Procter & Gamble contrasta le affermazioni di “avidità” dopo l’aumento dei margini

Procter & Gamble ha aumentato i margini di profitto per la prima volta in due anni, poiché negli ultimi mesi il più grande produttore mondiale di articoli per la casa ha aumentato i prezzi per i consumatori più velocemente dei propri costi.

Ma i dirigenti del Bellwether dei beni di consumo si sono opposti all’idea che gli acquirenti fossero determinati a massimizzare i profitti a spese degli acquirenti – un fenomeno noto come “avidità” – e hanno avvertito che non vi era alcun “rilievo su larga scala” nei costi di input.

I prezzi di tutto il suo portafoglio di prodotti di consumo, tra cui il detersivo per piatti Fairy, gli spazzolini da denti Oral-B e i pannolini Pampers, sono aumentati di un decimo nell’ultimo trimestre.

Di conseguenza, i consumatori in difficoltà finanziarie hanno acquistato meno prodotti da P&G e le vendite dell’azienda sono diminuite del 3% nei tre mesi fino alla fine di marzo.

Tuttavia, i prezzi più alti hanno compensato il calo dei volumi e hanno aiutato l’azienda con sede a Cincinnati a generare un fatturato netto di 20,1 miliardi di dollari, in aumento del 4% rispetto allo stesso periodo di un anno fa.

E nonostante l’aumento dei costi di beni e materiali, il margine lordo di P&G è aumentato di 1,5 punti percentuali al 48,2%, il primo miglioramento dal 2021.

I risultati hanno spinto le azioni di P&G, che finora sono cambiate poco per l’anno, a salire del 4% nelle negoziazioni mattutine a New York.

Sebbene l’aumento dei margini di P&G sia stato determinato principalmente dall’aumento dei prezzi, anche i risparmi di produttività hanno contribuito. L’utile netto è aumentato del 2% a 3,42 miliardi di dollari.

READ  Jalen Mills ha firmato nuovamente con i Patriots con un contratto di un anno e potrebbe tornare al sicuro

Andre Schulten, chief financial officer, ha affermato che sia gli aumenti dei prezzi che le iniziative di produttività sono “assolutamente fondamentali per noi per continuare a operare in questo ambiente”.

Ha detto che la società, i cui prodotti includono shampoo Head & Shoulders, tamponi Tambox e rasoi Gillette, sta “iniziando a scavare una via d’uscita” dopo l’erosione dei margini nei trimestri precedenti.

Venerdì P&G ha dichiarato di dover affrontare un “vento contrario” di $ 3,5 miliardi nell’anno finanziario che si concluderà a giugno a causa del cambio estero sfavorevole e dei maggiori costi di materiali e attrezzature.

Il colpo previsto è stato di $ 200 milioni in meno rispetto alla previsione totale di gennaio a causa di costi di inventario e trasporto meno severi rispetto a quanto previsto in precedenza.

Anche così, Schulten ha affermato che i prezzi di alcuni prodotti, come la pasta di legno, stanno “diminuendo un po’”, mentre altri prodotti ad alta intensità energetica, tra cui la soda caustica e l’ammoniaca, stanno aumentando.

“Non c’è un ampio sollievo in termini di costi di input”, ha affermato, aggiungendo che il recente miglioramento dei margini è stato “modesto”.

Il CFO non è rimasto impressionato dai piani tariffari di P&G nei prossimi mesi, anche se ha lasciato intendere che il peggio è passato per gli acquirenti.

Ha notato che mentre il “contesto dei costi” era ancora “inutile”, non si era deteriorato in modo significativo nelle ultime settimane.

Sulla base dei risultati trimestrali, P&G ha affermato di aspettarsi che le vendite annuali crescano del 6% su base organica, rispetto al precedente intervallo compreso tra il 4 e il 5%.

READ  L'Arkansas ha sconvolto il numero 1 del Kansas nel secondo round di March Madness

Tuttavia, prevede che l’utile per azione si collochi nella “fascia bassa” dell’intervallo precedentemente fornito. La società prevede un utile netto diluito per azione stabile e in aumento del 4%.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *