroga concordata era “per risolvere ogni possibilità di raggiungere il giusto accordo che tutti chiediamo e meritiamo”.

La dichiarazione di martedì segna un netto cambiamento di tono da parte del sindacato riguardo allo stato del suo rapporto con studi e streamer. L’annuncio è in linea con i preparativi significativi che il sindacato ha fatto nei giorni scorsi per un possibile sciopero. Lunedì, i massimi leader SAG-AFTRA si sono incontrati con le principali società di pubbliche relazioni e centinaia di agenti per discutere di come si sarebbe svolto un potenziale sciopero e quali sarebbero state le regole per i membri. Un agente della delegazione di lunedì ha fatto eco al tono dei leader SAG-AFTRA, chiedendo un possibile sciopero: “Non stanno parlando con sentenze condizionali”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *