Le principali scuole americane lottano per espandere le proteste a Gaza

  • James Fitzgerald e Bernd Debusman Jr
  • notizie della BBC

Titolo del video, GUARDA: Decine di manifestanti di Gaza arrestati all'Università di Yale

Le proteste contro la guerra a Gaza si sono diffuse dalla Columbia e Yale ad altre università mentre i funzionari lottano per contenere il crescente movimento di resistenza.

Decine di studenti sono stati arrestati lunedì a Yale, mentre la Columbia ha cancellato le lezioni in presenza per paura dell’antisemitismo nel campus.

Simili “campi” di protesta sono sorti in altri campus, tra cui Berkeley, in California.

I funzionari scolastici sono sotto crescente pressione per calmare le tensioni nei campus.

Da quando Hamas ha lanciato un attacco contro Israele il 7 ottobre, manifestazioni e accesi dibattiti sulla guerra Israele-Gaza e sulla libertà di parola hanno scosso i principali campus universitari statunitensi.

Gli studenti di entrambe le parti segnalano un aumento degli episodi di bigottismo e islamofobia.

Il movimento anti-campus è stato recentemente portato sotto i riflettori globali la scorsa settimana dopo che la polizia di New York è stata chiamata nel campus della Columbia University a New York, dove ha arrestato dozzine di manifestanti.

Da allora, le tensioni nei campus di molte istituzioni americane sono aumentate.

Lunedì, quasi 50 manifestanti sono stati arrestati all'Università Yale di New Haven, nel Connecticut, dove le manifestazioni sono arrivate a diverse centinaia durante il fine settimana.

L'università ha detto che i detenuti hanno ignorato “numerose richieste” di andarsene.

Molti partecipanti alla protesta hanno chiesto a Yale di ridurre i suoi investimenti nei produttori di armi militari.

Campi di protesta sono stati istituiti anche in altre università in tutto il paese, tra cui l’Università della California a Berkeley, l’Università del Michigan, il Massachusetts Institute of Technology, l’Emerson College e il Tufts.

Alla New York University, a circa 12 chilometri a sud della Columbia, i manifestanti hanno piantato le tende di fronte alla Stern School of Business.

Come è successo in altre università, i manifestanti della New York University hanno chiesto alla scuola di rivelare “fondi e sovvenzioni da parte di produttori di armi e organizzazioni interessate all'occupazione israeliana”.

Tuttavia, le proteste nei campus sono state segnate da accuse di antisemitismo.

In un esempio, i video pubblicati online mostrano alcuni manifestanti vicino alla Colombia che esprimono sostegno a un attacco di Hamas contro Israele.

I membri dei gruppi di protesta hanno negato l'antisemitismo, sostenendo che le loro critiche sono riservate allo Stato israeliano e ai suoi sostenitori.

didascalia dell'immagine, Gli studenti filo-palestinesi continuano ad accamparsi nel campus della Columbia University per protestare contro i legami dell'università con Israele.

Tuttavia, lunedì, la Colombia ha annunciato che tutte le lezioni si sarebbero svolte virtualmente, con il presidente colombiano Minuch Shafiq che ha citato episodi di “comportamento intimidatorio e molesto” in una dichiarazione.

Agli studenti che non vivono nel campus è stato consigliato di stare lontani.

Secondo quanto riferito, un rabbino affiliato all'università ha inviato un messaggio a 300 studenti ebrei della Columbia, avvertendoli di evitare il campus finché la situazione “non migliorerà drasticamente”.

Nella sua dichiarazione, il dottor Shafiq ha affermato che le tensioni nel campus sono state “sfruttate da individui non affiliati alla Columbia che sono venuti al campus per perseguire i propri programmi”.

È stata formata una task force “per cercare di portare questa crisi a una soluzione”, ha aggiunto.

L'università e il dottor Shabig – che si è recato a Capitol Hill la scorsa settimana per testimoniare davanti a una commissione del Congresso sugli sforzi dell'università per confrontarsi con l'università – sono sollecitati a risolvere la situazione.

Un gruppo di legislatori federali, guidati dalla deputata Elise Stefanik, repubblicana di New York, ha firmato lunedì una lettera in cui Stefanik afferma che “non riesce a porre fine alle folle di studenti e agitatori che chiedono azioni. Terrorismo contro gli studenti ebrei”.

Le proteste a New York hanno attirato l'attenzione anche dei rappresentanti democratici Jared Moskowitz, Josh Gotheimer, Dan Goldman e Kathy Manning, che hanno visitato il campus.

Il deputato Gottheimer ha affermato che la Columbia “pagherà il prezzo” se non riuscirà a garantire che gli studenti ebrei si sentano benvenuti e al sicuro all'università.

Nel frattempo, la repubblicana della Carolina del Nord Virginia Fox, presidente della House Education Committee, ha scritto in una lettera pubblicata online da Virginia Fox che “il continuo fallimento della Columbia nel ripristinare l'ordine e la sicurezza” è una violazione dei doveri che richiede l'assistenza federale e “deve essere immediata”. ” corretto”.

Le proteste hanno anche spinto Robert Kraft, proprietario della squadra New England Patriot NFL e alunno della Columbia, ad avvertire che avrebbe interrotto il sostegno all'università “fino a quando non saranno intraprese azioni appropriate”.

Tuttavia, alcuni membri della facoltà dell'università hanno incolpato la Columbia per aver gestito la protesta e aver chiamato la polizia.

In una dichiarazione inviata alla BBC lunedì sera, il Knight First Amendment Institute della Columbia ha chiesto una “urgente correzione di rotta”.

Ha citato le regole universitarie per sostenere che i funzionari esterni dovrebbero essere coinvolti solo quando esiste un “pericolo chiaro e presente per le persone, le proprietà o il funzionamento sostanziale di qualsiasi unità dell'università”.

“Anche se non autorizzati, non sappiamo come l'accampamento e le proteste abbiano causato un tale pericolo”, si legge nella nota.

Interrogato sulle proteste nei campus di lunedì, il presidente Joe Biden ha affermato di condannare “atti antisemiti” e “persone che non capiscono cosa sta succedendo ai palestinesi”.

Oltre alle proteste nelle università, ci sono state diffuse manifestazioni anche negli Stati Uniti per gli avvenimenti di Gaza.

I manifestanti filo-palestinesi hanno recentemente bloccato le principali strade del paese, bloccando l'accesso agli aeroporti tra cui l'O'Hare International di Chicago e il Seattle-Tacoma International, nonché il Golden Gate Bridge di San Francisco e il ponte di Brooklyn a New York.

READ  Le voci di Counter Strike 2 evaporano

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *