Il fondo ha chiesto bancarotta dopo il fallimento del lancio della Virgin Orbit di Franzen

WASHINGTON, 4 aprile (Reuters) – Virgin Orbit Holdings Inc (VORB.O), fondata dal miliardario Richard Branson, martedì ha presentato istanza di protezione dal fallimento ai sensi del Capitolo 11 dopo che l’attività di lancio di satelliti ha faticato a garantire finanziamenti a lungo termine dopo un lancio fallito a gennaio . .

Il deposito arriva due anni dopo che Virgin Orbit è diventata pubblica per una valutazione di circa $ 3 miliardi. Ma il crollo di gennaio ha costretto l’azienda a cercare nuovi finanziamenti e a sospendere le operazioni.

“Riteniamo che il processo del Capitolo 11 rappresenti il ​​percorso migliore per identificare e finalizzare una vendita efficiente e che massimizzi il valore”, ha dichiarato Dan Hart, amministratore delegato di Virgin Orbit.

La società, scorporata dalla società di turismo spaziale Virgin Galactic (SPCE.N) nel 2017, invia satelliti in orbita utilizzando razzi lanciati da velivoli Boeing (BA.N) 747 modificati.

La società con sede a Long Beach, in California, ha presentato istanza di vendita dei suoi beni in un tribunale del Delaware pochi giorni dopo aver annunciato che avrebbe licenziato circa l’85% dei suoi 750 dipendenti.

Virgin Orbit ha elencato asset per circa 243 milioni di dollari e un debito totale di 153,5 milioni di dollari al 30 settembre. La società è diventata pubblica con una fusione con assegno in bianco nel dicembre 2021, raccogliendo 255 milioni di dollari in meno del previsto.

La società è stata valutata a $ 65 milioni alla chiusura delle negoziazioni di lunedì. Martedì, le sue azioni sono scese del 30% a soli 13,5 centesimi ciascuna.

La sesta missione della compagnia a gennaio utilizzando il suo razzo principale LauncherOne, il primo razzo lanciato dalla Gran Bretagna, non è riuscita a raggiungere l’orbita, facendo precipitare nell’oceano i satelliti di ricerca commerciali e legati alla difesa.

READ  La decisione dei proprietari della NFL di flettere "Thursday Night Football" avrà un impatto negativo sui fan

Un incidente che ha coinvolto lo spazioporto inglese della Cornovaglia ha costretto l’azienda a interrompere le operazioni e a mettere su cauzione tutti i suoi dipendenti a marzo.

Tony Kingis, chief operating officer di Virgin Orbit, si è scusato in una e-mail al personale, dicendo che la leadership dell’azienda avrebbe dovuto avere più tempo per gestire l’azienda.

“Ci scusiamo per non aver agito prima e per evitare di sorprenderti”, ha scritto. “Mi dispiace di non essere riuscito a convincere il nostro presidente e il consiglio di amministrazione a prendere una strada diversa per darci più tempo per capire le cose”.

Il modello di business Virgin Orbit è impostato per lanciare piccoli razzi e fornire lanci con breve preavviso da qualsiasi luogo, anche per scopi militari tattici, per far fronte a un’esigenza evidenziata dal conflitto in Ucraina.

Ma negli ultimi due anni, la domanda di veicoli di lancio più grandi e lanci spaziali di carico utile condiviso più convenienti sul razzo Falcon 9 di SpaceX hanno alzato la posta in gioco competitiva.

Gli investimenti in capitale di rischio nelle startup spaziali dovrebbero diminuire del 50% su base annua a 21,9 miliardi di dollari nel 2022, poiché la spesa in conto capitale aumenta insieme agli aumenti dei tassi di interesse globali.

“La volatilità dei mercati dei capitali e il contesto di alti tassi di interesse hanno reso difficile ottenere nuovo capitale”, ha dichiarato Hart in una dichiarazione in tribunale. Ha detto che la società “stava subendo una forte pressione sui prezzi da parte di concorrenti ben capitalizzati nel mercato dell’editoria commerciale”.

READ  La nuova mappa di Marte ti consente di "vedere l'intero pianeta in una volta"

I due produttori di satelliti che hanno perso carichi utili ad alta tecnologia nei lanci falliti di gennaio, la britannica Space Forge e la polacca SatRev, che possiede il 4% di Virgin Orbit, hanno affermato di avere piani di riserva per lanci sostitutivi, se necessario.

Finanza del gruppo Virgin

Il Virgin Group di Branson, che possiede circa il 75% della casa editrice, ha dichiarato di aver investito più di 1 miliardo di dollari nell’unità da novembre, inclusi 60 milioni di dollari in prestiti garantiti.

Il fondo sovrano di Abu Dhabi Mubadala è il secondo maggiore investitore con una quota del 17,9%.

Virgin Investments, un’unità di Virgin Group, pagherà 31,6 milioni di dollari per Virgin Orbit mentre cerca un acquirente, hanno detto le società. Secondo un deposito normativo, la società sta trattenendo circa 100 dipendenti per consentirle di riprendere le operazioni se viene trovato un soccorritore.

Nonostante il successo delle sue attività di viaggio e telecomunicazioni, Branson è stato associato a diversi fallimenti aziendali di alto profilo durante la sua carriera negli anni ’70.

Reuters ha riferito il mese scorso che Matthew Brown, con sede in Texas, era in trattative per investire 200 milioni di dollari in Virgin Orbit. Quei colloqui sono falliti, hanno detto fonti a Reuters la scorsa settimana.

Il più grande creditore di Virgin Orbit è Arkit Ltd., con sede a Londra, che le deve quasi 10 milioni di dollari in servizi e depositi dei clienti.

Arkith ha rifiutato di commentare.

La US Space Force, parte delle forze armate statunitensi, era il secondo creditore di Virgin Orbit, depositando quasi 6,8 milioni di dollari per lanci futuri. Non ci sono stati commenti immediati.

READ  Elon Musk vale 20 miliardi di dollari su Twitter

Reportage di Joey Rowlett a Washington, Jahnavi Nidumolu a Bangalore, Kevin Krolicki a Singapore, Crystal Hu a New York, Joanna Plusinska a Londra e Tim Heber a Parigi Montaggio di Jonathan Otis e Matthew Lewis.

I nostri standard: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *