Sale il bilancio delle vittime delle inondazioni in Ucraina a seguito del cedimento di una diga

18 giugno (Reuters) – È salito a 16 il bilancio delle vittime delle inondazioni in Ucraina a seguito della distruzione della diga di Khakovka, hanno detto funzionari a Kiev, mentre funzionari russi hanno affermato che 29 persone sono morte nei territori controllati da Mosca.

La diga di Khakovka ha fatto breccia il 6 giugno nell’Ucraina meridionale e nelle parti dell’Ucraina occupate dai russi, distruggendo i terreni agricoli e interrompendo i rifornimenti ai civili.

Più di 3.600 persone sono state evacuate dalle aree allagate nelle regioni di Kherson e Mykolaiv, 31 persone risultano ancora disperse e circa 1.300 case sono state allagate, ha dichiarato sabato scorso il ministero dell’Interno ucraino sul suo canale Telegram.

Andriy Alekseenko, capo dell’amministrazione installata dalla Russia nelle aree occupate da Mosca della regione di Kherson, ha dichiarato sull’app di messaggistica Telegram che il bilancio delle vittime è salito a 29.

L’Ucraina accusa la Russia di aver fatto saltare in aria una diga di epoca sovietica che era sotto il controllo russo sin dai primi giorni dell’invasione del 2022.

Un gruppo di esperti legali internazionali che assistono i pubblici ministeri ucraini nelle loro indagini ha affermato venerdì nei risultati preliminari che il crollo nella regione ucraina di Kherson è stato “molto probabilmente” causato da munizioni sepolte dai russi.

Il Cremlino accusa Kiev di aver sabotato una diga idroelettrica che conteneva un bacino idrico delle dimensioni del Grande Lago Salato degli Stati Uniti per tagliare una fonte d’acqua chiave per la Crimea e distogliere l’attenzione da una controffensiva “sbalorditiva” contro le forze russe.

Segnalazione di Lydia Kelly a Melbourne; Modifica Lincoln Festa.

READ  Novak Djokovic conquista il suo decimo titolo di singolare maschile agli Australian Open

I nostri standard: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *