Express, il rivenditore di Bonobos e UpWest, dichiara bancarotta

Express, un punto fermo dei centri commerciali in tutto il paese, ha dichiarato bancarotta lunedì mentre i consumatori si spostano dall'abbigliamento formale e da lavoro a quello casual e confortevole.

La società, che comprende il marchio di abbigliamento maschile Bonobos e il marchio di abbigliamento Upwest, ha dichiarato che chiuderà 95 sedi Express e tutti i 10 negozi Upwest. Martedì inizierà la vendita finale. La presentazione del Capitolo 11 non influirà sull'esperienza di acquisto online o in-app.

In un comunicato stampa, il rivenditore con sede a Columbus, Ohio, ha affermato che intende operare come al solito mentre inizia il processo di vendita supervisionata dal tribunale. WHP Global, Simon Property Group e Brookfield Properties vogliono acquistare la maggior parte dei negozi e delle attività al dettaglio dell'azienda.

“Express ha un forte portafoglio di marchi e una piattaforma omnicanale leader”, ha affermato Stewart Glendinning, amministratore delegato di Express. “La nostra massima priorità è fornire ai nostri clienti gli stili contemporanei e il valore che si aspettano da noi.”

Express aveva registrato vendite in calo per anni, in difficoltà anche prima della pandemia. Negli ultimi anni, l’azienda ha dovuto affrontare maggiori sfide poiché i consumatori si spostano verso lavori remoti o ibridi e gli americani si orientano verso un’estetica più casual.

Express ha registrato una perdita operativa di 28,7 milioni di dollari su un fatturato netto di 454,1 milioni di dollari nel terzo trimestre del 2023, il periodo più recente per il quale ha pubblicato i risultati finanziari.

In una telefonata con gli investitori a novembre, Glendinning ha affermato: “Dobbiamo rivitalizzare le prestazioni del nostro Brand Express e costruire basi solide per sviluppare il potenziale della nostra azienda”. Tra le altre sfide, ha sottolineato il calo del traffico pedonale e i “passi falsi” nella strategia aziendale dell'azienda.

READ  I mercati asiatici sono stati contrastanti nel commercio poiché i funzionari della Fed erano divisi sugli imminenti aumenti dei tassi

La società è stata cancellata dalla Borsa di New York all'inizio di marzo, con la sua capitalizzazione di mercato media inferiore a 15 milioni di dollari per il periodo più lungo.

Le chiusure dei negozi e la dichiarazione di fallimento fanno parte di un piano più ampio per ridurre i costi, mentre i dirigenti hanno affermato che la partnership con WHP metterà risorse a sostegno di uno sforzo di risanamento.

“WHP è un partner forte dell'azienda dal 2023 e la transazione proposta ci fornirà risorse finanziarie aggiuntive, posizionerà meglio l'azienda per una crescita redditizia e aumenterà il valore per i nostri azionisti”, ha affermato Glendinning.

Express ha visto le sue vendite diminuire anche se il settore dell’abbigliamento in generale rimane forte. Parte del problema è che le offerte più formali dell’azienda hanno sofferto poiché le tendenze del lavoro da casa hanno contribuito alla più ampia “normalizzazione” della moda, ha affermato in una nota il direttore esecutivo di Global Data Neil Sanders.

“È fermamente dalla parte sbagliata delle tendenze di Express e, a nostro avviso, la catena ha fatto pochissimi sforzi per adattarsi”, ha affermato Sanders.

L'assortimento al dettaglio dell'azienda è generalmente troppo caro, manca di differenziazione ed è “molto insipido”, ha aggiunto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *