Mentre le aziende chiedono a gran voce l’intelligenza artificiale sul posto di lavoro, le aziende tecnologiche si stanno affrettando a fornirla

All’inizio di quest’anno, Mark Austin, vicepresidente della scienza dei dati presso AT&T, ha notato che alcuni sviluppatori dell’azienda avevano iniziato a utilizzare il chatbot ChatGPT. Quando gli sviluppatori si sono bloccati, hanno chiesto a ChatGPT di spiegare, correggere o migliorare il loro codice.

Sembrava un punto di svolta, sig. disse Austin. Ma poiché ChatGPT è uno strumento pubblicamente disponibile, si è chiesto se fosse sicuro da usare per le aziende.

Così, a gennaio, AT&T ha provato Azure OpenAI Services, un prodotto di Microsoft che consente alle aziende di creare i propri chatbot basati sull’intelligenza artificiale. AT&T lo ha utilizzato per creare un assistente AI proprietario, Ask AT&T, che aiuta i suoi sviluppatori ad automatizzare il loro processo di codifica. Anche i rappresentanti del servizio clienti di AT&T hanno iniziato a utilizzare il chatbot per riassumere le loro chiamate, tra le altre attività.

“Una volta che si rendono conto di cosa può fare, lo adorano”, ha detto Mr. disse Austin. I moduli che una volta richiedevano ore per essere completati richiedono solo due minuti con Ask AT&T, quindi i dipendenti possono concentrarsi su attività più complesse e gli sviluppatori che hanno utilizzato il chatbot hanno aumentato la loro produttività dal 20 al 50%.

AT&T è una delle tante aziende interessate a trovare modi per sfruttare il potere dell’intelligenza artificiale, la tecnologia che alimenta i chatbot e che ha entusiasmato la Silicon Valley negli ultimi mesi. L’IA generativa può generare il proprio testo, foto e video in risposta agli stimoli, aiutando ad automatizzare attività come prendere verbali delle riunioni e ridurre le scartoffie.

Per soddisfare questa nuova domanda, le aziende tecnologiche si sono affrettate a lanciare prodotti per le aziende che incorporano l’intelligenza artificiale negli ultimi tre mesi, con Amazon, Box e Cisco che hanno svelato piani per prodotti basati sull’intelligenza artificiale che generano codice, analizzano documenti e riassumono le riunioni. Salesforce ha recentemente presentato i prodotti di intelligenza artificiale generativa utilizzati nelle vendite, nel marketing e nel suo servizio di messaggistica Slack, mentre Oracle ha annunciato una nuova funzionalità di intelligenza artificiale per i team delle risorse umane.

READ  SpaceX lancerà 21 satelliti Starlink V2 il 19 aprile

Queste aziende stanno anche investendo molto nello sviluppo dell’IA. A maggio, Oracle e Salesforce Ventures, il ramo di capitale di rischio di Salesforce, hanno investito nella start-up di Toronto Cohere. Oracle rivende anche la tecnologia di Coher.

“Penso che questa sia una svolta completa nel software aziendale”, ha detto l’amministratore delegato di Box, Aaron Levy, dell’IA generativa, “questa opportunità incredibilmente eccitante in cui, per la prima volta, puoi davvero iniziare a capire cosa c’è dentro i tuoi dati in un certo senso prima non era possibile”.

Molte di queste aziende tecnologiche stanno seguendo l’investimento di 13 miliardi di dollari di Microsoft in OpenAI, il creatore di ChatGBT. A gennaio, Microsoft ha reso disponibile il servizio Azure OpenAI ai clienti, che possono quindi accedere alla tecnologia OpenAI per creare le proprie versioni di ChatGPT. A maggio, il servizio contava 4.500 clienti, ha affermato il vicepresidente aziendale di Microsoft John Montgomery.

Per la maggior parte, le aziende tecnologiche stanno ora rilasciando quattro tipi di prodotti di intelligenza artificiale generativa per le aziende: funzionalità e servizi che generano codice per gli ingegneri del software, creano nuovi contenuti come e-mail di vendita e descrizioni dei prodotti per i team di marketing e cercano dati aziendali per rispondere ai dipendenti domande. Riassumi domande, appunti di riunioni e documenti lunghi.

“Sarà uno strumento che le persone useranno per fare ciò che stanno già facendo”, ha affermato Bern Elliott, vicepresidente e analista della società di ricerca e consulenza IT Gartner.

Ma l’uso dell’IA generativa sul posto di lavoro comporta dei rischi. I chatbot possono generare informazioni false e fuorvianti, fornire risposte inappropriate e far trapelare dati. L’intelligenza artificiale è spesso incontrollabile.

READ  I numeri estratti per il jackpot Powerball sono stimati in 935 milioni di dollari

In risposta a questi problemi, le aziende tecnologiche hanno adottato alcune misure. Per prevenire fughe di dati e migliorare la sicurezza, alcuni hanno sviluppato prodotti AI in modo da non trattenere i dati dei clienti.

Quando Salesforce ha lanciato AI Cloud il mese scorso, un servizio con nove prodotti basati sull’intelligenza artificiale per le aziende, l’azienda ha incluso un “livello di fiducia” per aiutare a nascondere le informazioni aziendali sensibili per evitare fughe di notizie. Per riqualificare il modello di IA di base.

Allo stesso modo, Oracle ha affermato che i dati dei clienti sono conservati in un ambiente sicuro mentre addestra il suo modello di intelligenza artificiale e che le informazioni non possono essere visualizzate.

Salesforce offre AI Cloud a partire da $ 360.000 all’anno, con un aumento dei costi in base al volume di utilizzo. Microsoft addebita il servizio Azure OpenAI in base alla versione della tecnologia OpenAI scelta dal cliente e al volume di utilizzo.

Per ora, l’IA generativa viene utilizzata principalmente in situazioni di lavoro a basso rischio, piuttosto che in settori altamente regolamentati, con un essere umano, ha affermato Beena Ammanath, amministratore delegato del Deloitte AI Institute, un centro di ricerca presso la società di consulenza. Un recente sondaggio di Gartner su 43 aziende ha rilevato che più della metà degli intervistati non disponeva di una politica interna sull’IA.

Panasonic Connect, parte del colosso giapponese dell’elettronica Panasonic, ha iniziato a creare il proprio chatbot a febbraio utilizzando il servizio Azure OpenAI di Microsoft. Oggi, i suoi dipendenti fanno al chatbot 5.000 domande al giorno, dalla stesura delle email alla scrittura del codice.

Sebbene Panasonic Connect si aspetti che i suoi ingegneri siano i principali utenti del chatbot, ha affermato Juda, anche altri dipartimenti come quello legale, contabile e di garanzia della qualità aiutano a condensare documenti legali, elaborare soluzioni per migliorare la qualità del prodotto ed eseguire altre attività. Reynolds, responsabile del marketing e delle comunicazioni per Panasonic Connect.

“Tutti hanno iniziato a usarlo e non ce lo aspettavamo nemmeno”, ha detto. “Quindi le persone ne stanno davvero approfittando.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *