SpaceX rivela nuovi dettagli sul terzo volo di prova della Starship

SpaceX ha rilasciato alcune nuove informazioni riguardanti il ​​terzo volo di prova del suo enorme razzo Starship.

Il volo, decollato da Starbase, Texas, alle 8:25 di ieri mattina, ha utilizzato precedenti voli di prova per compiere nuove missioni.

Tutti i 33 motori Raptor si accesero in sequenza sfalsata e, una volta acceso, il razzo più grande del mondo decollò per la terza volta.

Tutti i 33 motori Raptor accesi (Credito: SpaceX)

Mentre la Starship saliva nei cieli del Texas meridionale, 33 motori continuarono nominalmente a funzionare fino alla divisione della fase calda, in cui la Starship accese i suoi 3 motori Raptor a livello del mare e 3 a vuoto e spense 30 motori Super Pesanti.

Per la prima volta, il primo stadio superpesante, Booster 10, ha eseguito con successo un backburn di spinta e ha mirato all'ammaraggio a est della piattaforma di lancio nel Golfo del Messico. Secondo i dati mostrati nel webcast, il booster ha raggiunto una velocità di 5750 km/he un'altitudine di 106 km.

Una spinta superpesante provoca una reazione negativa quando un'astronave scende fuori portata (Credito: SpaceX)

A differenza del Falcon 9, il Super Heavy è così grande che non necessita di inizializzazione, anche se uno degli ultimi dati disponibili sul webcast mostrava il booster che tentava di lanciarsi a 1 km di altitudine. Solo 3 motori si accendono e 2 si spengono immediatamente.

SpaceX ha confermato che il Booster 10 ha subito una rapida estrazione non pianificata a soli 462 metri sopra la superficie dell'acqua, e ciò che restava del booster potrebbe aver colpito l'acqua quasi alla velocità del suono.

Mentre il Booster 10 incontrava il suo destino nel Golfo del Messico, la Nave 28 continuava ad accendere tutti e 6 i suoi motori Raptor, completando la sua prima combustione a tempo pieno e inserendosi nella sua sub-orbita corretta.

READ  Nuggets 2-0 contro Lakers: l'aggiustamento chiave di Denver fa scattare l'impennata di Jamaal Murray in Gara 2

Astronave dopo la chiusura del Raptor (Credito: SpaceX)

La nave 28 iniziò la sua fase a terra e iniziò una serie di prove. La porta del vano di carico, o porta PES, progettata per espellere eventualmente i satelliti Starlink a grandezza naturale, era stata originariamente ordinata per aprirsi dopo 12 minuti di volo. SpaceX non ha ancora confermato se la porta sia stata in grado di aprirsi/chiudersi completamente. Alle 30:18 dell'inizio della crociera, la porta sembra essersi spostata nella stiva di carico e non otteniamo alcuna visione dal vivo dell'interno della nave.

La missione successiva era quella di riaccendere il motore Raptor per la prima volta nello spazio, ma a causa della velocità di rollio del veicolo, SpaceX ha deciso di posticipare l'operazione fino a un volo futuro.

La nave 28 iniziò quindi l'ingresso nell'atmosfera, ma sembrò perdere un po' di controllo a causa della rotazione e alla fine iniziò a generare plasma. Solo metà dello scudo termico era esposto, il resto era di nudo acciaio inossidabile, subendo il peso maggiore delle forze di rientro.

La navicella spaziale 28 inizia il rientro atmosferico (Credito: SpaceX)

Grazie ai terminali Starlink a bordo, SpaceX è stata in grado di fornire incredibili riprese dal vivo da una telecamera situata in uno dei flap dell'astronave. All'inizio il plasma era un debole bagliore rosa, che cresceva rapidamente fino a coprire il veicolo mantenendo una buona connessione dati che non era mai stata possibile prima.

Nel complesso, SpaceX ha fatto molti passi da gigante in questa terza missione di prova e cerca di concludere il tutto nella quarta missione di prova, incluso un ammaraggio regolare del booster superpesante e un rientro riuscito nell'atmosfera dell'astronave.

READ  Le orche hanno interrotto una regata nautica vicino alla Spagna nell'ultima dimostrazione di comportamento pericoloso e caotico

Quando pensi che avrà luogo il quarto volo di prova e risolveranno i problemi riscontrati durante il volo 3?

Domande o commenti? Inviami un'e-mail a rangle@teslarati.com o twittami @RDanglePhoto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *