Mercato azionario oggi: aggiornamenti in tempo reale

Azioni Vendita dura Dopo i commenti del presidente della Federal Reserve Jerome Powell di martedì, i tassi dovrebbero rimanere alti più a lungo, alimentando i timori di un forte aumento alla prossima riunione politica della banca centrale.

La media industriale del Dow Jones ha chiuso in ribasso di 574,98 punti, o dell’1,72%, a 32.856,46. L’S&P 500 ha perso l’1,53% a 3.986,37 e ha chiuso sotto quota 4.000. Il Nasdaq Composite è sceso dell’1,25% a 11.530,33.

I rendimenti dei Treasury a 2 anni sono aumentati del 5% rispetto al 2007 a causa del calo dei principali indici azionari. Il selloff di martedì porta il Dow in territorio negativo per il 2023, in calo di circa lo 0,9%. Lo S&P e il Nasdaq sono saliti rispettivamente del 3,8% e del 10,2% nell’anno.

“I recenti dati economici sono stati più forti del previsto, suggerendo che il livello finale dei tassi di interesse sarà più alto di quanto previsto in precedenza”, ha detto martedì mattina Powell alla commissione per le banche, l’edilizia abitativa e gli affari urbani del Senato. “Se la totalità dei dati indica che è necessario un inasprimento più rapido, saremo pronti ad aumentare il ritmo degli aumenti dei tassi”.

I commenti suggeriscono che la banca centrale potrebbe prendere in considerazione un aumento dei tassi maggiore rispetto all’aumento di 25 punti base del mese scorso alla prossima riunione politica del 21-22 marzo.

Secondo Morgan Stanley, hanno nuovamente segnalato un aumento dei tassi di mezzo punto alla riunione di marzo della banca centrale, a seconda della forza dei dati economici in arrivo.

I commenti di Powell indicano che il tasso massimo per i fondi federali, noto anche come tasso terminale, sarà più alto di quanto previsto in precedenza, anche se gli investitori ritengono che la Fed potrebbe presto smettere di salire.

READ  Joe Flacco accetta di patti con Colts per un contratto di un anno, dicono le fonti

“Questa non è una notizia sorprendente, ma è un duro promemoria per i mercati dopo un rally così vivace”, ha affermato l’analista statunitense di eToro Callie Cox. “La massima priorità della banca centrale è ridurre l’inflazione, e per una buona ragione. Le persone continuano a tenere conto di un’inflazione più elevata, che potrebbe essere una brutta situazione per gli investitori a lungo termine e correre il rischio di prezzi più alti”.

I titoli bancari hanno subito perdite poiché gli investitori temevano che aumenti dei tassi più elevati potessero spingere l’economia in recessione. Wells Fargo ha perso il 4,7%. Bank of America, Goldman Sachs e JPMorgan Chase hanno perso ciascuna il 3%. Anche i titoli tecnologici Megacap sono diminuiti, con Apple, Alphabet e Microsoft che hanno perso almeno l’1%.

Azioni di compagnie aeree Largo I mercati crollano dopo che il Dipartimento di Giustizia ha intentato una causa per bloccare l’acquisizione di Spirit Airlines da parte di JetBlue United Airlines è salita del 3%. Delta e American hanno guadagnato rispettivamente l’1,6% e l’1,5%.

I commenti di Powell hanno aumentato la posta in gioco per il rapporto sull’occupazione di febbraio di venerdì mattina, che potrebbe mostrare un mercato del lavoro resiliente che consentirebbe alla Fed di aumentare. Gli economisti si aspettavano 225.000 posti di lavoro aggiunti il ​​mese scorso, secondo un sondaggio Dow Jones.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *