Siete quì: Eventi, Mostre Roma > Caravaggio, una mostra impossibile in alta definizione

Caravaggio, una mostra impossibile in alta definizione

63 riproduzioni dei dipinti del Caravaggio
in altissima definizione, retroilluminate e rigorosamente in formato 1:1

apertura al pubblico: 25 febbraio – 25 marzo 2010
direzione scientifica di Claudio Strinati
un progetto di Renato Parascandolo

INAUGURAZIONE
mercoledì 24 febbraio alle ore 18.30
Mercati di Traiano Museo dei Fori Imperiali
via IV Novembre 94, Roma

Info
martedì – domenica 9.00-19.00 (la biglietteria chiude un’ora prima)
intero € 6,50; ridotto € 4,50

www.mostreimpossibili.rai.it; www.caravaggio.rai.it

La mostra è realizzata dalla Rai in collaborazione con Comune di Roma, Assessorato alle Politiche Culturali e della Comunicazione – Sovraintendenza ai Beni Culturali e con il contributo de Il Gioco del Lotto – Lottomatica.

Roma, febbraio 2010

Una mostra dedicata a un grande artista può presentare tutte le sue opere, oppure una selezione. Se l’artista è Michelangelo Merisi, detto il Caravaggio, siamo di fronte a una produzione copiosa, e ormai dispersa in Italia e ai quattro angoli del mondo: Firenze, Messina, Milano, Napoli, Roma, Siracusa, Città del Vaticano, Malta, Vienna, Parigi, Berlino, Potsdam, Londra, Dublino, San Pietroburgo, Madrid, Hartford, New York, ecc.

L’esposizione, in uno stesso luogo, di tutta l’opera di Caravaggio, nessuna esclusa, un sogno a lungo coltivato da studiosi e appassionati, è dunque una “mostra impossibile”.

Per questo, d’intesa con gli organizzatori della mostra “Caravaggio” allestita presso le Scuderie del Quirinale, la Rai Radiotelevisione Italiana, in collaborazione con il Comune di Roma, Assessorato alla Politiche Culturali e della Comunicazione – Sovraintendenza ai Beni Culturali, realizza all’interno dei Mercati di Traiano Museo dei Fori Imperiali una “mostra impossibile”, che comprende le riproduzioni a grandezza naturale, retroilluminate e ad altissima definizione di 63 dipinti, cioè l’intera opera del Caravaggio.

L’idea delle “mostre impossibili” nasce dalla considerazione che, nell’epoca della riproducibilità digitale dell’opera d’arte, la riproduzione dev’essere tutelata e valorizzata quanto l’originale: una diffusione di massa delle opere d’arte, garantita dalle riproduzioni, risponde a un’istanza di democrazia culturale formulata da Walter Benjamin e André Malraux.

L’esposizione ai Mercati di Traiano Museo dei Fori Imperiali è completata dall’allestimento di diverse installazioni audiovisive, di notevole impatto didattico.

È possibile assistere alla proiezione su grandi schermi di film e documentari dedicati alla vita e all’opera di Michelangelo Merisi.

È possibile vedere lo sceneggiato in sei puntate prodotto di recente dalla Rai e la registrazione dello spettacolo teatrale che Dario Fo ha messo in scena appositamente per questa “mostra impossibile”.

Si può inoltre ascoltare, in una sala opportunamente allestita, la musica “dipinta” dal Caravaggio in tre celebri opere (La fuga in Egitto, L’amore vincitore e il Suonatore di liuto).

Un’audioguida della mostra accompagna il visitatore nell’affascinante percorso all’interno dei Mercati di Traiano Museo dei Fori Imperiali, con la voce di autorevoli storici dell’arte come Ferdinando Bologna, Dominique Fernandez e Claudio Strinati.

Numerosi pannelli illustrativi delle opere e delle vicissitudini dell’artista, con testi tratti dalle cronache del tempo, aiutano il visitatore a contestualizzare l’opera del pittore.

Completa la “mostra impossibile”, che è organizzata con la collaborazione di Lottomatica, un gioco interattivo, “Caravaggio in dettaglio”, realizzato con l’apporto de Il Gioco del Lotto – Lottomatica, consistente nell’attribuire correttamente 15 piccoli dettagli ai rispettivi dipinti: una gara di abilità per i visitatori, che aiuta a conoscere in profondità l’opera del Caravaggio.

Segnalato da Ufficio Stampa Zètema

Comments

comments